Greenway Palermo-Monreale, presentato il progetto Il tracciato è stato illustrato a territorio e associazioni

E’ stato illustrato mercoledì pomeriggio al Polo tecnico del Comune lo stato di avanzamento della procedura per la realizzazione della greenway Palermo-Monreale. Durante la prima seduta pubblica di progettazione partecipata è stata mostrata ai rappresentanti delle circoscrizioni attraversate dal tracciato (VIII, V, IV) e alle principali associazioni del settore (ambientali, ciclistiche) la proposta progettuale unitaria risultata dalla sintesi dei due progetti vincitori.

Riassumiamo le puntate precedenti: nel 2017 il Comune emana tramite la piattaforma on-line Concorrimi il bando per lo studio di fattibilità (progetto preliminare) della ciclovia che ricalca il percorso dell’ex ferrovia a scartamento ridotto – mai entrata in attività – Palermo-Camporeale, nel suo tratto compreso tra la stazione Notarbartolo e Monreale, attraverso i quartieri Uditore, Passo di Rigano e Boccadifalco. Per realizzare la pista ciclabile sono stati stanziati 4,7 milioni del Patto per Palermo del 2016.

A luglio 2018 vengono dichiarati vincitori del bando ex aequo la Società di Ingegneria RSG s.r.l. e il Gruppo arch. Terrana, e il Comune sfrutta la facoltà di affidare loro la progettazione definitiva ed esecutiva dell’opera. Non potendo scegliere una sola proposta, si decide di unire le due risultate vincenti, ed allo scopo viene creato un Raggruppamento temporaneo di professionisti (Rtp), con evidenti ripercussioni per quanto riguarda i tempi e le problematiche nel dover fare una sintesi tra i due progetti che – seguendo le indicazioni dei commissari di gara – dovrà anche essere più aderente all’ex tracciato ferroviario.

Tra marzo e settembre 2019 si susseguono incontri tra il Rup dell’opera, l’architetto Fabio Paci, e l’Rtp per definire lo schema di contratto, verificare i requisiti dei progettisti, elaborare i passi successivi della progettazione e individuare i problemi geomorfologici del percorso (oltre a risolvere la questione del pagamento del premio, inizialmente corrisposto per metà ad ogni vincitore, e saldato solo nei giorni scorsi). «Inoltre – spiega il Rup – in questo periodo sono stati effettuati 5 sopralluoghi specifici, sono state verificate varie questioni attinenti il Prg, diversi immobili abusivi, gli ambiti con vincoli idro-geologici, ed alcune parti del vecchio tracciato che erano state vendute alla Regione».

A fine ottobre viene autorizzato il Piano dei rilievi, indagini strutturali e prove di laboratorio che saranno gestiti dallo stesso Rtp. Si tratta di accertamenti indispensabili da effettuare lungo tutto il tracciato per potere stilare lo studio di fattibilità tecnico-economica e successivamentei progetti definitivo ed esecutivo. Però tutta questa nuova fase progettuale riguarderà il I° lotto funzionale dell’opera per un costo di circa 426mila euro (comprese la direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza). Sono escluse alcune parti legate ad altri progetti infrastrutturali, cioè il futuro ponte Rapisardi e quello pedonale su viale Regione siciliana, e la messa in sicurezza per rischio idro-geologico della zona compresa tra la galleria di Boccadifalco e la fontana del Drago per la quale il commissario ad acta del comune di Monreale sta lavorando all’affidamento dei lavori.


Il percorso, così come risulta dalla proposta unitaria «che fornisce – sottolinea l’architetto Renato Sarno dell’Rtp – più valore aggiunto rispetto alle due proposte iniziali che puntavano una più al valore naturalistico (RSG) e l’altra all’aspetto identitario della Conca d’Oro (Terrana)», si snoda per circa 12 km, partendo dalla stazione Notarbartolo passando per via Zandonai-via Borremans (con possibile spostamento sul lato destro della ciclabile esistente e realizzazione di barriere di separazione dal traffico veicolare), fino a piazzale Giotto. Dopo l’attraversamento a raso tramite il semaforo pedonale, il percorso si diramerà: una direttrice passerà lungo l’ex via della Croce (le vie Giorgione e Cimabue) lambendo Parco Uditore; l’altra percorrerà la prosecuzione di via Paisiello. Poi si seguirà quasi fedelmente il vecchio sedime fino a via alla Falconara, dove sarà necessario un bypass (è in corso una trattativa con la Regione) e quindi al viadotto di Boccadifalco come punto panoramico. Visti i problemi del tratto successivo, per il momento l’alternativa progettuale è percorrere l’abitato di Boccadifalco e la strada provinciale con due destinazioni: un percorso arriverà fino alla vecchia stazione di Monreale (in sede promiscua); l’altro unirà la fontana del Drago con piazza Guglielmo II e il Duomo.

Lungo tutto il percorso sono presenti 5 ex caselli e due ex stazioni ferroviarie che potranno servire da interscambio, e saranno approntati punti con fontanelle, mentre la struttura stessa della pista dipenderà dalla zona attraversata, a seconda che sia in città o dentro un’area verde. Bisognerà acquisire alcune parcelle di terreno lungo il percorso (zone blu nella mappa), mentre altre adiacenti (in rosso) potrebbero essere ulteriormente inglobate per migliorare l’integrazione della greenway col territorio. 

Il cronoprogramma prevede che all’anno nuovo partano circa 2 mesi di rilievi topografici ed indagini (nel frattempo a gennaio verrà firmato il contratto tra il Comune e l’Rtp per il servizio di progettazione). Poi si terrà una seconda riunione di progettazione partecipata, e quindi si arriverà alla stesura dello studio di fattibilità tecnico-economica. Dopo ci sarà la terza seduta di progettazione partecipata, l’ultima occasione per enti e associazioni di chiedere spiegazioni o modifiche, e quindi a metà 2020 verrà redatto il progetto definitivo. Il progetto esecutivo vedrà la luce entro la fine del prossimo anno, e nello stesso periodo, tra luglio e settembre 2020 dovrebbe essere pubblicato il bando di gara per i lavori, con l’assegnazione prevista a febbraio 2021 (ricorsi permettendo).

Però sull’avanzamento dell’iter pende la spada di Damocle dei finanziamenti: infatti il mese scorso il direttore generale dell’Agenzia per la coesione territoriale ha dichiarato che il Decreto Crescita del governo nazionale di aprile garantirà i fondi (compresi quelli relativi al Patto per Palermo) soltanto agli interventi dotati di progettazione esecutiva o con procedura di aggiudicazione avviata entro il 31 dicembre 2019. Una questione sulla quale il Rup replica che questo non è il loro caso, visto lo stato avanzato di progettazione, e che in ogni caso «l’amministrazione comunale porrà rimedio ad un ipotetico ritiro dei fondi». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]