Grande Passo 4, anche due forestali affiliati alla mafia «Non ti fare scappare le zone, che ce le siamo sudate»

Fra i 12 arrestati in seguito all’operazione Grande Passo 4 ci sono anche due impiegati stagionali della Forestale. Il primo è Vincenzo Coscino di Chiusa Sclafani che, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, sarebbe stato l’esecutore materiale – insieme al corleonese Bernardo Saporito – di un’estorsione ai danni di quattro agenti della Forestale. Il mandato sarebbe partito da Pietro Vaccaro, presunto uomo d’onore della famiglia di Chiusa Sclafani, soprannominato Mortadella. Una vera e propria minaccia di matrice mafiosa, secondo quanto emerso dalle indagini, malgrado i presunti estorsori abbiano creato ad hoc una finta accusa di furto per dissimulare la richiesta di denaro. «Abbiamo sborsato mille euro ciascuno per un totale di quattro mila euro per risarcire Pietro Vaccaro, consegnando l’importo a tale Coscino», racconta nelle deposizioni una delle vittime.

La scusa per intascare i soldi è accusare i quattro forestali di aver rubato un bovino di Vaccaro. È il 14 luglio 2014 quando gli inquirenti intercettano una conversazione fra Saporito e Coscino. «Si è cagato addosso», dice il primo ridendo. I due parlano della reazione di una delle vittime alla richiesta di denaro. Il 19 luglio è il giorno stabilito per la consegna: «Quello ti doveva dare le due maniglie e le due manopole ed erano quattro, te le ha date?», chiede Saporito, ricevendo risposta affermativa dal forestale. Malgrado l’uso di un linguaggio criptico, gli inquirenti si convincono che si tratti di un’estorsione mafiosa non solo per le intimidazioni intercettate e per la reale paura da parte delle vittime di subire ritorsioni, ma anche per la reazione di Vincenzo Pellitteri, ritenuto il reggente della famiglia mafiosa di Chiusa Sclafani, all’insaputa del quale i tre indagati avrebbero organizzato il piano senza richiederne preventivamente l’autorizzazione, innescandone poi l’ira.

Non sarebbe stato, invece, un semplice adepto Vito Biagio Filippello, anche lui forestale a contratto, ritenuto il principale responsabile della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano e punto di riferimento del presunto boss Pellitteri. Sarebbero significative, secondo gli inquirenti, alcune conversazioni fra i due intercettate il 17 gennaio 2015, riguardanti la messa a posto da imporre a un’impresa edile, il cui cantiere ricadeva anche nel territorio di Prizzi.

«Prima di andarsene loro si devono portare una cosa bruciata», avrebbe detto Pellitteri, disposto a ricorrere a intimidazioni violente per evitare che, finiti i lavori, la ditta se ne fosse andata senza pagare. «Noialtri dobbiamo cominciare a muoverci, si deve fare qualcosa», continua a dire, obbediente al monito dell’ex boss di Corleone Rosario Lo Bue: «Non ti fare scappare le zone, che noialtri ce le siamo sudate». «Però è prima di andarsene che si deve fare la cosa, si ci manda un testa di minchia», avrebbe risposto il forestale. E dire che sino al 2012 Filippello era lasciato pressoché ai margini della cosca palazzese, perché ritenuto inaffidabile. Era, infatti, un fedelissimo dell’ex referente Pietro Paolo Masaracchia arrestato nel 2014, che si presumeva fosse coinvolto nell’omicidio del fratello, Giuseppe Filippello, avvenuto nel 1992.


Dalla stessa categoria

I più letti

Se durante una parte dell’anno erano al sevizio della Regione per scongiurare gli incendi, secondo gli inquirenti per il resto del tempo Vincenzo Coscino e Vito Biagio Filippello pare si dedicassero a intimidazioni ed estorsioni per conto dei mandamenti mafiosi di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]