Furia di Salman Rushdie

In un alienata New di York di inizio millennio, Malik Solanka, storico delle idee in pensione, divenuto famoso e ricco grazie alla sua passione per la fabbricazione delle bambole cerca conforto e tranquillità. Cosa spinge Solanka a scappare da una famiglia apparentemente perfetta e da un piccolo figlio che al telefono chiede sempre di lui?

“Non si sentiva a disagio tra queste moltitudini; al contrario. Nella folla c’era una soddisfacente anonimità, una specie di non ingerenza. Lì, a nessuno interessavano i suoi misteri…”

Ma cosa , nel profondo dell’animo di quel cinquantenne, ricco e colto, era scattato, al punto da fargli mollare tutto?  La risposta sta nel titolo del libro…una furia incontrollata, si era impadronita di Solanka; una notte, quando ancora viveva a Londra, si era trovato senza apparenti motivi sul capezzale del letto della moglie con un coltello in mano che penzolava sopra la testa della malcapitata coniuge. Avrebbe ucciso pure il figlio in quel preciso istante. Quel tradimento, troppo duro da raccontare, era stato la spinta definitiva verso la fuga. Convinto di poter placare quei rumori che tormentavano la sua mente. Ormai Solanka non sapeva più come riconciliarsi con una realtà, divenuta troppo artificiosa. Il successo della sua ultima bambola “Cervellino” era arrivato inaspettatamente. Ormai era diventato un oggetto di culto e non la sentiva più sua; si costruivano storie e storielle che lui non approvava, ma l’inettitudine e l’ingordigia umana, non sono riusciti a fargli rifiutare i milioni di dollari che annualmente i diritti d’autore di quella bambol fruttavano. Questo successo inspiegabile della bambola era divenuto insopportabile, come il “Costantino della De Filippi”, Cervellino presenziava tutti i più rinomati Talk show. Solanka a New York sperava di vivere nell’anonimato fin quando non si fosse liberato di quei diavoli che attanagliavano il suo più profondo “io”. Quelle furie che lo rendevano vulnerabile e allo stesso tempo pericoloso.

“aveva attraversato l’oceano per separare la sua vita dalla vita. Era venuto a cercare il silenzio e aveva trovato una rumorosità più grande di quella che si era lasciato alle spalle. Il rumore ormai era dentro di lui….”

Salman Rushdie, ha una penna fantastica. Molto ricercata e ricca di citazioni colte e non, che spesso può annoiare; ma proprio nel momento in cui stai per chiudere il libro assonnato, ti trovi d’avanti una frase che ti lascia di stucco, un osservazione arguta o una visione filosofica da strada che ti spalanca gli occhi sull’ipocrisia della società contemporanea “Un consiglio ai mariti, pensava amaramente: assicuratevi che la camera degli ospiti sia comoda, perché presto o tardi, belli miei, sarà la vostra…”. Non si nasconde dietro false maschere di ipocrisia e spiattella la sua verità in faccia a tutti. “La furia era nell’aria”.

A parer mio Salman Rushdie scrive in maniera brillante e non scade mai in banalissimi “già sentiti”,  poiché riesce a fondere la ricercatezza delle parole con la freneticità del linguaggio moderno; nonostante le sue abilità riconosciute da tutto il mondo, Rushdie non riesce a celare la nostalgia per il suo paese natale, quel paese da cui si è trovato costretto a scappare e in cui probabilmente non potrà mai più tornare, condannato a morte dall’ayatollah Khomenini per aver pubblicato i “versetti satanici”. Considerato dall’umanità un patrimonio vivente, Rushdie si trova costretto adesso a vivere in uno stato di semiclandestinità. Quando si dice la libertà di espressione…


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]