Il friscalettu, simbolo della tradizione siciliana che appassiona i giovani: «Io ho iniziato a 15 anni»

Un viaggio nelle tradizioni siciliane secolari attraverso la figura del friscalettu. «Un flauto a becco di canna diritto a bocca zeppata, chiamato anche zufolo», spiega a MeridioNews Salvatore Tomasello della liuteria che si trova a Catania nella zona di San Giovanni Galermo. Un luogo che è punto di riferimento nel mondo e che collabora con musicisti di fama internazionale, suonatori siciliani e appassionati che vogliono portare a casa il suono più autentico dell’isola. Il friscalettu è lo strumento principale del folklore siciliano, insieme alla zampogna a paro, al marranzano e al tamburello. Risalendo alle origini «è stato durante la dominazione ellenica che è arrivato nell’isola grazie ai pastori greci. Fino alla prima metà del secolo scorso, veniva usato nelle feste da ballo o durante le lunghe giornate insieme al gregge». Il modello 7+2 (sette fori sopra e due sotto) – chiamato catanese – è il flauto di canna più conosciuto tra tutti quelli presenti in Sicilia.

Quella di Salvatore Tomasello per il friscalettu è una passione che ha radici lontane: «Quando avevo 15 anni, mio padre aveva un vecchio marranzano in casa e mi parlava dell’esistenza di altri strumenti tipici siciliani. Cercando in giro, mi sono accorto che il friscalettu era uno strumento difficile da trovare se non come souvenir». E, quindi, non adatto davvero a suonare. «Così, abbiamo provato a costruirne diversi e alla fine ci siamo riusciti. «Sono passati più di dieci anni dalla costruzione del primo friscalettu efficiente e di quella che io chiamo Liuteria Galermo, impegnata anche in lavori su mandolini e chitarre: tutto questo perché mio nonno e il mio bisnonno erano barbieri musicisti e – tra la fine dell’800 e il ‘900 – suonavano la musica nei saloni da barba con questi strumenti».

Per realizzare un friscalettu «si inizia con la ricerca e la stagionatura della materia prima: la canna comune – spiega Salvatore Tomasello al nostro giornale – Si deve tagliare nel periodo più freddo, cioè durante la luna calante, e si deve prediligere la canna cresciuta lontana dall’acqua. Questo perché le fibre sono molto più fitte e garantiscono una durezza maggiore rispetto a quelle cresciute vicino ai corsi d’acqua». Altro elemento fondamentale è poi la pazienza. Le canne, infatti, «devono stagionare per almeno tre anni, poi saranno pronte per essere tagliate in cannoli». Che è la distanza che va da un nodo all’altro. «La canna però – aggiunge l’esperto dello strumento – non è l’unico materiale che è possibile utilizzare per realizzare un friscaluttu: si usa anche il legno di ulivo, di mandorlo, di erica, di pero, di ebano o di pistacchio».

Una passione che è nata e continua a vivere nello stesso quartiere. Con una sorta di marchio di riconoscimento che Tomasello imprime su ogni strumento che esce dalla liuteria, ovvero una croce di Malta. «Sin dal 1580 esiste una confraternita, di cui faccio parte, dedicata a San Giovanni Battista – spiega – che ha origine dall’antico ordine dei cavalieri di Malta. Ho scelto questo simbolo come a voler dire che i miei strumenti sono made in Galermo». Una tradizione che incuriosisce anche i giovani. «Ci troviamo in un periodo di rinascita». Non solo per i suonatori, ma anche per costruttori. «Anche se siamo ancora solo in pochi a essere in grado di costruire uno strumento di prima qualità, manifattura, intonazione e voicing – sottolinea Tomasello – è bello che sempre più persone coltivino questa passione».

Una tradizione che sta al passo con i tempi fondendosi ai gusti differenziati delle generazioni, ma che al contempo mantiene la sua autenticità. «E così al repertorio più antico, costituito da balletti, si sono aggiunte nuove forme musicali da ballo di fama internazionale tra cui valzer, polca, mazurca, quadriglia e contraddanza». E anche un tradizione con non resta soltanto nei confini dell’isola. Alcuni degli strumenti costruiti da Tomasello «sono finiti nelle mani di musicisti professionisti sparsi in tutto il mondo: dalle Americhe alla Kamchatka, passando per i paesi europei fino all’Australia. Insomma – conclude – è una soddisfazione esportare un po’ di San Giovanni Galermo nel mondo».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]