Robot hand making contact with human hand on dark background 3D rendering

Enigma, l’intelligenza artificiale indossabile. Progetto Unict «per aumentare la sicurezza e ridurre i costi»

L’ispirazione di Alan Turing e il nome Enigma, come la macchina che lo scienziato britannico riuscì a decifrare durante la seconda guerra mondiale. Si tratta del progetto portato avanti da un team di ricercatori dell’università di Catania che nei giorni scorsi è stato premiato a Torino, durante la fiera internazionale A&T sulle innovazioni tecnologiche. Il gruppo di studio, insieme a due partener – Xenia progetti e Morpheos – ha creato un sistema integrato indossabile: occhiali smart affiancati a un software basato su algoritmi che consentono di acquisire un elevato livello di comprensione sulla base di quanto viene inquadrato. «Si tratta di un’intelligenza artificiale che osserva la scena e la capisce – spiega a MeridioNews il professore Giovanni Maria Farinella del dipartimento di Matematica e Informatica di Unict – L’obiettivo è quello di affiancare i lavoratori durante le mansioni». Una interazione tra uomo e oggetti presenti nell’ambiente circostante.

«Se per esempio si ha in mano un saldatore, il sistema di visione, – spiega Farinella – per questioni di sicurezza accenderà l’aspira fumi quando il primo dispositivo sarà in funzione», capace quindi di predire il prossimo oggetto con cui l’utente interagirà prima ancora che l’interazione avvenga. «Questo sistema tuttavia è utile anche per la verifica delle procedure effettuate dai nuovi operatori. Non ci sarà bisogno di affiancare un umano ma un’intelligenza artificiale che presenta il tutto con delle spiegazioni». Il progetto Enigma all’appuntamento di Torino si è classificato al secondo posto nella categoria Università e Ricerca, in un’agguerrita competizione fra 124 realtà progettuali, di cui solo 40 hanno superato il primo turno e, di queste, 9 sono state scelte per la finale.

«Il progetto – continuata il docente – è iniziato prima della pandemia. Una durata tre anni poi estesa di qualche mese perché il Covid ha rallentato la sperimentazione in presenza. Oggi si parla di metaverso e questo è un progetto presentato tra il 2017 e il 2018. Siamo precursori di alcune tecnologie che studiamo a Unict, guardando a tre o cinque anni rispetto a quello che avverrà nel mercato». Il sistema indossabile è stato brevettato a novembre 2022 a livello italiano e presto arriverà l’estensione a livello europeo. Il target? «Sono le industrie meccaniche e manifatturiere – continua Farinella – ma anche le industrie elettriche ed elettroniche e si può allargare pure al dominio medico». Per avere dati certi su costi e tempi di produzione bisognerà aspettare: «Arriveremmo a un prodotto vero e proprio ma adesso non possono essere date delle cifre – conclude – È come quando sono usciti i telefonini i cui prezzi nel tempo sono stati abbattuti. Il mercato degli smartglass sta crescendo molto con varie aziende impegnate sul campo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L’ispirazione di Alan Turing e il nome Enigma, come la macchina che lo scienziato britannico riuscì a decifrare durante la seconda guerra mondiale. Si tratta del progetto portato avanti da un team di ricercatori dell’università di Catania che nei giorni scorsi è stato premiato a Torino, durante la fiera internazionale A&T sulle innovazioni tecnologiche. Il […]

L’ispirazione di Alan Turing e il nome Enigma, come la macchina che lo scienziato britannico riuscì a decifrare durante la seconda guerra mondiale. Si tratta del progetto portato avanti da un team di ricercatori dell’università di Catania che nei giorni scorsi è stato premiato a Torino, durante la fiera internazionale A&T sulle innovazioni tecnologiche. Il […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]