Biancavilla, il traffico di droga e le estorsioni del clan per mantenere i detenuti

Tutto è nato dalle indagini iniziate per il tentato omicidio di Davide Galati Massaro. Un episodio avvenuto a Biancavilla (in provincia di Catania) il 9 settembre del 2018 che ha permesso di svelare le evoluzioni del clan Toscano-Tomasello-Mazzaglia, articolazione territoriale della famiglia mafiosa di Cosa nostra etnea Santapaola-Ercolano, e di arrivare oggi all’operazione antimafia Ultimo atto per cui sono finiti indagati e in carcere 13 persone accusate di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Reati tutti aggravati dal metodo mafioso. Un’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e condotta dai carabinieri di Paternò, che ha portato anche a individuare il presunto reggente operativo e capo promotore del sodalizio criminale in Giuseppe Mancari, detto U pipi.

Storico elemento di vertice del clan che, dopo una condanna definitiva all’ergastolo con isolamento diurno per omicidio, ha ricevuto la concessione di un indulto e di plurime riduzioni di pena per liberazione anticipata. Nel 2009, Mancari è stato poi sottoposto alla liberazione condizionale. Le indagini sono partite dopo il tentato omicidio di Davide Galati Massaro commesso da Riccardo Pelleriti a colpi di kalashnikov, in pieno centro – in via dell’Uva – nella cittadina del Catanese. Una lite per un banale incidente stradale che si era trasformata in un episodio di sangue. Nel corso delle investigazioni, erano stati monitorati gli instabili equilibri tra le famiglie mafiose di Adrano e Biancavilla ed era emersa l’esistenza di un’associazione mafiosa, dedita prevalentemente allo spaccio di droga e alle estorsioni. Affari illeciti portati avanti per acquisire introiti da destinare anche al mantenimento delle famiglie degli affiliati.

Dalle indagini, anche tramite alcune dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia e da persone informate sui fatti, sono stati riscontrati sei episodi di estorsione ai danni di imprenditori dell’edilizia, della ristorazione e del commercio (sia all’ingrosso che al dettaglio). Un business che sarebbe servito soprattutto per fare fronte alla mancanza di fondi per il sostentamento dei sodali in carcere. Richieste estortive con precise cadenze periodiche segnate dalle feste comandate: Natale, Pasqua e San Placido, il patrono di Biancavilla. In particolare, proprio in prossimità della festa patronale, sarebbe stata imposta ai gestori degli stand la fornitura del pane e della carne. Prodotti sui quali il clan avrebbe applicato un rincaro rispetto al prezzo dei venditori. Secondo quanto riferito dai collaboratori di giustizia, vittime dell’estorsione sarebbero stati anche i giostrai, costretti a dare circa 2000 biglietti per le attrazioni (dalla ruota al tagadà), per fare in modo che i figli dei detenuti potessero utilizzarle gratuitamente.

Per l’accusa, un altro fiorente business del clan sarebbe stato il traffico delle sostanze stupefacenti, in particolare di marijuana e cocaina. Nel corso delle operazioni, sono stati sequestrati un fucile d’assalto kalashnikov modello Ak 47 con relativo caricatore – quello utilizzato per il tentato omicidio di Galati Massaro – quattro pistole calibro 9, una pistola calibro 7.65 con matricola abrasa, una piantagione con oltre 300 piante di canapa indiana e oltre un chilo di marijuana. Sono state sequestrate le società MM Logistic di Miriana Militello con sede ad Adrano e M.N. Trasporti Srl con sede a Biancavilla, entrambe operanti nel settore del trasporto merci su strada. Tutte e due sono state affidate a un amministratore giudiziario insieme ai conti correnti a esse intestati e a tutti i beni aziendali registrati, sia mobili che immobili. L’«Agenzia», come era soprannominata dagli uomini del clan, che formalmente operava nell’intermediazione tra le aziende agricole e i trasportatori, sarebbe diventata nel tempo, uno degli strumenti operativi più redditizi. Gli introiti ottenuti attraverso l’imposizione ai camionisti e ai titolari di magazzini e ditte di un dazio variabile per ogni bancale di frutta in viaggio verso il Nord Italia, sarebbero stati versati nella cassa comune del clan, per essere consegnati ai familiari dei sodali detenuti.

L’elenco degli indagati in custodia cautelare in carcere:
1) Amato Salvatore Manuel, nato a Biancavilla il 08.04.1993;
2) Distefano Fabrizio, nato a Biancavilla il 18.09.1991;
3) Galvagno Placido, nato a Biancavilla il 10.12.1976;
4) Gioco Giovanni, nato a Biancavilla il 27.10.1959;
5) Licciardello Piero, nato a Paternò il 23.11.1994;
6) Mancari Giuseppe, nato a Biancavilla il 22.12.1948;
7) Margaglio Nunzio, nato a Biancavilla il 08.02.1995;
8) Militello Carmelo, nato a Biancavilla il 03.10.1973;
9) Minissale Nicola Gabriele, nato a Catania il 25.11.1992;
10) Muscia Alfio, nato a Biancavilla il 10.10.1978;
11) Palermo Ferdinando, nato a Paternò il 18.01.1977;
12) Venia Mario, nato a Biancavilla il 25.12.1975;
13) Vercoco Carmelo, nato in Germania il 04.08.1973.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Tutto è nato dalle indagini iniziate per il tentato omicidio di Davide Galati Massaro. Un episodio avvenuto a Biancavilla (in provincia di Catania) il 9 settembre del 2018 che ha permesso di svelare le evoluzioni del clan Toscano-Tomasello-Mazzaglia, articolazione territoriale della famiglia mafiosa di Cosa nostra etnea Santapaola-Ercolano, e di arrivare oggi all’operazione antimafia Ultimo atto per cui sono finiti indagati […]

Tutto è nato dalle indagini iniziate per il tentato omicidio di Davide Galati Massaro. Un episodio avvenuto a Biancavilla (in provincia di Catania) il 9 settembre del 2018 che ha permesso di svelare le evoluzioni del clan Toscano-Tomasello-Mazzaglia, articolazione territoriale della famiglia mafiosa di Cosa nostra etnea Santapaola-Ercolano, e di arrivare oggi all’operazione antimafia Ultimo atto per cui sono finiti indagati […]

Tutto è nato dalle indagini iniziate per il tentato omicidio di Davide Galati Massaro. Un episodio avvenuto a Biancavilla (in provincia di Catania) il 9 settembre del 2018 che ha permesso di svelare le evoluzioni del clan Toscano-Tomasello-Mazzaglia, articolazione territoriale della famiglia mafiosa di Cosa nostra etnea Santapaola-Ercolano, e di arrivare oggi all’operazione antimafia Ultimo atto per cui sono finiti indagati […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]