Enzo Ercolano non è mafioso: il verdetto dei giudici nell’Appello bis. Nuova vita nel gusto per il nipote di Santapaola

Assolto dal reato di associazione mafiosa. Pur avendo usato metodi mafiosi. Una sentenza destinata a fare discutere, specie se l’imputato risponde al nome di Enzo Ercolano. Imprenditore – re degli autotrasporti con l’azienda Geotrans -, fratello di Aldo, condannato all’ergastolo per l’omicidio del giornalista Pippo Fava, e figlio del defunto Pippo Ercolano, storico esponente di Cosa nostra che sposò Grazia Santapaola, sorella del capomafia Nitto. Una dinastia mafiosa di cui, però, Enzo Ercolano non farebbe parte secondo i magistrati della procura generale – che ne hanno chiesto l’assoluzione dal reato associativo – e i giudici della prima sezione della corte d’Appello di Catania. Il dispositivo, letto lo scorso 9 maggio, segue il rinvio della corte di Cassazione arrivato a fine 2020. In quell’occasione Ercolano – difeso dall’avvocato Valerio Spigarelli – era stato condannato a 12 anni e 10 mesi. La pena stabilita adesso è di 11 anni e 9 mesi per estorsione e intestazione fittizia di beni. Definita una nuova condanna anche per Michele Guardo, ritenuto vicino a Ercolano, difeso dall’avvocato Sergio Ziccone: per lui si passa da 7 anni a 5 anni e 11 mesi con la concessione delle attenuanti generiche. I giudici, inoltre, hanno revocato la confisca dei beni che era stata disposta nei confronti di Cosima Palma Ercolano, sorella di Enzo. La donna era già uscita di scena dalla vicenda giudiziaria con una sentenza di non luogo a procedere per avvenuta prescrizione.

Il caso che vede oggi Ercolano non definibile come mafioso nasce dall’operazione antimafia Caronte. L’inchiesta che, nel 2013, aveva fatto finire in manette 23 persone e, rappresentava, a tutti gli effetti, una sorta di prosecuzione dell’indagine Iblis. Al centro, ancora una volta, il nodo tra mafia, politica e imprenditoria, scese a patti puntando in maniera decisa sull’autotrasporto via terra e via mare. Quello di Ercolano era il nome di punta del blitz: non solo perché blasonato, ma anche per la scalata di successo nel mondo imprenditoriale, portata avanti – secondo i magistrati della procura di Catania – obbligando clienti e fornitori a rivolgersi alle sue imprese, impedendo una libera concorrenza. Uno strapotere collegato a «uno spessore criminale elevatissimo», si diceva prima dell’ultima sentenza. In cui rimangono confermati i metodi mafiosi, ma senza la copertura data dall’adesione a Cosa nostra.

In passato Enzo Ercolano ha avuto la meglio in diversi processi. È stato assolto per non aver commesso il fatto nel procedimento scaturito dall’inchiesta Sud Pontino della procura di Napoli, che aveva svelato i legami tra Cosa nostra e Camorra nell’ambito dei trasporti. E ha goduto, grazie a una sentenza del 2002, di un risarcimento economico per ingiusta detenzione di oltre 100mila euro. Nel suo presente, però, sembra non esserci più il trasporto su gomma. Rimane la passione per le spedizioni, ma in un settore diverso: quello dei «pacchi del gusto», con confezioni create dai clienti scegliendo i prodotti tipici del territorio siciliano: dal pistacchio di Bronte passando per le marmellate e i vini dell’Etna. Da tempo, ormai, la sua ex creatura Geotrans viaggia invece sulle strade della legalità, con i lavoratori che – dopo anni di amministrazione giudiziaria e l’abbandono di diversi clienti con relative vitali commesse – sono diventati proprietari dell’azienda riunendosi in cooperativa. E diventando un modello nella gestione dei beni confiscati alla mafia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Assolto dal reato di associazione mafiosa. Pur avendo usato metodi mafiosi. Una sentenza destinata a fare discutere, specie se l’imputato risponde al nome di Enzo Ercolano. Imprenditore – re degli autotrasporti con l’azienda Geotrans -, fratello di Aldo, condannato all’ergastolo per l’omicidio del giornalista Pippo Fava, e figlio del defunto Pippo Ercolano, storico esponente di […]

Assolto dal reato di associazione mafiosa. Pur avendo usato metodi mafiosi. Una sentenza destinata a fare discutere, specie se l’imputato risponde al nome di Enzo Ercolano. Imprenditore – re degli autotrasporti con l’azienda Geotrans -, fratello di Aldo, condannato all’ergastolo per l’omicidio del giornalista Pippo Fava, e figlio del defunto Pippo Ercolano, storico esponente di […]

Assolto dal reato di associazione mafiosa. Pur avendo usato metodi mafiosi. Una sentenza destinata a fare discutere, specie se l’imputato risponde al nome di Enzo Ercolano. Imprenditore – re degli autotrasporti con l’azienda Geotrans -, fratello di Aldo, condannato all’ergastolo per l’omicidio del giornalista Pippo Fava, e figlio del defunto Pippo Ercolano, storico esponente di […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]