Il bicchiere mezzo vuoto

E’ stata certamente una scommessa rischiosa quella intrapresa dall’associazione evangelica “Progetto Freedom” che ad aprile del 2008 ha aperto a Vittoria il primo pub analcolico sociale d’Italia. Scommessa che rischia d’essere persa, poiché lo scorso 20 ottobre un incendio causato da un guasto elettrico, ha costretto alla chiusura in attesa di fondi per la ricostruzione.

Un esperimento molto interessante come si può vedere già dall’organizzazione di ogni serata: si iniziava con l’offerta gratuita di bevande analcoliche e con la proiezione di un video di 15 minuti su incidenti causati dall’alcol. Una scelta molto forte, per cercare di sensibilizzare i ragazzi a non bere il sabato. Dopo il video, la serata si svolge normalmente con la panineria, la pizzeria, il gruppo musicale della serata.

Come ci dice il Presidente del Progetto Freedom Giuseppe Latino “tutto gira intorno ad un progetto morale, pulito, sicuramente unico nel suo genere”.

Ma l’aspetto più lodevole è sicuramente quello sociale: il Progetto Freedom, che già da tempo si occupa di assistenza ai malati e di altre attività umanitare, investe i proventi delle serate in alcuni progetti sociali per aiutare bambini emarginati, ragazze madri e famiglie con difficoltà economica. Ogni sera un annuncio spiegava la destinazione dell’incasso della serata.

Tutto questo è stato possibile grazie anche all’impegno di tutti i volontari (circa 20-25) che hanno lavorato gratuitamente all’interno del pub svolgendo a turno varie mansioni: dal servizio dietro il bancone alla cassa, dall’accoglienza all’animazione, e c’era anche un buttafuori per garantire la sicurezza dei clienti.

Sull’aspetto sociale non c’è niente da obbiettare: sono rare iniziative così creative che aiutino concretamente chi vive condizioni economiche e sociali disagiate.

Tuttavia, può questo pub analcolico diventare un esempio su come orientare l’educazione contro le stragi del sabato sera? Il “divertimento responsabile”, che ad alcuni sembra un ossimoro, può diffondersi creando ambienti protetti?

E’ difficile che un’iniziativa del genere possa convincere i giovani a comportarsi più responsabilmente, tanto più che l’aspetto religioso dell’iniziativa e alcune “scelte” come la selezione musicale possono risultare indigeste a molti. Per essere efficace l’educazione al divertimento sano deve riuscire a intrufolarsi nei luoghi di divertimento già esistenti, deve concentrasi su “quello che c’è”.

Inutile, invece, accanirsi contro certi modelli culturali considerati “sbagliati” – nell’intervista il sig. Latino cita Marilyn Manson ma altrove parla anche di cartoni animati come Dragon Ball – che spesso la stragrande maggioranza dei giovani segue affascinato da quell’aura d’incomprensione che censure e proibizioni rafforzano, ma mantenendo, comunque, un distacco sufficiente a evitare loro di replicare nella realtà quello che amano ascoltare, leggere o guardare in televisione. Il rischio è convincersi che solo determinate condizioni sociali o influenze culturali spingano i giovani allo ”sballo” e sottovalutare le problematiche personali e inter-personali, che spesso nemmeno i ragazzi stessi riescono a spiegare e spiegarsi. Che “chi ascolta Manson sia un satanista”, comunque, non se la beve più nessuno.

Nonostante quindi, a mio parere, alcuni aspetti di questa iniziativa rischino di creare “un oasi nel deserto” piuttosto che fare reale educazione, questo progetto del pub analcolico va tutelato, non solo perché è un’iniziativa con intenti positivi – e che ha realizzazioni pratiche, attraverso i suoi progetti sociali, ancor più positive –  ma già solo perché è un’alternativa, cosa rara in una città come Vittoria.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]