Cittadella, ucciso sulle strisce nel 2017. Mai trovato il pirata Il ricordo di Danilo, le tante promesse e quel ponte pedonale

Attraversare la strada utilizzando le strisce pedonali quando il semaforo rosso impone l’alt ai veicoli. Un gesto prudente e corretto ma che a Danilo Di Majo è costato la vita. Era la sera del 24 luglio 2017 e lo studente di Medicina, 25 anni originario di Enna, veniva falciato da un’auto pirata davanti la Cittadella universitaria di Catania, lungo viale Andrea Doria. Lo stesso che, ogni giorno, percorrono centinaia di studenti per raggiungere i poli didattici dell’ateneo. Danilo, quel giorno, aveva superato l’esame di Ginecologia. È morto dopo cinque giorni di agonia trascorsi in un letto della Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro. Subito dopo i fatti i familiari hanno deciso di donare gli organi della vittima e la procura etnea aprì un fascicolo con l’obiettivo di identificare auto e guidatore. Passati tre anni, la morte del 25enne non ha però ancora giustizia

A tenere vivo il ricordo del promettente futuro medico ci hanno pensato amici e colleghi. È nato il comitato Forza Danilo ed è stata organizzata anche una fiaccolata molto partecipata con l’intitolazione, il 10 ottobre del 2017, di un’aula studio della cittadella. Tanti momenti che hanno avuto come scopo prioritario quello di sensibilizzare opinione pubblica e politica sull’estrema pericolosità di quell’attraversamento pedonale. Sempre nel 2017, è stata lanciata anche una petizione, sulla piattaforma online Change, con più di ottomila sottoscrizioni. Ma quel pezzo della circonvallazione di Catania resta pressoché identico. E attraversare la strada, anche se sulle strisce, è ancora molto pericoloso.

Alcune toppe sono state messe. Briciole se paragonate a promesse e impegni presi negli ultimi tre anni. Tra le cose fatte ci sono alcuni attraversamenti pedonali leggermente rialzati, indicati da cartelli, e un rilevatore della velocità. Non c’è invece traccia dell’autovelox fisso, annunciato come di imminente istallazione in un’intervista a questa testata dall’allora assessore alla Mobilità Rosario D’Agata. Una determina del 6 ottobre 2017 – tre giorni prima della fiaccolata – aveva anche istituito un’area di sosta permanente da utilizzare per il posizionamento di un dispositivo mobile. Usato però raramente. 

Un capitolo a parte merita la storia della costruzione di un ponte pedonale. Presente un tempo e poi rimosso. L’infrastruttura, in un primo momento, è stata annunciata come collegata alla realizzazione del parcheggio scambiatore di viale Fleming. Ma l’opera, a inizio gennaio dello scorso anno, è stata esclusa dal piano comunale finanziato con fondi della Regione. Esisteva anche un piano alternativo. Ed era quello collegato al workshop di progettazione SovrApPasso d’uomo, un concorso di idee con tanto di nodo al fazzoletto del sindaco Salvo Pogliese durante un dibattito pubblico. «Oggi prendo un impegno – disse il primo cittadino rivolgendosi alla platea – il progetto giudicato il migliore di questo workshop verrà finanziato all’interno del patto per Catania». All’evento finale però – 9 dicembre 2019 – nessuno dell’amministrazione si fece vedere. «Da quelle dichiarazioni non siamo più riusciti ad avere contatti con loro e poi si aggiunto pure il Covid – spiega a MeridioNews Alessandra Di Nora, una collega di Danilo che, adesso, indossa il camice bianco – Noi come gruppo civico abbiamo perso anche un po’ di fiducia nei confronti del mondo politico».

«Dopo la presentazione dei progetti abbiamo inaugurato l’evento Azioni. L’assenza dell’amministrazione fu un segno abbastanza brutto perché ci aspettavamo una continuità in seguito alla promessa del sindaco», spiega a MeridioNews l’ingegnere Simone Grasso, tra i responsabili di Whole-urban regeneration nell’ambito del progetto SovrApPasso d’uomo. «Il workshop doveva essere l’inizio di un progetto più ampio che vedeva la cittadinanza protagonista di un intervento – continua Grasso – L’obiettivo non era obbligatoriamente la realizzazione del progetto vincitore. Il processo è andato avanti e abbiamo continuato a pensare cosa è possibile fare. Vorremmo creare un comitato cittadino con la giusta forza tecnica e sociale per realizzare la messa in sicurezza di quella zona. L’amministrazione potrebbe lavorare come facilitatore per garantire la realizzabilità anche di interventi meno impegnativi». 

A confermare l’impegno dell’amministrazione tuttavia è l’assessore alla Mobilità Giuseppe Arcidiacono. Contattato telefonicamente da MeridioNews spiega: «Il progetto del ponte è nel patto territoriale. Appena firmeranno la rimodulazione faremo tutto». Tempi? «Si tratta di una cosa nei programmi dell’amministrazione». L’ennesimo nodo al fazzoletto è stato fatto. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]