Il rock lingua franca tra generazioni

Francesco Virlinzi è ancora on stage. Stavolta la mostra fotografica “LIVE ’80” – con la sua vertiginosa miscellanea di generi e stilemi: da Dylan a Bruce Springsteen, dai Rolling Stones a Prince, da Jackson Browne a Tracy Chapman, per finire con U2, Talking Heads, Water Boys e gli immancabili R.E.M. – torna stranamente incorniciata nello “spazio museale” delle ex Cucine del Monastero dei Benedettini. Una sede più ufficiale non si poteva scegliere, l’università di Catania ha voluto rendergli omaggio, perché?

Certo, guardando quelle immagini, continuiamo a chiederci come facesse questo ragazzo catanese, munito soltanto delle credenziali della sua duplice passione per la musica e la fotografia, a infiltrarsi durante i soundcheck, a convincere diffidenti impresari e inflessibili guardaspalle ad ammetterlo nell’area dei V.I.P. e a permettergli di fotografare dal palco. Chissà quale carica di entusiasmo, simpatia e mediterranea improntitudine c’è voluta. Veramente incredibile. Ma questa è semplice curiosità, il discorso è un altro.

Perché è un dato di fatto che negli ultimi vent’anni – il tempo che ci separa dalle foto di Virlinzi – nessun’altra cosa, né il cinema, né la letteratura, né tanto meno gli impeti ideologici, hanno assunto  quanto la musica rock il carattere di un “canone”; cioè di una costellazione di classici comune a tutti, prescindendo dalle generazioni di padri e figli (e di nonni). Lo spettacolo delle volpi d’argento sul palco planetario del Live 8 è stato soprattutto questo: brand di consolidata fama e tradizione che si ripresentano, rispolverati per far apprezzare alle giovani generazioni la potenza dei “classici”, sessantenni applauditi anche dai ventenni.

Il rock lingua franca concettuale e simbolica per le nuove come per le vecchie generazioni forse è l’etichetta sotto la quale archiviare una società priva in realtà di generazioni dai ruoli forti, nella quale oltretutto “essere giovani” è diventato un riferimento a prescindere dall’età anagrafica. Certo, di musica nuova ce n’è. Ma quella universale, quella che suona in infinite e nostalgiche rivisitazioni di un recente passato divenuto eterno presente, è solo quella rock (pop, più che rock, ma l’etichetta è assai elastica). Si tratta di una questione piuttosto spinosa su cui è difficile fornire un parere definitivo, e nella quale inciampano (o meglio precipitano) tutti i reportage dedicati ai modi e alle mode delle ultime generazioni, tutti i servizi che si affannano a raccontare il meraviglioso mondo dei giovani.

La mostra di Francesco Virlinzi assume anch’essa il ruolo di ponte tra le generazioni. Quanto aiuta il remake dei classici? E quanto, invece, inibisce l’emergere di veri innovatori, quelli che dovrebbero diventare i classici di domani? In assenza di nuovi suoni, disturbanti e affascinanti, le nuove generazioni sbandano? La creatività  ristagna? Il riflusso avanza? Il dubbio è legittimo. Eppure rimaniamo consapevoli che la musica che abbiamo attraversato è soprattutto la musica che ci ha attraversato. Resta perciò la speranza che il riferimento al passato possa costituire un laboratorio di idee. E che resti vivo il ruolo che ha avuto il rock: dare alle nuove generazioni la speranza o l’illusione di essere diversi dai padri.

———–

“LIVE ’80, le immagini dei concerti che hanno fatto la storia del Rock fotografate da Francesco Virlinzi”: Monastero dei Benedettini, area museale delle ex Cucine, dal 6 al 16 marzo. Ogni mattina dalle 10 alle 13 e pomeriggio dalle 15.30 alle 19 (chiusa il sabato pomeriggio e la domenica).


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]