Emergenza rifiuti abbandonati nelle Egadi. Il sindaco presenta una denuncia

Armadi, reti, materassi e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella casa comunale e nella casetta dell’acqua di Levanzo. Si tratta dell’ennesimo episodio dopo quello dei giorni scorsi a Marettimo. «Sono azioni incomprensibili e non giustificabili», dichiara il sindaco Francesco Forgione. «A seguito del perdurare di questi comportamenti sono stato costretto oggi a rivolgermi alle autorità per sporgere una formale denuncia. Questo atto – puntualizza il primo cittadino – non è contro qualcuno ma a tutela della nostra comunità, delle cittadine e dei cittadini di Levanzo, che non sono tutti assimilabili a chi ha compiuto questi gesti». Nei giorni scorsi, l’amministrazione comunale era stata costretta a disporre un intervento straordinario per ripulire l’isola di Marettimo invasa dai rifiuti. «Con spirito di servizio provvederemo a rimuovere anche i rifiuti ingombranti abbandonati a Levanzo – aggiunge Forgione – Il costo, purtroppo, ricadrà su tutti i cittadini, anche quelli, per nostra fortuna la maggior parte, che rispettano le norme. Invito però tutti ad avere comportamenti responsabili. L’amministrazione comunale è al servizio della comunità ma la comunità deve essere consapevole che la tutela della bellezza del proprio territorio dipende anche dai comportamenti individuali e collettivi».


Dalla stessa categoria

I più letti

Armadi, reti, materassi e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella casa comunale e nella casetta dell’acqua di Levanzo. Si tratta dell’ennesimo episodio dopo quello dei giorni scorsi a Marettimo. «Sono azioni incomprensibili e non giustificabili», dichiara il sindaco Francesco Forgione. «A seguito del perdurare di questi comportamenti sono stato costretto oggi a rivolgermi alle autorità […]

Armadi, reti, materassi e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella casa comunale e nella casetta dell’acqua di Levanzo. Si tratta dell’ennesimo episodio dopo quello dei giorni scorsi a Marettimo. «Sono azioni incomprensibili e non giustificabili», dichiara il sindaco Francesco Forgione. «A seguito del perdurare di questi comportamenti sono stato costretto oggi a rivolgermi alle autorità […]

Armadi, reti, materassi e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella casa comunale e nella casetta dell’acqua di Levanzo. Si tratta dell’ennesimo episodio dopo quello dei giorni scorsi a Marettimo. «Sono azioni incomprensibili e non giustificabili», dichiara il sindaco Francesco Forgione. «A seguito del perdurare di questi comportamenti sono stato costretto oggi a rivolgermi alle autorità […]

Armadi, reti, materassi e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati nella casa comunale e nella casetta dell’acqua di Levanzo. Si tratta dell’ennesimo episodio dopo quello dei giorni scorsi a Marettimo. «Sono azioni incomprensibili e non giustificabili», dichiara il sindaco Francesco Forgione. «A seguito del perdurare di questi comportamenti sono stato costretto oggi a rivolgermi alle autorità […]

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo