Il muro costruito dal Potenza crolla nei minuti finali Per i rosa tre punti d’oro e ingresso in zona playoff

Non c’è due senza tre. Il Palermo ci ha preso gusto: dopo avere battuto Juve Stabia e Paganese, i rosanero conquistano nel giro di sei giorni la terza vittoria consecutiva superando al Barbera il Potenza con il punteggio di 1-0 grazie ad un gol realizzato dal centrocampista Luperini al 42’ del secondo tempo. Un successo, quello ottenuto nel recupero della gara valida per la seconda giornata del girone C, che consente agli uomini di Boscaglia di entrare a quota 12 punti in zona playoff e di proiettarsi verso l’immediato futuro con grande fiducia in virtù di un percorso che si sta sviluppando all’insegna della continuità. E’ proprio questa la parola chiave: continuità. Target necessario, in termini di risultati, per legittimare le proprie ambizioni e visibile, intanto, anche sotto altre forme. Il cuore, la grinta e lo spirito di sacrificio che domenica scorsa hanno permesso ai rosa di battere la Paganese e di superare i momenti di sofferenza patiti nel secondo tempo sono stati gli stessi strumenti attraverso i quali il Palermo, nell’ambito di un match con una trama differente, ha costruito l’affermazione contro il Potenza.

Una vittoria per 1-0 che, oltretutto, è bugiarda dal punto di vista del risultato tenendo conto del fatto che i padroni di casa avrebbero potuto imporsi con un punteggio più largo se, soprattutto nella ripresa, non avessero trovato sulla loro strada un portiere (Marcone, estremo difensore allenato a Trapani da Boscaglia) in vena di miracoli. Gli interventi super, nel secondo tempo, su un sinistro a giro del subentrato Silipo (autore a tre minuti dalla fine del cross prezioso capitalizzato da Luperini con un tap-in sotto porta), su una conclusione di destro di Floriano, su un colpo di testa all’incrocio dei pali del neo-entrato Lucca e su un potente destro da fuori area di Odjer sembravano le spie di una partita ‘stregata’ e invece la rete del numero 27 rosanero (per l’ex Trapani, tornato tra gli effettivi dopo lo stop forzato a causa del Covid, si tratta del secondo gol in questo campionato, il primo al Barbera) ha premiato gli sforzi dei padroni di casa. Che, dopo un primo tempo molto complicato durante il quale – complice la minore brillantezza rispetto alle ultime gare evidenziata da alcuni elementi come ad esempio Rauti, Kanouté e Broh – hanno faticato a trovare varchi e a scardinare il muro eretto dagli ospiti schierati con un 3-5-2 leggibile come un 5-3-2 in fase di non possesso, hanno avuto il merito nella ripresa di tenere il piede costantemente premuto sull’acceleratore e di credere fino all’ultimo nella possibilità di conquistare l’intera posta in palio.

Sarebbe stata una beffa non vincere questa partita, praticamente a senso unico al cospetto di un avversario impostato dallo stratega Capuano in un certo modo (il folcloristico tecnico rossoblù ha dovuto rinunciare agli squalificati Cianci e Conson) e sceso in campo con l’unico obiettivo di difendersi. Ecco perché, contro una squadra che per tutto l’arco dell’incontro ha giocato con quasi tutti gli uomini dietro la linea del pallone, la vittoria dei rosa assume un valore ancora più grande. Ci sono partite che riesci ad incanalare sui binari a te più congeniali come quella con la Paganese e altre come quella contro il Potenza in cui devi essere bravo a sciogliere i nodi e cercare, con pazienza, nuove chiavi vincenti. Ed è ciò che ha fatto la formazione di Boscaglia che, grazie anche alla freschezza di giocatori partiti dalla panchina (non è un caso che il gol-vittoria sia nato sull’asse Silipo-Luperini), nel secondo tempo ha creato i presupposti (maggiore gioco senza palla, circolazione più rapida, inserimenti tra le linee) per impensierire l’avversario e portare a termine la propria missione con una di quelle vittorie che rendono felice un allenatore. Una vittoria ‘pesante’, in relazione soprattutto alle dinamiche di una partita ‘antipatica’, e conquistata con una prova di maturità.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]