Il vecchio ordinamento non si tocca

In questi giorni per i corridoi del nostro monastero è circolato un leggero venticello…che ha fatto venire comunque i brividi ad alcuni studenti del vecchio ordinamento della facoltà di Lingue.

Si è vociferato, infatti, che tra un anno o giù di lì, tutti gli appartenenti all’ordinamento “pensionabile” sarebbero dovuti passare al nuovo, per conformarsi tutti in un solo piano di studi.

 

Inutile dirlo, su queste voci si sono create delle vere e proprie catene di S. Antonio, che ognuno ha arricchito come ha potuto, giurando magari di averlo sentito da un collega che era stato alla lezione “solennemente indetta” dal professore X per annunciare a tutti la triste verità.

 

Rimasto raggelato da tale inaspettato venticello mi reco alla segreteria di presidenza per trovare quiete ai dubbi che mi assalivano.

Mi sono bastati circa venti secondi per rendermi conto di quanto il passaparola fosse il mezzo di comunicazione più efficace al mondo, soprattutto quando si tratta di emerite e illustrissime “bufale”.

 

Con ciò il vecchio ordinamento è salvo, ma resta da constatare che effettivamente i “nonnini” all’interno delle mura della nostra facoltà fanno fatica ad andar via.

A chi attribuire la colpa? Tralasciando le chiacchiere portate agli orecchi dai venticelli, crediamo sia opportuno fare una seria analisi della scena.

La facoltà di lingue e letterature straniere accoglie ogni anno nelle sue aule circa 2000 iscritti, dei quali se ne laureano appena 30 circa all’anno. La colpa primaria di tale dato spetta sicuramente alla riforma Moratti, che taglia i fondi economici a scapito delle ore d’insegnamento per i professori e delle strutture, e fa aumentare i carichi didattici e le ore di studio per mandare i ragazzi ad accrescere l’esercito studentesco, perché effettivamente lavoro, alla fine dei conti, non c’è n’è per nessuno.

 

Se poi vogliamo essere tanto pignoli da cercare “il pelo nell’uovo”, possiamo dire che i ragazzi del vecchio ordinamento possono affibbiare la colpa agli esami scritti. Difatti questi esami, ormai temuti più di certi famosi professori, sono diventate delle vere e proprie bestie nere, che vietano l’uscita definitiva dal cancello del monastero. Tali esami, infatti, presentano alla resa dei conti, una discrepanza tra ciò che si è studiato (quindi comprese le ore di insegnamento) e ciò che si deve sapere per poter affermare di conoscere una lingua.

 

Tale problema atavico è passato da qualche tempo ormai alla seria visione della commissione didattica, che sta vagliando delle ipotesi di risoluzione, tenendo sempre conto dell’esiguo ammontare economico della facoltà. L’ipotesi più accreditata in questi giorni (ma sempre ipotesi rimane), è quella di creare degli organi di tutorato e di sostegno, dove gli studenti possano riprendere lo studio della lingua, monitorati costantemente da professori che seguano passo passo i loro miglioramenti e chiariscano dubbi ed errori ormai fossilizzati nelle menti. Il tutto contornato dalla possibilità di effettuare prove “in itinere” per il superamento degli esami.

 

Altra ipotesi è quella di aumentare il numero degli appelli scritti.

Quello che si può dire con certezza è che presto tutto sarà tamponato con efficacia.

Il nuovo ordinamento? Anche per questo ci sono novità, una revisione dei carichi di studio innanzitutto, ma ci riserviamo di delucidarvi pienamente su questo in un prossimo articolo.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]