Il capo etiope che sequestrava i migranti al Cara «Si vantava delle protezioni di cui poteva godere»

Un mazzo di soldi in tasca e la sicurezza di chi si sente protetto dai piani alti. «Così funziona la vita in Sicilia». Parola di Asghedom Ghermay, soprannome Amice, uno dei vertici dell’organizzazione di trafficanti di migranti, sgominata stanotte dalla polizia su ordine della Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha disposto l’arresto di 24 persone. Tra questi c’è Ghermay, etiope e capo che opera a Catania. Ha costruito e gestisce una rete di fidati collaboratori all’interno del Cara di Mineo. Dove lui stesso è rimasto per circa un anno, da maggio del 2013 a giugno del 2014, fino a quando ha ricevuto il permesso di soggiorno. Il centro per richiedenti asilo sarebbe stato usato da Ghermay anche come base per tenere sequestrati i migranti, in attesa che i parenti pagassero il riscatto per la loro libertà. 

Il nome di Asghedom Ghermay è noto anche nella comunità eritrea catanese. Perché quella sembrerebbe essere, infatti, la nazionalità che lui avrebbe dichiarato al suo arrivo in Sicilia. Una scelta non casuale: avrebbe reso più facile l’ottenimento del permesso di soggiorno e degli aiuti umanitari. Ma da quanto emerge dall’operazione di stanotte lui proverrebbe in realtà dall’Etiopia. Nel capoluogo etneo ha preso una casa, dopo essere stato dimesso dal Cara. Ma la sua attività di trafficante non si è mai fermata, grazie anche al fratello, Ermias Ghermay, latitante a Tripoli, ritenuto dagli inquirenti italiani il vertice assoluto dell’organizzazione. Su di lui pendono due ordinanze di arresto. Ma è sempre riuscito a farla franca, grazie a presunte protezioni delle autorità locali libiche. 

«Noi l’avevamo avvisato e minacciato: stai esagerando, ma lui ha tirato fuori un mazzo di soldi dalla tasca, intimandoci di farci gli affari nostri. “Così funziona la vita qui”, ci ha detto». A parlare è un membro della comunità eritrea catanese. «Ghermay andava a prendere i migranti che arrivavano a Messina, a Pozzallo, a Siculiana, con mezzi propri o noleggiati. E li faceva entrare al Cara di Mineo, anche se non avevano alcun diritto a stare là. Li teneva sequestrati, fino a quando non arrivavano soldi dall’estero». 

Una situazione che chi racconta ha vissuto in prima persona. «Un mio parente è stato suo prigioniero, mi hanno avvisato dalla Svezia. So chi era Ghermay, sono andato a parlargli. Lui voleva 200 euro, ma non glieli ho dati. Aveva già ricevuto dei soldi per portare quella persona da Siculiana a Catania. L’ho minacciato che avrei chiamato la polizia. Si difendeva dicendo che “quelli del Cara erano senza scrupoli e volevano più soldi”, ma io sapevo che era lui a tirare le fila. Prima mi ha cacciato in malo modo, poi mi ha fatto richiamare da un’altra persona per informarmi che aveva liberato il mio parente e che l’avrei potuto trovare in un locale vicino alla stazione di Catania». 

Perché nessuno lo ha denunciato prima? «Ci abbiamo provato, ma servivano testimoni e non ne avevamo – spiega l’uomo che da molti anni vive a Catania – chi veniva liberato scappava e non voleva sentirne di raccontare tutto alla polizia. Inoltre nessuno affrontava Ghermay con fermezza, c’era molta paura verso di lui. La sua forza derivava dai soldi che gestiva e da suo fratello, Ermias, è lui il vero capo. Mi stupisco di come ancora non siano riusciti a prenderlo, Ashgedom era sempre in contatto telefonico con Ermias». 

Secondo la nostra fonte, Ashgedom Ghermay si vantava delle alte protezioni di cui poteva godere. «Non si riferiva solo al fratello a Tripoli, ma a presunte autorità italiane, ma non ci ho mai creduto perché aveva la bocca larga». 

Per la comunità eritrea gli arresti di oggi sono una liberazione. «Ci eravamo sorpresi che non fosse stato fermato nell’operazione che aveva portato a dicembre a una decina di arresti a Catania. Già allora era chiaro il suo ruolo di vertice. Per noi oggi è una bella giornata».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]