Filmmaking7, serie americana made in Sicily «Dopo Ridley Scott, vogliamo arrivare in tv»

Girare una series in stile americano, con attori professionisti, una vera troupe e il sogno di farla andare in tv. Partendo da Ragusa, una telefonata e un gruppo su Facebook. E’ la nuova idea di Daniele Ragusa Monsoriu, regista ragusano di 27 anni che, dopo il successo del suo No Land – corto low budget sci-fi presentato al Sundace e visionato addirittura dal regista Ridley Scott – ci riprova e, insieme all’amico coetaneo Alessandro Giummarra, ha messo su Filmmaking 7. Un progetto nato per «scovare gente di cinema che opera in Sicilia e non solo», reclutando artisti e tecnici grazie ad internet e al popolare social network di Mark Zuckerberg. Per «allargare le maglie di collaborazione in tutta Italia e coinvolgere persone di talento», spiega il giovane regista.

Una scommessa per «creare una nuova occasione per noi e per chi fosse interessato», spiega. Perché «c’è una marea di gente brava, con curricula pieni di esperienze e una formazione altissima, che lavora con passione e aspetta solo possibilità come questa. Quindi perché no?». L’idea, come spiega lo stesso regista, è saltata fuori per caso, nel corso di una telefonata con il suo socio. «Dopo No land ci chiedevamo cosa fare – racconta Daniele – e abbiamo deciso di mettere da parte per un po’ i cortometraggi e dedicarci ad altro, come una serie a puntate». Il motivo? Piazzare il prodotto sul mercato: «Il corto è un lavoro chiuso, che mandi in giro per i festival e poco più, mentre con una series hai possibilità di venderla». Detto, fatto. Chiuso il telefono, Daniele comincia a scrivere la storia e dopo una decina di giorni, con le idee in testa già ben chiare, il gruppo facebook di Filmmaking 7 è già online, pronto ad accogliere le candidature di attori e troupe.

Nel giro di poco più di un mese, Daniele e Alessandro hanno ricevuto più di 180 curricula. «Un risultato sorprendete», commenta il giovane regista. «Ha risposto moltissima gente di tutte le età e da tutta Italia, tra cui tanti professionisti con una formazione molto alta che, anche se ancora siamo stati molto vaghi su tutti i fronti, crede nel progetto e si è buttata per pura passione». Tra le posizioni già confermate, i ragazzi anticipano la presenza in qualità di scenografa di Andrea Salomon, premiata nel 2007 con il David di Donatello per le scenografie di Nuovomondo di Emanuele Crialese. Un incoraggiamento per i due ideatori, che da fine luglio lavorano a capofitto per dare sempre più forma alla serie. Compresa la faticosa fase di reperimento dei finanziamenti. «Qualcosa si sta muovendo», ammettono, anche se, per adesso, non si sbottonano oltre. Fondi da cui dipenderà anche la natura del prodotto, inizialmente pensato come una web series, ma che potrebbe anche andare sul piccolo schermo. Visibilità in tv, ma anche un budget certo per pagare chi partecipa al progetto. «A noi non piacciono le collaborazioni volontarie – spiega l’autore – Se riusciremo a portarla in televisione, di certo potrà esserci un rientro economico per tutti».

La storia è ancora work in progress, ma l’idea di base Daniele – che della serie è regista, autore e sceneggiatore – ce l’ha già ben chiara in testa. E ne da qualche anticipazione. Una sit-com sulla provincia americana, di chiara impostazione statunitense. I protagonisti sono sette ragazzi e la mitica Route 66. «Una commedia brillante dal taglio tarantiniano – anticipa – anche questa sui generis come No land, ma stavolta per scelta e non perché non avevamo i soldi», ironizza. «Adesso sto lavorando sui profili dei personaggi e sulle singole puntate – spiega soddisfatto – su cui direi che siamo già a buon punto».

I ragazzi intanto sono concentrati sulla scelta degli attori. «A breve cominceranno i casting – annuncia Daniele – che imposteremo in maniere da venire incontro il più possibile anche ai candidati che vengono da fuori». Per agevolare gli aspiranti protagonisti lontani da Ragusa, le selezioni verranno fatte anche su internet, «come a Los Angeles». Con video, call casting o showreel, il videoportfolio di un artista. «Negli Stati Uniti lo fanno da almeno dieci anni», spiega il regista, che con le nuove tecnologie e le tecniche più moderne sembra andare molto d’accordo. «Non mi interessa la formazione o far domande come una commissione esaminatrice. A me interessa che gli attori vengano bene in video». Con la volontà di creare anche un rapporto informale tra i membri di cast e troupe. «Vogliamo una visione orizzontale del lavoro – sottolinea Daniele – dove non c’è nessuna differenza tra il regista e l’attrezzista. E in cui tutti siano responsabili e proprietari del progetto in cui hanno investito tempo e fatica».

«Le riprese cominceranno tra gennaio e febbraio 2013 – annuncia –  e la voglia è quella di girare qui in Sicilia. A Ragusa, forse, oppure a Catania o a Palermo. Ma potremmo anche spostarci. Vedremo». L’importante è coinvolgere il territorio siciliano. «L’idea parte dalla mia città, è nata qui e ci piacerebbe lavorare in Sicilia il più possibile». Ma con la voglia di abbattere lo stereotipo. Una serie sì made in Sicily, ma di ispirazione americana e con attori provenienti da tutta Italia. Perché «anche da noi si può girare qualcosa che non abbia esclusivamente un taglio siciliano, con i soliti temi e luoghi comuni». E per dimostrare che «se sei bravo e hai spirito di iniziativa, anche qui è possibile».

[Foto di Jacopo Rabolini]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

All'attivo hanno già un corto low cost visionato dal regista di Blade runner. Adesso il giovane filmmaker ibleo Daniele Ragusa Monsoriu e l'amico Alessandro Giumarra lanciano un'altra scommessa: una sit-com sulla provincia statiunitense, con attori professionisti e il sogno del piccolo schermo. Con un gruppo su Facebook per reclutare cast e troupe da tutta Italia, ma da girare in Sicilia: «Per abbattere i luoghi comuni e dimostrare che, se hai talento, anche qui è possibile»

All'attivo hanno già un corto low cost visionato dal regista di Blade runner. Adesso il giovane filmmaker ibleo Daniele Ragusa Monsoriu e l'amico Alessandro Giumarra lanciano un'altra scommessa: una sit-com sulla provincia statiunitense, con attori professionisti e il sogno del piccolo schermo. Con un gruppo su Facebook per reclutare cast e troupe da tutta Italia, ma da girare in Sicilia: «Per abbattere i luoghi comuni e dimostrare che, se hai talento, anche qui è possibile»

All'attivo hanno già un corto low cost visionato dal regista di Blade runner. Adesso il giovane filmmaker ibleo Daniele Ragusa Monsoriu e l'amico Alessandro Giumarra lanciano un'altra scommessa: una sit-com sulla provincia statiunitense, con attori professionisti e il sogno del piccolo schermo. Con un gruppo su Facebook per reclutare cast e troupe da tutta Italia, ma da girare in Sicilia: «Per abbattere i luoghi comuni e dimostrare che, se hai talento, anche qui è possibile»

All'attivo hanno già un corto low cost visionato dal regista di Blade runner. Adesso il giovane filmmaker ibleo Daniele Ragusa Monsoriu e l'amico Alessandro Giumarra lanciano un'altra scommessa: una sit-com sulla provincia statiunitense, con attori professionisti e il sogno del piccolo schermo. Con un gruppo su Facebook per reclutare cast e troupe da tutta Italia, ma da girare in Sicilia: «Per abbattere i luoghi comuni e dimostrare che, se hai talento, anche qui è possibile»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]