I sauri all’agghiata, una pietanza che unisce ricordi e tradizione

I sauri all’agghiata sono un piatto di pesce povero che si tramanda nelle famiglie catanesi da generazioni. Non conosciamo la datazione certa né l’inventore o l’inventrice di questa pietanza, ma ne riconosciamo l’autenticità grazie alle versioni che le nonne ci hanno tramandato e fatto assaggiare, legandolo coi suoi profumi e sapori intensi alla tradizione e alla memoria.

Il Suro detto anche Sugarello, Sugherello o Sauro, è un pesce d’acqua salata molto diffuso nel Mediterraneo, nell’Oceano Atlantico e nei mari del Nord. Vive in prossimità delle coste, dove forma grandi banchi e viene pescato nelle ore notturne, di solito alla luce delle lampare, che è molto utile per attirarli. Si pesca tutto l’anno, ma il momento più propizio è senza dubbio l’estate.

Per la sua grande disponibilità il suo prezzo è solitamente molto modesto e per questo è entrato a far parte della cucina popolare catanese che lo declina in diverse ricette. Il contenuto nutrizionale del Sauro è molto apprezzato, infatti ha pochissimi grassi: solo due grammi per un etto di prodotto, è ricchissimo di proteine e acidi grassi omega 3 ed è quindi un vero toccasana per proteggere l’organismo da patologie cardiovascolari, colesterolo e trigliceridi.

Oggi parlerò della mia versione dei sauri all’agghiata, ricetta tramandatami dalla famiglia e che sono felice di raccontarvi con qualche accorgimento che proviene dalla mia esperienza da cuoco.

Gli ingredienti della ricetta sono pochissimi:

-Sauri freschi

-Farina di semola di grano duro

-Aglio

-Aceto di vino bianco o di mele

-Menta fresca

-Olio d’oliva e di semi

-Sale e pepe bianco

Procedimento:

Per prima cosa bisogna eviscerare il pesce lasciandolo intero: si incide la pancia e aiutandosi con le dita si rimuove il contenuto. Si lava il pesce con poca acqua e si asciuga bene.

La carne del sauro è abbastanza morbida e onde evitare che in frittura si sfaldi (ed esteticamente non venga bello), faccio una marinatura a secco ricoprendo il pesce in una bacinella con sale grosso per dieci minuti circa. Questo permetterà alla carne del Sauro di compattarsi e di non sfaldarsi in frittura rimanendo sodo e compatto.

Successivamente, quindi, si rimuove il sale in eccesso, si passa nella farina di semola e si frigge a 180 gradi fino a doratura da entrambi i lati per poi disporlo su carta assorbente. In questa prima fase preferisco utilizzare dell’olio di semi poiché meno prezioso dell’olio d’oliva, che andremo a buttare subito dopo.

I profumi dell’olio buono invece li daremo con la vera e propria agghiata. Il contributo dell’aglio è importante in questa ricetta e vi consiglio di utilizzare una, due teste per pesce. Iniziate quindi a versare una buona quantità di olio d’oliva in padella e aggiungeteci l’aglio tagliato a fettine non troppo sottili. Fate imbiondire ma non troppo e poi adagiateci sopra i sauri rigirandoli per bene nel soffritto in modo tale che si insaporiscano. Dopo qualche minuto andate a versare un bicchiere di aceto in padella, stando attenti agli schizzi e lasciate ridurre il sughetto rigirando ancora una volta i pesci.

A fine cottura correggete di sale, pepe bianco (ve lo consiglio al posto di quello nero perché più delicato) e abbondante menta. Servite il piatto tiepido e gustatene tutte le sfumature in compagnia dei vostri cari. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo