I mille volti di Alba Parietti

E’ la storia di un uomo che diventa una donna, ma con la mentalità da uomo. Nel personaggio di una bionda, che la Parietti interpreta e porta in tournee da cinque anni, si vede perfettamente. “ Io ho sempre adorato di poter prendere in giro gli uomini maschilisti – commenta la Parietti – quindi non c’è nulla di più criminale nei confronti di un uomo che trasformarlo in una donna per fargli provare l’ebbrezza di ciò che significa essere donna. Quindi è una grande vendetta”

 

 

Pensa che la sua schiettezza l’abbia fatta apprezzare più dagli uomini o dalle donne ?

Attualmente di più dalle donne.  Però io non credo che dire quello che si pensa sia un merito, perché molto spesso la gente pensa delle gran cretinate, bisogna collegare il cervello con la bocca prima di parlare. Non è che io dico solo ed esclusivamente quello che penso, ma prima penso e poi parlo. Questa è una grossa differenza rispetto a pensare quello che si dice e a dire quello che si pensa.

 

 

Quanto ha inciso nella sua carriera la chirurgia estetica?

Niente. Non mi sembra di avere fatto nulla di eccezionale, non avrebbe cambiato niente.

Ho rifatto il seno e allargato la dimensione della bocca, ma non credo che questo sia sufficiente per cambiare i connotati di una persona.

Voglio dire, senza fare nomi, io me ne intendo abbastanza, mi sembra che ci sia molto di peggio di me. – continua sorridendo – Credo che sia all’ordine del giorno, non solo nel mondo dello spettacolo, ma in generale. Se a uno piace additare solo le altre è un altro discorso, ma non mi sembra di aver fatto un abuso della chirurgia. Mi sembra di aver fatto il minimo. Che tra l’altro non ha cambiato nulla, non ho mai fatto lifting, mai naso, glutei, gambe, liposuzione, nulla di nulla e quello che ho fatto l’ ho fatto più di dieci anni fa. 

 

Ma la differenza tra lei e altri personaggi è che lei lo ha detto.

Sì, non c’è dubbio, io l’ ho ammesso. Nel senso che davanti all’evidenza io non posso dire di no. Ma molti mi volevano fare dire operazioni che non avevo fatto. Il problema è che in Italia quando dici la verità su una cosa, allora significa tu chissà cos’altro hai nascosto. Io ho semplicemente detto quello che avevo fatto, non avevo nessuna intenzione di dire quello che non avevo fatto.

 

Nella sua femminilità essere più bella ha cambiato qualcosa ?

Guardi, io a 17 anni ero candidata a Miss Universo, quindi non ho mai avuto questo problema. Se tu la chirurgia la utilizzi in maniera intelligente, non c’è nulla di male. Io vedo tante dive americane che sono bellissime donne, che hanno fatto dei lievi ritocchi.

Se una non si piace e vuole cambiare qualcosa in particolare, che non le piace, perché no, l’importante è pensare di non trasformarsi in qualcos’altro, ma migliorarsi credo che sia un diritto. Certo che non puoi pensare di trasformarti. La chirurgia va fatta in modo dosato. E’ un dovere non poter sperare di assomigliare a una di 20 anni a 50,  questo è ridicolo. L’importante è accettare quello che si è e l’età che si ha e poi sulla base di questo cercare di essere sempre più bella e più dignitosa.

 

Ha mai pensato a un calendario ?

No – risponde seccamente.

 

Pensa a un matrimonio futuro ?

No, non è una mia ambizione e non lo è mai stata. Io credo che il matrimonio sia fatto sostanzialmente per tutelare la famiglia. Io di famiglia ne ho già una e non credo di allargarla. Sarebbe un gesto di egoismo alla mia età, fare un altro figlio mi sembrerebbe sbagliato. Poi, non mi sembra di essere un soggetto debole, quindi non ho bisogno di essere tutelata economicamente da un uomo. Il matrimonio creerebbe e genererebbe solo confusione all’interno degli equilibri che abbiamo io e Giuseppe, il mio compagno. Entrambi abbiamo già un figlio a testa. Va bene così. I sentimenti non hanno bisogno di burocrazia.

 

Con quale attore straniero vorrebbe recitare ?

Johnny Depp, se proprio posso scegliere. – dice sorridendo –  Lui e Di Caprio per me sono gli attori più bravi in assoluto. Vorrei recitare anche con qualche vecchio maestro di scuola inglese o americana. Mi piacerebbe fare un film con Gleen Close, per capire come fa ad essere così brava .

 

Cosa non le hanno mai chiesto in un’ intervista ?

Non lo so, mi hanno sempre chiesto di tutto. Ma non sono tenera con chi sbaglia domanda.  Non è un diritto violentare gli altri, quindi nel momento in cui gli altri lo fanno, io posso diventare molto più cattiva di quello che loro possano pensare. Spesso chi fa una domanda sbagliata non è neanche molto intelligente. Io ho sempre molto rispetto di chi mi rispetta, tratto la gente allo stesso modo di come mi tratta, e se una persona mi manca di rispetto io gliene manco immediatamente, ma non mancandogli di rispetto, sottolineando la sua pochezza e in questo sono abbastanza brava.

 

Ci sono giornalisti che non sono simpatizzanti per lei ?

Tanti, ma non mi pongo questi problemi, altrimenti non vivrei più.    

 

Ci sono dei paparazzi che si sono accaniti particolarmente contro di lei ?

Hanno fatto il loro lavoro.

 

E gli incontri combinati ?

Io non ne ho mai avuto bisogno. Forse qualcun altro lo fa. In genere se non ne hai bisogno non lo fai. A volte la cosa può essere combinata per evitare problemi, cioè per evitare che sia fatta in malo modo, il personaggio cerca di organizzarlo nel modo migliore.

Ad esempio, se una va al mare e sa benissimo che sarà perseguitata dai paparazzi per un mese, tanto vale che mi metto d’accordo con un mio amico pararazzo che almeno non mi fa uscire con la cellulite o con la pancia. Cosa che a volte i fotografi fanno anche per disprezzo.

 

Usano anche un po’ di cattiveria?

Certo, molta. Poi tenga conto che le foto non si ritoccano solo in positivo. Se si vuole si ritoccano anche in negativo. Quindi conviene a volte assecondare, si cerca di salvaguardarsi e questo non vuol dire chiamare i fotografi.

 

Qual è la sua massima aspirazione, professionale e personale?

Poter fare quello che mi piace e lasciare qualcosa di positivo e dignitoso agli altri.

 

In un suo ipotetico libro, arrivata a 50 anni, cosa potrebbe raccontare ?

Tantissime cose, ma non solo della mia vita lavorativa, io ho avuto una vita abbastanza interessante sotto molti punti di vista, alle volte ci penso, ma non lo so se lo farò mai.

 

Sarebbe una bella occasione.

Non credo che la gente abbia bisogno di conoscermi dopo 20 anni che mi vede, mi ha conosciuto a sufficienza.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]