Foto di Circolo San Placido Biancavilla

Il clan devoto al pizzo di San Placido: «Dobbiamo essere una famiglia, giriamo tutti e mangiamo tutti»

Se è vero che ogni santo ha i suoi devoti, quelli del clan Toscano-Mazzaglia-Tomasello di Biancavilla – finiti indagati in carcere nell’ambito dell’operazione antimafia Ultimo atto – lo erano sicuramente di San Placido. Il patrono della cittadina in provincia di Catania che si festeggia, da oltre 310 anni, il 5 ottobre. Rituali e tradizioni che si ripetono sempre uguali. Tra questi, ci sarebbe stato anche il pizzo imposto ai gestori di bancarelle, stand e giostre. Un introito in aggiunta alle rate pretese da commercianti e imprenditori locali in occasione delle festività di Pasqua e Natale e al dazio variabile chiesto ai camionisti e ai titolari di magazzini e ditte. Oltre alla droga, le estorsioni sarebbero state il vero affare del clan per riuscire a tenere sempre piena la cassa comune per garantire «gli stipendi ai detenuti e ai loro familiari», si legge nell’ordinanza di custodia cautelare. A occuparsi di questo business sarebbero stati, sempre sotto lo stretto controllo di Giuseppe Mancariritenuto a capo del clan – in modo particolare, i più giovani del gruppo Piero Licciardello, Manuel Amato e Fabrizio Distefano, insieme a Mario Venia. Anche loro tra i tredici accusati di essere parte del sodalizio che è l’articolazione territoriale della famiglia mafiosa di Cosa nostra etnea dei Santapaola-Ercolano.

L’estorsione sui panini con la carne di cavallo

Già ai primi di settembre, il clan avrebbe iniziato a prepararsi per la festa patronale. A spiegare come avrebbe funzionato il pizzo di San Placido è stato il collaboratore di giustizia Vincenzo Pellegriti. A essere presi di mira dal clan mafioso sarebbero stati i giostrai e anche i gestori di bancarelle che vendono panini imbottiti con la carne di cavallo arrostita. Le estorsioni sarebbero state applicate su entrambe le materie prime, sia pane che carne. «Chi voleva montare una bancarella – riferisce Pellegriti agli inquirenti – era costretto a comprare la carne di cavallo e i panini morbidoni per il tramite del clan mafioso». In pratica, uno del gruppo criminale sarebbe stato incaricato di andare dai titolari degli stand e imporre l’acquisto di carne e pane che poi, a sua volta, comprava da una macelleria e un panificio autorizzati. Materie prime rivendute con rincaro per realizzare il guadagno da mettere nella cassa comune da cui attingere per stipendiare i carcerati e i loro parenti. «Se qualcuno si rifiutava – aggiunge il collaboratore – veniva minacciato e poi gli danneggiavamo la bancarella anche dandole a fuoco».

Il pizzo delle giostre

Ma non c’è festa di paese senza giostre. E anche sulle attrazioni da luna park itineranti, dalla ruota panoramica al tagatà, il clan avrebbe imposto il pizzo. «Quest’anno a questi delle giostre ci mettiamo la legge nuova prima che montano: ci devono dare i soldi, almeno 2000 euro», pianificano alcuni degli indagati senza sapere di essere intercettati. Non solo soldi, dai giostrai avrebbero preteso anche «circa cento blocchetti da venti biglietti gratuiti per i figli dei detenuti. In realtà – ammette Pellegriti – poi li regalavamo a nostro piacimento». Secondo quanto raccontato dal collaboratore, a fare da collettori del pizzo sarebbero stati due giostrai stessi (madre e figlio) che avrebbero riscosso le estorsioni dagli altri titolari dei giochi e, una volta completato il giro, avrebbero consegnato tutto all’incaricato del clan.

La famiglia armata

Estorsori professionisti che non si improvvisano. E, infatti, è di lunedì 9 settembre del 2019 una conversazione in cui Amato, Licciardello e Venia discutono di come organizzarsi per iniziare a riscuotere le estorsioni in occasione delle festività del santo patrono. Ed è qui che viene fuori che a loro disposizione e pronte per essere utilizzate avrebbero avuto un fucile a canne mozze e altri armi, che ieri sono state sequestrate. A San Placido manca ancora quasi un mese, ma sono ci sono affari a cui non si può pensare all’ultimo minuto. «Ou, partiamo a rompere perché già mi si è gonfiata la minchia», esordisce Licciardello che sa che ogni buon proposito si comincia di lunedì. «Devono andare a prendere quel coso per forza, lo mettiamo dentro così lo monto – risponde Amato facendosi trovare pronto – A portata di mano ne abbiamo uno solo fucile». A questo punto, è Venia a tirare fuori il desiderio di un’arma fantasiosa: «Il tiranozzuli ci vuole che si carica a pallettoni. Solo con il fucile non si può fare niente. Dobbiamo essere pronti qualsiasi cosa». E, per prepararsi al meglio, serve anche l’unione che proverbialmente fa la forza. A ricordarlo agli altri ci pensa il più maturo del gruppo degli estortori: «Se dobbiamo essere una famiglia, dobbiamo essere una famigliaQuando ci sta un pezzo di pane, se lo mangiano tutti. Iniziando da ora – decreta Venia – giriamo tutti e mangiamo tutti».

Il pizzo come companatico

E, in effetti, per le feste comandate di Pasqua e Natale il giro delle attività commerciali a cui estorcere denaro (in media 500 euro) sarebbe stato fatto a tappeto sul territorio di Biancavilla: bar, pasticcerie, un gommista, un ottico, un compro oro, un chiosco, un camion dei panini, un negozio di abbigliamento, una ditta di pesticidi, una libreria, un mulino, una profumeria, un negozio di tende, un magazzino di arance, un supermercato, una sala scommesse. «Qui non stiamo venendo per una tassa fissa – dice Licciardello al titolare di una ditta di lavorazione agrumicola – Un paio di cento euro per aiutare un amico in galera». Con il rischio di finirci anche loro. Una preoccupazione che nasce dal momento in cui Pellegriti comincia a collaborare. «Loro ci vogliono beccare – afferma Venia riferendosi alle forze dell’ordine – Pam (suono onomatopeico, ndr) ti bloccano e gliela suchi». Il timore è quello di essere fermati con i soldi delle estorsioni ancora addosso. Ed è da qui che nasce in Distefano un’idea geniale. «Tranne che tu ci entri e ti prendi una cosa da bere. Li devi sapere fare però le cose. Non è che devi fare come gli anni Ottanta, te li devi inventare sempre più nuove. Cambia modalità: sei in una panineria? Spacca il panino e mettili lì dentro e lo involti». Un’intuizione che, a giudicare dalle misure cautelari per tutti, non sembra avere funzionato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]