Il primo (confuso) Consiglio comunale delle neo-assessore Ecco il profilo delle nuove «cariche tecniche e politiche»

Quasi tre ore di seduta per approvare un solo punto all’ordine del giorno e l’ennesimo rinvio sul regolamento di chioschi, dehors e sponsorizzazioni. Il clima sembra quello delle riunioni di condominio e ogni intervento viene urlato. È un Consiglio comunale che risente degli strascichi delle manovre politiche per le elezioni regionali, ma anche di una giunta precaria che fino a ieri disponeva di soli sei componenti. E che, talvolta, è stata tacciata di assenteismo in aula. In questo clima le nuove assessore – nominate ieri  Viviana Lombardo, Adriana Patella e Cinzia Torrisi, hanno presenziato al loro primo consiglio comunale da amministratrici. Ma a pesare, come fanno notare dai banchi dell’opposizione, è anche lo stallo legato alla seconda sospensione del sindaco Salvo Pogliese, ormai risalente a fine gennaio. L’ipotesi dimissioni genera una condizione di incertezza ma, secondo alcuni, adesso sarebbero più lontane con l’ingresso di tre nuovi volti nella giunta guidata dal sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi

«Qualcuno mi ha detto che ci vorrebbe un mago per sciogliere questo nodo», è il commento di Viviana Lombardo, neo assessora con delega alle Attività produttive. A quest’ultima, figlia d’arte e avvocata di professione, è stata assegnata la delega prima di competenza dell’ex assessore Ludovico Balsamodimessosi in aperta polemica, e tirando in ballo anche il regolamento sui dehors, l’1 aprile. Patella, esperta di progettazione e formazione sociale, si occuperà invece di politiche per la famiglia e dei servizi sociali ricoprendo il posto precedentemente occupato da Giuseppe Lombardo. A Torrisi, insegnante di professione, è toccata invece la gestione di scuola, cultura e politica giovanile, delega quest’ultima lasciata scoperta da Barbara Mirabella, adesso in lizza per le elezioni regionali con Fratelli d’Italia, lo stesso partito di cui Pogliese è coordinato per la Sicilia orientale.  

«Sono nomine tecniche, ma tutto è politica», ammette Patella, in quota autonomista, già consigliera della seconda circoscrizione che accorpa i quartieri di Ognina, Barriera, Canalicchio e Picanello. Proprio in quest’ultimo, al civico 1 di via Calipso, ha sede l‘asilo nido comunale di cui è stata presidente: La Giostra dei bimbi. Nel suo curriculum c’è anche il ruolo di componente della commissione dei servizi sociali del Comune di Catania. «È avvenuto tutto in tempi molto brevi – commenta a MeridioNews con riferimento alla nomina – il gruppo autonomista mi ha indicato in giunta per creare una sinergia con gli altri assessorati anche per portare ciò che ho raccolto nella mia carriera». 

Torrisi e Lombardo, invece, entrano a fare parte della giunta comunale in quota Fratelli d’Italia. Torrisi è stata presidente del Rotary club di Catania e fondatrice del Rotary di San Gregorio. Per Lombardo invece la politica è pane quotidiano in famiglia. Si tramanda di generazione in generazione. E di delega in delega. Figlia d’arte di Nuccio Lombardo, ex presidente dell’allora Asec Spa e attuale Catania rete gas, a lei è toccata la stessa delega – Attività produttive – assegnata al padre nella precedente sindacatura, quella di Enzo Bianco. Nel 2018 la neo assessora si è candidata al consiglio comunale nella lista Catania 2.0, riferimento del deputato Ars Luca Sammartino, prima che quest’ultimo transitasse alla Lega. 

«La mia è sicuramente una nomina anche tecnica, ci sarà da studiare regolamenti e quant’altro, il mio curriculum servirà», commenta Lombardo. Sui punti in programma però l’assessora non si sbilancia ancora. Del resto è solo il primo giorno. «Ho convocato una riunione domani (oggi per chi legge, ndr) e conoscerò coloro che dovranno coadiuvarmi in questa impresa e cercherò di portare avanti il lavoro di che mi ha preceduto», dice Lombardo al termine di un escalation del dibattitto consiliare che ha portato il presidente del senato cittadino a sospendere la seduta. «Ve lo fate voi il consiglio», ha tuonato Giuseppe Castiglione interrompendo un diverbio tra i consiglieri Salvo Di Salvo e Manfredi Zammataro, prima di abbandonare un’aula che riesce a portare a casa solo il regolamento per l’assegnazione dei compensi professionali in favore dei dipendenti dell’ufficio Tributi. «Come primo giorno tutto alla grande», ironizza Lombardo. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]