Il Catania ritrova la vittoria ad Udine

Udine. Il Catania ritrova la vittoria che mancava dal lontano 24 gennaio, e lo fa ad Udine in una partita che i friulani chiudono in otto uomini per un eccesso di nervosismo. La partita nel primo tempo offre non poche emozioni. Subito al 1’ di gioco Mascara per il Catania riesce a sbagliare un goal già fatto calciando fuori un assist di Spinesi nell’area piccola. All’ 8’ si vede l’Udinese con Di Natale che impegna severamente Pantanelli in una difficile parata.

Al 25’ i bianconeri sfiorano il vantaggio con Iaquinta che sfrutta un’ingenuità di Cesar mandando la palla sul palo. Due minuti dopo é ancora l’Udinese a rendersi pericolosa con Di Natale che spalle alla porta riesce a girarsi ma calcia alto. Dopo una partenza veemente degli etnei nella seconda metà del primo tempo sono i bianconeri che prendono in mano il pallino del gioco e si fanno più intraprendenti. Nel secondo tempo al 5’ episodio chiave del match. Mascara lanciato in area viene steso da dietro da Motta. Espulsione da ultimo uomo del difensore friulano e calcio di rigore per il fallo avvenuto proprio al limite della linea bianca che delimita l’area. Dagli undici metri Spinesi fa centro e porta il Catania in vantaggio.

Da li’ in poi la partita sarà in discesa per gli uomini di Marino agevolati anche da altre due espulsioni avversarie. Infatti passa appena un minuto ed è Di Natale a finire sotto la doccia anzitempo per frasi irriguardose nei confronti del direttore di gara. Al 14’ ci prova Sivok da dentro l’area ma Pantanelli è reattivo e respinge. Il Catania ha molti spazi adesso per chiudere la gara ma riesce da solo a complicarsi la vita fallendo diverse chances. Al 32’ Dossena, colto da un raptus di follia, compie un brutto fallo ai danni di Edusei, che l’arbitro sanziona giustamente con l’espulsione.

Nonostante la netta inferiorità numerica il Catania negli ultimi minuti di partita decide di non osare quando potrebbe farlo, e porta a casa una vittoria che ormai era attesa da troppo tempo attorno all’ambiente rossazzurro. Adesso in settimana si attende il recupero con l’Ascoli che potrebbe dare altri punti pesanti in chiave salvezza. Di contro l’Udinese oggi contava assenze pesanti tra squalifiche e infortuni ma ha dimostrato comunque carattere mantenendo la partita in bilico fino all’ultimo istante. Probabilmente un eccesso di nervosismo ha pregiudicato l’andazzo della partita che avrebbe potuto prendere un’altra piega.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo