Il giorno imperfetto

Doveva essere un esperimento per il regista turco, una prova, una sfida. E invece di creare la sceneggiatura con Gianni Romoli, come nei film precedenti, Ozpetek stavolta si affida al romanzo di Melania Mazzucco, omonimo del film come prevede la legge del marketing editoriale – cinematografico. La storia era di per sé troppo tragica per Ozpetek che cambia, interpreta, traspone e tuttavia non sembra altro che un regista alle prime armi. Anzi, non sembra neanche lui: il Ferzan delle “Fate Ignoranti” e i suoi nastri d’argento o della “Finestra di fronte” e i cinque David di Donatello, che lo hanno reso celebre.

“Un giorno perfetto” (distribuzione Fandango, produzione di Domenico Procacci) comincia con l’annuncio di una tragedia e analizza le precedenti ventiquattro ore vissute da una donna, Emma (a cui Isabella Ferrari presta un volto fossilizzato nel patetismo), madre di due figli e separata dal marito Antonio (Valerio Mastandrea), sofferente di disturbi psicologici e non ancora rassegnato alla separazione con la moglie. A questa infelice situazione familiare è collegata la famiglia dell’onorevole Fioravanti, di cui Antonio è guardia del corpo, e di suo figlio Aris orfano di madre morta suicida, giusto per non farci mancare nulla.

I destini si incrociano, è vero, ma male. Come possono i figli della guardia del corpo andare nella stessa scuola dei figli dell’onorevole? Come può una madre, dipinta come affettuosa e premurosa, venire stuprata dall’ex marito la mattina, trascorrere il resto della giornata con la professoressa della figlia e permettere che quello stesso pomeriggio i bambini si trovino in compagnia del padre senza che lei muova un solo dito? Infine, come può uno squilibrato essere guardia del corpo e dunque tenere una pistola?

Ma non è solo questo quello che non va: Ozpetek non voleva i cliché legati ai film precedenti. Evita i personaggi gay ma, non potendo fare a meno di parlarne, l’unico riferimento riguarda la storia di un camionista con un ballerino. O ancora  la Ferrari: donna che tenta di ringiovanirsi per trovare un altro marito ed è causa di disagio per la figlia adolescente. Infine, per completare l’apologia del luogo comune, la storia tra il figlio dell’onorevole e la sua matrigna. E sempre per lasciarsi alle spalle il passato e i suoi innumerevoli cliché, ecco la lista degli attori feticcio, utili a ricordarci che il film è di Ozpetek perché nel corso della trama ce lo siamo dimenticato: Serra Ylmaz, Milena Vukotic, Ivan Bacchi e Rosaria De Cicco.

Anche l’analisi e l’introspezione dei sentimenti, in cui Ozpetek si è più volte dimostrato maestro, non riescono a coinvolgere o a dare un taglio particolare ai personaggi. L’amicizia tra Emma e la professoressa stenta a decollare nonostante nelle migliori intenzioni del regista ci fosse la voglia di dare un barlume di speranza al personaggio che va verso la catastrofe. L’unico punto da approfondire, il più realista, è la casualità con cui l’infermiera (Angela Finocchiaro) si ritrova a soccorrere la bambina, poche ore dopo averla incrociata nel bar col padre. Ma è una scena di pochi secondi, neutralizzata da uno sguardo lungo, intenso e tragicamente fine a sé stesso tra la stessa infermiera e il poliziotto, che lascia interdetto lo spettatore incapace di trovare il nesso tra i due.

Se fare una regia significa creare un mondo, cioè un sistema coerente dentro cui si muovono dei personaggi, Ozpetek non dà allo spettatore la possibilità di inserirsi e di farne parte: è tutto troppo artefatto, troppo statico, finanche scontato.

E poco può l’interpretazione davvero eccezionale di Valerio Mastandrea e di Stefania Sandrelli. Quest’ultima è il ricordo di un cinema italiano d’antan, troppo perfetta per il giorno “imperfetto” dell’ opaco regista.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]