Grave incidente sull’autostrada Palermo-Messina Due morti e un ferito. Camion travolge due mezzi

Incidente gravissimo questa mattina alle 7 lungo l’autostrada Palermo-Messina. Il bilancio è di due morti e un ferito grave. Secondo le prime ricostruzioni sono rimasti coinvolti tre furgoni da 35 quintali. Le vittime sono Francesco Tripodi, 54 anni, originario di Bagnara e Aurelio Di Salvo, 47 anni, originario di Milazzo. La terza persona, ferita, è originaria di Aci Catena.

Tutti e tre si trovavano a bordo di tre camion che, tra le uscite di Rometta e Villafranca in direzione Messina, sono entrati in contatto tra loro. Due dei furgoni coinvolti trasportavano pesce per la ditta Salittica di Milazzo. Sul posto la polizia stradale per accertare la dinamica dell’incidente. Secondo una prima ricostruzione pare che i due furgoncini della Salittica stessero viaggiando l’uno dietro l’altro. All’improvviso per un guasto, il veicolo che si trovava dietro avrebbe cominciato a rallentare per accostarsi. Proprio in quelle fasi è sopravvenuto il terzo furgoncino andandosi a scontrare con gli altri mezzi.

Il tratto autostradale Rometta-Villafranca è rimasto chiuso in direzione Messina, fin quando i mezzi non sono stati rimossi dalla carreggiata. L’incidente ha creato non pochi problemi ai due comuni della fascia Tirrenica costretti a fronteggiare una mole di traffico notevole. I mezzi sono stati costretti a uscire allo svincolo di Rometta, proseguire in direzione Messina sulla statale e rientrare al casello di Villafranca, dove si è creato un effetto imbuto che ha provocato lunghissime code, causando la paralisi della circolazione nei due Comuni.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo