Inaugurazione con protesta

Certo non si può dire che la giornata d’inaugurazione dell’anno accademico 2004/05, 570° dalla fondazione, tenutasi sabato 19 febbraio nell’aula magna del complesso dei benedettini, sia iniziata nel migliore dei modi.

Infatti, i tanti invitati e partecipanti che vi si sono recati, hanno trovato ad aspettarli sulla soglia del monastero una delegazione del personale tecnico-amministrativo dell’ateneo, che manifestava a tamburo battente contro l’amministrazione universitaria per non aver ancora ricevuto gli spettanti arretrati del CCNL, “reiterato in occasione di tutti gli incontri finora svolti”. Come dire che piove sul bagnato, per una amministrazione che si trova già a dover fare i conti con quella che è stata dipinta come la bestia nera del mondo accademico, ovvero la tanto innovativa, ma proprio per questo deprecata, Riforma Moratti.

E proprio accentrato sulla Riforma è stato il discorso del Rettore Ferdinando Latteri, che ha evidenziato davanti alle più alte personalità civili ed ecclesiastiche della città come il 2004/05 si presenti con le “caratteristiche di un anno impegnativo e laborioso per i numerosi adempimenti di riforma e di innovazione che si profilano al nostro orizzonte”.

Latteri ha poi affermato che il primo punto da risolvere è certamente quello di revisione dello schema della didattica e dell’ordinamento della docenza. Da qui in poi il Rettore si è lasciato andare in un lungo excursus autoreferenziale ed esaltatore dell’impegno dell’ateneo catanese anche nella realizzazione di strutture atte a migliorarne la qualità.
Molto più pragmatico, senza toni polemici o invettive versus Moratti, è stato il discorso dell’amministratore Nino Domina, che anzi, ha reso note forme di accordo e collaborazione tra università ed enti pubblici e privati, come ad esempio quello con l’INPDAP nel settore pensionistico e con alcuni call center. In seguito si è limitato ad elencare tutti i progressi delle strutture accademiche etnee.

Prima di lasciare spazio alla lezione inaugurale del Preside Antonio Pioletti, i rappresentanti degli studenti Giuseppe Licata (C.d.A.) ed Uccio Muratore (Presidente C.N.S.U.) hanno ben espletato il loro compito, con discorsi brevi ma intensi su quella figura spesso dimenticata dai docenti in occasione delle tante forme di proteste contro la Riforma, ma che è il cuore e la base fondamentale degli atenei: lo studente. In particolare Muratore, ha proposto alle alte cariche universitarie di concorrere a tutta una serie di convenzioni che migliorino la qualità di vita della classe studiante.
Si auspica quindi che tali discorsi prescindano da una demagogia incalzante per realizzare una forte e lungimirante università.

A chiusura di tutto, può considerarsi al di sopra delle righe la lezione del preside Pioletti, sia per il contenuto aulico della lezione, sia per aver dimostrato una forte sensiblità, dedicando la lezione a Giuliana Sgrena, con la speranza di una sua repentina liberazione e di una pace sempre più vicina. Pioletti ha spiegato all’assemblea la storia e la struttura dei canoni e dei sistemi culturali, partendo dalle forme greche per arrivare ad un futuro, definito dal docente di filologia romanza, “lo spazio restante, quello da costruire”.

Notevole è stata l’esibizione della corale polifonica dell’ERSU, che si esibita con un Inno di Mameli ed un “Và pensiero”, rispettivamente ad inizio ed ha chiusura della giornata, che hanno dato un tocco di solennità in più, insieme alla presenza di ospiti illustri come il Rettore dell’Università di Palermo, Giuseppe Silvestri, il Rettore dell’Università di Messina, Francesco Tomasello, il Rettore dell’Università di Lecce, Oronzo Limone, insieme ai delegati delle Università di Reggio Calabria e Buenos Aires, con la quale il nostro ateneo ha stretto rapporti di collaborazione. 

I punti salienti dell’inaugurazione sono sicuramente questi, ma credo che bisogni spendere due righe descrivendo l’aria di festa che trasudava dai muri del monastero. Quelle stesse mura che giorno dopo giorno raccolgono le parole, i sussurri, i pianti e le allegre risa degli studenti di Lingue e Lettere impegnati nel loro lavoro quotidiano, oggi hanno raccolto anche quelle di tutti gli altri appartenenti alle altre facoltà, in una simbiosi di gruppo. Il piano terra si è trasformato per l’occasione in un grande camerino dove toghe ed abiti da cerimonia avevano il sapore di un antico sfoggio, reso sicuramente più moderno da chi non sapeva da quale parte iniziare per indossarli. Il tutto condito da un buon umore e da pacche di spalle che, nonostante tutto, continuano la loro secolare tradizione all’interno del gymnasium siculorum.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]