Giovani Pdl per Berlusconi al Quirinale Il referente etneo: «Fan di Silvio dai 12 anni»

«Nessuno più di lui sarebbe vero Garante dell’Unità dello Stato, vero padre della Patria, vero paladino dell’Italia e degli italiani». Sono le parole di Michaela Biancofiore, deputato del Popolo della Libertà e ideatrice del comitato che chiede la nomina di Silvio Berlusconi al Quirinale. «Non si può non sapere che questa sarebbe la volontà del popolo italiano se ci fosse l’elezione diretta del Presidente della Repubblica», scrive.

La sua è un’iniziativa nata dalla collaborazione con Simone Furlanpresidente di Forza Insieme e il giovanissimo Alessandro Bertoldi, presidente di Vis studentesca, che sul sito del comitato scrive:«Io a diciotto anni sono coordinatore provinciale dell’Alto Adige perché un giorno lui (Berlusconi) ha avuto fiducia in un altro giovane, una donna (la Biancofiore medesima, ndr) che a ventitré anni lo ha seguito in Forza Italia e che di conseguenza, forte dei suoi insegnamenti, ha dato a me l’opportunità. Ne esiste un altro in Italia così?».

Intanto «Berlusconi unico leader», «Forza presidente» e l’immancabile «Meno male che Silvio c’è» sono solo alcuni dei commenti sul sito del comitato, che nell’arco di pochi giorni si è diffuso lungo tutta la penisola con un tam tam di telefonate tra esponenti politici pidiellini e giovani berlusconiani in cerca d’attenzione. Così a riempire le liste dei comitati sono per lo più nomi di studenti liceali e universitari, aspiranti politici o semplici sostenitori del cavaliere. Poi la storia di Silvio, con tanto di racconti degli ex compagni di scuola. Una lettera a firma della Biancofiore e il sondaggio: «Vuoi anche tu Silvio Berlusconi Presidente della Repubblica Italiana?».

Un comitato di berlusconiani apposta per Berlusconi, con diversi rappresentanti per regioni e città, che mette insieme tanti giovani appartenenti a movimenti politici di destra. Tutti convinti sostenitori del cavaliere, tra cui il catanese Michele Schillaci, appena diciottenne e rappresentante del comitato per la città di Catania e la Sicilia orientale. Il giovane, iscritto al Pdl e prossimo alla maturità, frequenta il liceo classico Mario Cutelli di Catania e vede in Berlusconi un modello di ispirazione. «Ho iniziato ad interessarmi di politica all’età di dodici anni», ci racconta. «Frequentavo le scuole medie e seguivo con attenzione le cronache dei giornali e i dibattiti televisivi sulla campagna elettorale che quell’anno vide la vittoria di Romano Prodi. Ricordo – continua – che in quel periodo fui affascinato dalla personalità carismatica di Berlusconi. E da allora è nata in me una curiosità che col tempo si è trasformata in passione politica».

Una scelta solo sua, quella di essere un berlusconiano, ci racconta. Nessuno dei familiari, infatti, lo avrebbe influenzato in questi anni. «Anzi – dice – i miei genitori sono due persone che non si sono mai interessate particolarmente al mondo politico. Sono sempre stato io a spronarli, specie in prossimità delle elezioni». Unico legame col partito del cavaliere è quello con lo zio veneto, l’avvocato Alessandro Nici Grifeo, rappresentante del comitati pro Berlusconi al Quirinale per la sua città, che avrebbe fatto il nome del nipote al presidente di Forza Insieme. «Sono stato contattato da Furlan poco prima di Pasqua – racconta il giovane – e, sapendo che sono berlusconiano, mi ha voluto nella sua squadra, come punto di riferimento per Catania». Poi, alla domanda sulla responsabilità dell’incarico e sul perché abbiano scelto proprio lui, il giovanissimo Schillaci risponde: «Di certo verrò affiancato da qualcuno ma sul perché abbiano scelto me Furlan è stato chiaro: abbiamo bisogno di giovani appassionati al Sud».

«Vogliamo mandare un segnale forte in Parlamento», dice il rappresentante etneo. Perché «anche se non è possibile votare il Presidente della Repubblica, di certo moltissimi italiani sarebbero felici che fosse Berlusconi». Poi, sul da farsi del comitato dice: «Abbiamo iniziato a discuterne solo in questi giorni. Non so ancora come ci muoveremo. Dobbiamo cercare di promuovere l’iniziativa per creare un gruppo numeroso, anche raccogliendo firme».

Così giovani, anzi giovanissimi, hanno iniziato a mobilitarsi  in tutta Italia perché il loro leader raggiunga la più alta carica dello Stato. Uniti dall’idea comune che solo Berlusconi al Quirinale migliorerebbe questo Paese. Lui che, come scrive la Biancofiore sul sito del comitato, «ha sempre guardato al merito e non alla partigianeria politica». Riferendosi forse a quella meritocrazia che oggi qualcuno chiama politica dell’opportunità. Ma che con la politica non dovrebbe avere nulla a che fare.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una rete di gruppi politici che di città in città attraversa tutta l'Italia con lo scopo di raccogliere consensi per il leader del Popolo della Libertà. L'idea è del deputato Michaela Biancafiore che in poco tempo ha coinvolto diversi movimenti politici di destra per promuovere l'elezione di Silvio a Presidente della Repubblica. Tra questi il giovane rappresentante catanese, appena diciottenne e berlusconiano dai tempi delle scuole medie

Una rete di gruppi politici che di città in città attraversa tutta l'Italia con lo scopo di raccogliere consensi per il leader del Popolo della Libertà. L'idea è del deputato Michaela Biancafiore che in poco tempo ha coinvolto diversi movimenti politici di destra per promuovere l'elezione di Silvio a Presidente della Repubblica. Tra questi il giovane rappresentante catanese, appena diciottenne e berlusconiano dai tempi delle scuole medie

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]