Etnico tu e chi non te lo dice

In ogni mondo universitario che si rispetti, accuse, lamentele, critiche e giudizi non mancano mai all’appello: le discussioni sul nuovo ordinamento, l’accavallamento delle lezioni, il repentino rincaro dei prezzi del bar, le crescenti preoccupazioni degli studenti verso le incerte specializzazioni, i ‘piccoli’ disagi avuti quest’anno con le tasse errate, sono solo alcuni dei tanti argomenti trattati più volte da Step 1; ma in ogni mondo universitario che si rispetti ci sono anche iniziative concrete, progetti duraturi, e l’impegno di molti che fanno bene il loro lavoro e che compensano in qualche modo al resto delle cose che non sembrano andar bene.

La Facoltà di Lingue credo abbia i suoi lati positivi: primo tra questi l’esperienza ben riuscita del Medialab, di cui possiamo veramente vantarci.

Solo la nostra facoltà possiede laboratori extradidattici attivi e d’ogni genere e anche di questo ci possiamo vantare.

Il Medialab ci permette di viaggiare all’interno del mondo telematico, dalla creazione di un sito web al giornale on line, dall’editoria multimediale ad una vera e propria radio; ci fa addentrare nel mondo dei fumetti, del cinema, dei musical e della letteratura; ci insegna a scavare all’interno delle tradizioni culturali, musicali, dei fenomeni sociali e politici.

Le attività si fanno sempre più serie, interessanti, utili e quindi affollate, per questo nessuno credo possa aver da ridire sulla funzionalità dei New lab, né si può fare una scaletta dei più o meno riusciti, ma si può sicuramente rintracciare fra tutti quale è stato quest’anno, ad avviso di molti, il laboratorio più originale. Ho preso quindi in considerazione quello di “Musica Etnica:reinventare la tradizione” curato dal professore, musicista e ricercatore-inventore Luca Recupero.

Il corso si basava su un ciclo di incontri inerenti l’universo delle musiche tradizionali, della musica di contaminazione.

E’ stato organizzato secondo una serie di ascolti guidati, con grande interesse per i dialetti, gli incroci di generi e di culture, ma soprattutto gli interventi di numerosi musicisti e ricercatori quali: Matilde Politi (cantante e chitarrista palermitana), Fabio Tricomi (ricercatore catanese), “I petri ca addumunu” (gruppo musicale di Enna), Salvatore Vinci (musicista) e Mario Sarca (ricercatore messinese), tutti impegnati nel recupero o nella re-invenzione della tradizione.

Ho chiesto al professor Luca Recupero di raccontarci un po’ come è andata l’esperienza di quest’anno e sembra esserne rimasto abbastanza soddisfatto:

Il mio obiettivo principale era quello di avere un effetto “psichedelico” sugli studenti, ossia di espandere le loro percezioni su ciò che “musica” è o può essere.
I confini del concetto di musica sono stati indagati e messi in discussione costantemente, e in particolare la definizione della categoria “etnica”. Avendo scoperto insieme che “etnica” è una categoria dello sguardo (Se ad un musicista di musica classica indiana gli dici che fa musica etnica quello s’incazza!), abbiamo stabilito un sottotitolo scherzoso per il nostro medialab ossia: etnico sei tu e chi non te lo dice.

Questo è stato anche il titolo dei tre contributi radiofonici che hanno curato i ragazzi (e che forse andranno in onda sulla radio on-line della facoltà dopo una revisione redazionale).

E qui entriamo nel campo degli aneddoti.

Ho fatto lavorare i ragazzi su temi da loro scelti e concordati. Si sono creati tre gruppi di studio e ciascuno di questi ha proposto al resto della comitiva il proprio lavoro sotto forma di registrazione in diretta del contributo radiofonico.

La registrazione di questi contributi è avvenuta durante l’ultimo incontro, per il quale abbiamo montato microfoni, cd, ricreando una piccola regia radiofonica vecchio stile. Gli studenti hanno così dovuto confrontarsi con una sorta di performance di fronte al pubblico degli altri partecipanti ma anche (in prospettiva) al pubblico virtuale degli ascoltatori della radio.

Che non me ne vogliano quanti pensano che il laboratorio più originale sia stato un altro, è sempre e in ogni caso soggettivo, si prenda questo come esempio per porli tutti in primo piano, perché fra le tante cose che noi ‘poveri studenti’ vorremmo cambiare ce n’è qualcuna che speriamo invece vada avanti così. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]