Forza Italia rischia di spaccarsi, «Miccichè se ne vada» Lega spettatrice interessata, tra equilibri Ars e Comunali

Adesso anche Forza Italia deve fare i conti col dissenso interno. Una crepa che si va allargando e che oggi pomeriggio ha avuto un momento decisivo nella riunione che si è tenuta a Caltanissetta e guidata dai quattro deputati regionali molto critici rispetto alla linea del commissario del partito Gianfranco Micciché. «Ribadiamo in maniera compatta che i vertici vanno azzerati alla luce della debacle delle Politiche», attacca Marianna Caronia, parlamentare all’Ars che, insieme a Rosanna Cannata, Riccardo Gallo e Tommaso Calderone, rivendica il diritto al confronto interno. E a un cambiamento netto dopo i risultati del 4 marzo. «Siamo passati da 24 deputati a sei, da 14 senatori a tre. Micciché deve farsi da parte», continua Caronia. Sul banco degli imputati finisce anche il capogruppo all’Ars Giuseppe Milazzo. «Il gruppo parlamentare non si riunisce neanche su sollecitazione dei deputati, non possiamo essere noi a essere additati come traditori».

Richieste – sostenute anche da alcuni sindaci del Messinese, dell’Agrigentino e del Siracusano e dall’ex senatore trapanese Antonio D’Alì – che rischiano di spaccare Forza Italia siciliana. Senza risposte, il gruppetto di dissidenti potrebbe infatti alzare il tiro e andare oltre. Spettatori interessati di quanto avviene sono gli esponenti della Lega. Dopo l’exploit nazionale e il buon risultato anche sull’Isola, i salviniani hanno già bussato alla porta del governatore Nello Musumeci per chiedere quello spazio in giunta che, al momento della scelta degli assessori, è stato loro negato a favore di Fratelli d’Italia. Ma adesso che la Lega ha doppiato il partito di Meloni, gli equilibri potrebbero cambiare. E il primo passo sarebbe la formazione di un gruppo autonomo all’Ars. Al momento l’unico deputato regionale che fa diretto riferimento a Noi Con Salvini è Tony Rizzotto. Ne servirebbero altri due per raggiungere il numero minimo necessario. I diretti interessati al momento non confermano e non smentiscono. «Ad oggi non abbiamo valutato nessuna ipotesi concreta – spiega Caronia a MeridioNews – ma dalle elezioni Politiche è venuto un messaggio chiaro del territorio nei confronti della coalizione di centrodestra e noi vogliamo restare vicini a chi rappresentiamo. Questo gruppo fatto di quattro persone è compatto e, se un dibattito interno a Forza Italia non sarà avviato in nessun modo, allora continueremo a evolverci. Nulla è precluso». 

In casa Lega si attende e si valuta, senza fretta. «Ci hanno chiamati in tanti, di schieramenti diversi – conferma Angelo Attaguile, responsabile del partito in Sicilia orientale – è normale, siamo gli unici a crescere. Noi valuteremo con calma le proposte che ci arrivano, già al momento della formazione delle liste per le Politiche ho avuto modo di dire dei no. Anche questa fase va gestita con intelligenza. Perché certe richieste arrivano anche da deputati non graditi, in quanto non in linea con i nostri principi». Sarebbe solo una questione di tempo, quindi, prima di vedere un gruppo autonomo della Lega all’Ars. «Sono fiducioso, succederà non troppo tardi», continua Attaguile. Chi, invece, con Salvini giura che non andrà mai è Luigi Genovese, il 21enne deputato regionale di Forza Italia. Lui alla riunione di oggi a Caltanissetta non c’era, «per motivi personali». «Le critiche dei miei colleghi parlamentari sono legittime, serve dialogo, non è una questione di poltrone. Ma sono convinto che i margini di trattativa ci siano ancora e questa settimana sarà cruciale in tal senso». In ogni caso, nel peggiore dei casi, cioè una spaccatura definitiva del gruppo, Genovese precisa: «Io un passaggio alla Lega non lo farei mai».

La partita interna al centrodestra si incastra con la corsa per le Amministrative. Il 10 giugno città importanti – Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani e altri 132 Comuni siciliani – torneranno alle urne. E non è scontato trovare il centrodestra compatto ai nastri di partenza delle principali sfide. «Quello che è certo – conclude Caronia – è che, alla vigilia del nuovo appuntamento elettorale, non vogliamo ritrovarci dalla parte dei perdenti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]