In Area Didattica si discute

“L’avevamo detto” e non è Cassandra a parlare, ma l’Area Didattica.

 

Un’Area Didattica che sente la necessità di incontrarsi, di discutere e di ricostruire la vicenda a partire dal disagio dei professori.

 

La situazione della facoltà era da tempo precaria e il binario sbagliato è stato imboccato quando le politiche locali hanno perseguito il folle sogno del “quarto polo”, aprendo facoltà a grappolo d’uva. Facoltà, la cui fine oggi è nota a tutti.

E Lingue è quella che più consapevolmente delle altre facoltà si è battuta contro questa politica sconsiderata e che oggi, suo malgrado, ne paga le conseguenze.

I nodi, insomma, vengono da lontano e questo era stato preannunciato da tempo.

Ma la situazione resta attualmente fluida: una possibile apertura di un tavolo di trattativa tra Ateneo e Consorzio potrebbe ribaltare la situazione o il verdetto della vertenza di giorno 25, presso il tribunale ordinario di Catania, potrebbe far mutare gli scenari.

 

Proprio per questa incertezza la Facoltà non può dare indicazioni definitive agli studenti, assicura però che farà tutto il possibile per ridurre i disagi per gli iscritti e per le loro famiglie, anche se non saranno attivati gli insegnamenti per il primo anno. Il presidente di Area Didattica, prof.ssa Laudani, garantisce che gli studenti potranno comunque sostenere gli esami e portare a compimento i propri studi. Chi si iscriverà al primo anno ripetente, inoltre, non ha l’obbligo di frequenza, ma ha il diritto di frequentare. Per questo si potrebbero attivare, come supporto, dei tutoraggi  garantendo le lezioni per alcune materie e gli esami per tutte. 

Così come ci si augura di recuperare, tramite una variazione del piano di studi, la specialistica in lingue orientali, unica in tutta la Sicilia.

Tutte queste sono ipotesi chiaramente da sottoporre a verifica, in base alle condizioni che si presenteranno nell’immediato futuro.

 

Ma al momento i primi anni sono bloccati ed è sulla base di questo dato che la commissione didattica deve lavorare. Le conseguenze del blocco delle immatricolazioni sono notevoli: si tratterebbe di un “effetto domino” che colpirebbe non solo le materie dei primi anni, ma coinvolgerebbe anche i professori “strutturati”. La Commissione didattica sta infatti riorganizzando gli insegnamenti per il prossimo anno accademico, nonostante la fluidità del momento che potrebbe far ridiscutere il piano didattico.

 

Una cosa è comunque certa: il momento è critico. In attesa del verdetto della Magistratura e di scoprire se i primi anni partiranno o meno, rimane il nodo della legge 270 a dividere i professori. Alcuni ritengono che una più pronta applicazione avrebbe evitato il caos di questo periodo altri la considerano tout court un danno per il sistema universitario.  

Entro luglio la Facoltà deve sapere se questo blocco delle immatricolazioni è “provvisorio” o se, nei fatti, Lingue a Ragusa scompare.

Nessuno dei professori è disposto a rimanere in queste condizioni di estrema precarietà e solo una svolta politica può cambiare le sorti della nostra sede: chiudere i corsi sterili e aumentare le risorse nelle facoltà virtuose sembra essere l’unica soluzione. Ma da parte della Facoltà non devono comunque mancare una riflessione e una buona autocritica che portino sollievo non solo allo scoramento generale ma anche alla qualità didattica.

La Facoltà si rammarica di questo scontro tra i vertici dell’Ateneo e del Consorzio, ma è convinta che con un buon impiego delle risorse sia possibile superare il trauma e riacquistare un buon rapporto col territorio.

Senza però delle garanzie certe e degli investimenti adeguati e pluriennali è chiaro che il progetto a Ragusa morirebbe, con tutto quello che ne consegue. Insomma: per adesso – salvo  colpi di scena –  i primi anni restano chiusi, ma è necessario sapere al più presto se è possibile ripartire dopo questa gelata o se si dovrà scrivere in via definitiva la parola fine a questa esperienza.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]