I giovani europei vanno a Berlino? E chi può dargli torto

Più che fermento, c’è una voglia di ricominciare. Voglia di accantonare quel che è già stato e quanto peggio è successo, per intraprendere una rinascita economica, sociale e culturale. Questa tendenza accoglie la mia lode, di una lei (la tendenza), che sembra proiettarci in un dopoguerra riformista. Più che altro, credo di trovarmi in forte disaccordo con ciò che dice Prodi. Non è tanto il differente fermento che spinge i giovani all’estero, quanto la volontà generale di trovare un ambiente assolutamente diverso altrove.

Il problema, più che sociologico e culturale, è di tipo strutturale di cosa “non si riesce e non si può fare in Italia”. Cosa è possibile fare quando ci si trova a fare il master in Inghilterra, o una ricerca bibliografica in Germania, o un erasmus in Francia. I differenti esperimenti burocratici e progressisti che vengono fatti in questi stati, che meglio accolgono le esigenze di un ragazzo. Sì, è anche questione di soldi sicuramente, col problema dell’assoluta poca chiarezza della sanità italiana, la presa di coscienza da parte dell’apparato statale, dei tanti “geni nazionali emigrati all’estero” è stato un problema largamente dibattuto.

Si prenda l’esempio di una larga fetta del settore musicale. La difficoltà che si ha nel proporre una musica lontana o quanto meno discostante dal mainstream di un sound assolutamente italiano, è responsabile di quell’appiattimento musicale in cui viviamo. Le idee ci sono eccome! È la volontà dei “grandi” a dire che non c’è posto, per esempio, per il rock italiano. Non c’è riciclo, non c’è cambiamento. Sì, ecco i giovani che vanno all’estero per produrre un disco. Inghilterra, Germania, Grecia, Belgio, Austria e Giappone, sembrano le mete di una tendenza musicale che trova un suo posto e una sua legittimazione fuori bordo.

La situazione italiana in questo è deprecabile, la maggioranza decide per un tipo di musica sicuramente più scadente, mentre i “nostri” gruppi emergenti, trovano posto all’estero. Una fuga di talento impossibile da non considerare. Così è per i settori emergenti dell’industria. Industria che propone tutti i generi culturali (dalla letteratura al giornalismo stesso per esempio, o alla scrittura cinematografica, ormai ahime, forte di quella tendenza sessantina che vede l’inutilità di una scrittura a copione, e il maggior compito che viene dato al regista di creare una storia sul momento, incrementando la “pila” di sceneggiature sul tavolo dei produttori) e che si occupa di una maggiore efficienza degli apparati in altri stati, mentre da noi, si occupa principalmente di “bloccare” ogni possibile idea di riforma.

Valga anche per il settore pubblico. Eh già perché, da noi un Berlinguer o una Moratti, vengono posti come guide del sistema dell’istruzione, per proporre una riforma patatrack, che non è altro che una scadente parodia delle riforme europee degli anni 70’ e 80’. Chiederei a Prodi di informarmi su una sua, personalissima idea di fermento, che in questo momento sembra non essere più chiara in me. I giovani europei, vanno a Berlino? Chi può dar loro torto!


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]