Ho visto il film di Bellocchio

Ho visto il film di Bellocchio, Il regista di matrimoni, ma mi sembra di aver visto due film, una fiaba incastonata in un romanzo. La fiaba è bellissima, il romanzo mi lascia perplesso, raffredda il mio entusiasmo. La fiaba è affidata a due grandi attori, e vorrei dire soprattutto della donna che appare poco, ma è una presenza fortissima, intensa, profonda, dolce, severa, bellissima nella scena della chiesa, dell’incontro tra la principessa e l’artista, e poi… nella cripta dove l’artista rifiuta l’offerta d’un gesto d’amore… (perché? forse il romanzo ha il sopravvento sulla fiaba?).

La fiaba della bella principessa prigioniera nella villa dei mostri, addormentata per vent’anni in attesa dell’amore che la risvegli, dell’occasione per liberarsi da una prigione dorata, da un padre che forse l’ha tenuta al riparo dalle insidie del mondo, come Atlante che nel castello incantato teneva al riparo Ruggero… quello che giunge è un uomo in fuga dal suo ruolo di artista affermato, ora è come un giullare, compositore di epitalami, gioiosi, trasgressivi, dissacranti, un Ciullo d’Alcamo (la terra è quella) che va per le corti, nei feudi, a mettere a servizio dei signori  la sua arte, e come avveniva nelle corti, il giullare o il trovatore si innamora della bella castellana… La fiaba è raccontata con immagini splendide, il tema musicale aumenta la suggestione, e così pure l’inserto delle immagini in bianco e nero, leggermente sfocate, che variano il punto di vista e, indipendentemente dalla loro logica plausibilità (se ne hanno una), danno un tocco di magia. La fiaba ci dice di storie senza tempo, come tutte le fiabe, perché noi tramite loro, apriamo gli occhi sul tempo nostro, facciamo guidare il nostro sguardo dallo sguardo dell’artista, impariamo a rifiutare le immagini piatte che uccidono la fantasia, ci innamoriamo dell’idea della ricerca dell’oggetto d’amore, l’“inchiesta” dei cavalieri erranti, come liberazione dall’oppressivo medioevo che abbiamo ancora attorno.

Ma questa fiaba è inserita in una vicenda complicata, siamo impegnati a seguire l’intreccio con i suoi passaggi: c’è la faccenda dei guai legali del protagonista, c’è quella dell’altro regista che si finge morto e del premio a cui aspira, c’è come dicevo un “romanzo” che mi è sembrato alquanto farraginoso. Con questo “romanzo” penso che l’autore abbia voluto parlare della propria storia, della propria ricerca, abbia creato degli alter ego, e con grande sincerità e autoironia abbia voluto rappresentare la sua separazione dal proprio passato, forse anche la separazione da un’estetica che ha ancora nel romanzo ottocentesco, con la sua  greve struttura narrativa  e il suo carico di ideologia e moralismo, il proprio punto di riferimento, e questo ci viene mostrato col richiamo a quei Promessi sposi (romanzo, e poi film del 1941) da cui il protagonista si libera, o che sovverte,  quando trova la bella principessa.

Certo il congegno narrativo per cui l’autore Bellocchio sta dentro e fuori della storia, per cui, almeno in parte, per questo film si può usare l’antica formula “de te fabula narratur”, è ingegnoso, sapiente… ma mi piace pensare a questo aspetto del film come a un momento nel cammino di questo grande regista verso l’essenzialità, che ci regali l’intensità poetica-affettiva delle immagini che sa creare e ci trasmetta quanto ha riversato nelle forme della sua arte della ricerca non solo cinematografica, intendo quella dell’Analisi Collettiva, di cui è partecipe da quasi trent’anni.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]