Francesca Marina, principessa senza diritti Nata su nave italiana, ma non avrà cittadinanza

È arrivata, inaspettata, come la più lieta delle notizie. Nel disumano bilancio che costringe a tenere il conto di cadaveri e sopravvissuti che riescono a superare il fossato chiamato Mediterraneo che separa la fortezza Europa da chi non ha speranza alcuna, per una volta contiamo una nascita. È venuta al mondo (di cui conosce già la devastazione) Francesca Marina. Non è la prima e, forse, nemmeno l’ultima nata durante la traversata. A darne l’annuncio non una stella più brillante delle altre, ma le solite milioni nel cielo ed un tweet.

A chi si chiede cosa spinga una donna incinta ad imbarcarsi rischiando la propria vita e quella del nascituro, non basterà ricordare i motivi delle fughe di massa (guerra e povertà, genocidi etnici) ma anche i lunghi tempi di percorrenza delle carovane del deserto – i migranti affrontano itinerari di migliaia di chilometri nel Sahara – e di detenzione nelle carceri libiche, prima di salpare. Nel periodo che intercorre tra l’abbandono del villaggio d’origine e l’imbarco, vengono consumate sistematiche e molteplici violenze sessuali nei confronti delle donne migranti. Di questo fenomeno non è possibile fornire alcuna statistica, ma basterebbe prestare l’orecchio ai drammatici racconti dei sopravvissuti.

Francesca Marina, così è stata chiamata la bambina, è nata nella notte, a bordo della nave Bettica della Marina militare italiana, impegnata nel salvataggio di uno dei barconi appena salpati dalle coste libiche. Dopo sei ore di difficile travaglio, in cui la madre nigeriana ha perso conoscenza, è sbarcata nel porto di Pozzallo, nel Ragusano, con altri seicento migranti, molti dei quali sono stati trasportati a Salerno successivamente. La madre – gravemente malata, come sostiene l’ostetrica – è partita senza un compagno né parenti.

Complessivamente, negli ultimi due giorni, sono state soccorse dodici imbarcazioni e salvati oltre 2.400 migranti. Tra questi, sono stati portati in Italia anche dieci corpi, recuperati ieri. Giunti ancora ad inizio maggio, la conta dei morti è già superiore alla metà di tutti quelli dell’anno precedente.

Francesca Marina è nata in Italia – perché partorita su una nave battente bandiera italiana. Per la legge del nostro Paese però non potrà esserne cittadina sino al compimento del diciottesimo anno d’età. Il dibattito politico nazionale sullo ius soli (il diritto di cittadinanza acquisito con la nascita nel paese) è stato accantonato, a favore del mantenimento dello ius sanguinis. L’emergenza degli sbarchi e il crescente razzismo rischiano di rendere il tema una perdita di consenso elettorale. 

La foto rilanciata su twitter dalla Marina Militare ritrae Francesca Marina avvolta in un velo bianco e rosa. Moltissimi sono rimasti folgorati dalla bellezza della bambina. Altri ancora hanno colto la coincidenza: Francesca Marina è nata lo stesso giorno della sicuramente più fortunata Charlotte Elizabeth Diana, principessa di Cambridge, discendente regale d’Inghilterra. L’attesa della seconda era preventivata ed è stata coperta minutamente non solo dai tabloid britannici ma anche dai media mainstream; l’avvento della prima è invece assolutamente inaspettato. Charlotte riceverà le attenzioni della stampa per l’intero arco della sua vita. Potrà vivere nell’agio e avrà ogni opportunità possibile, come le principesse delle fiabe. Francesca Marina probabilmente cadrà nel dimenticatoio tra pochi giorni, sarà costretta a sopravvivere e lottare quasi quanto la madre che l’ha messa al mondo. Se non stimolerà la pietà dei legislatori, non sarà riconosciuta cittadina italiana per l’intera giovinezza, con tutti i diritti che di conseguenza le verranno negati. E con buona pace di chi ieri, vedendo la foto, l’ha definita Francesca «principessa del mare».      


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]