«Ecco perché ho detestato visitare Taormina» Quotidiano inglese attacca il turismo di massa

Far pagare un biglietto – magari anche salato – per stare a Taormina. L’idea arriva dalla Gran Bretagna, dove il quotidiano The Spectator ha pubblicato un articolo sui danni del turismo di massa che, anno dopo anno, rischia di minare definitivamente le identità di città e paesi. Trasformandoli in non-luoghi, contenitori dove affluiscono milioni di persone disposte a rimanere ore «in coda per scattare la stessa foto».

A parlare della città ionica è il giornalista Sean Thomas, che racconta del viaggio fatto in Sicilia per descrivere le bellezze dell’isola. Tra le quali, appunto, Taormina. «Amata da Goethe, Wagner, Yeats, Wilde, Lawrence, di questa perla della Sicilia una volta Ernest Hemingway disse che è così bella che fa male guardarla. Eppure io l’ho detestata», scrive. I motivi di tanto odio sono presto detti. «Non appena ho messo piede fuori dal mio albergo sono stato inghiottito da un mare di tedeschi, americani, giapponesi e inglesi. Orde di turisti che facevano la fila per entrare in città, per camminare lungo la strada principale». Thomas fa poi riferimento alle spese esorbitanti che bisogna affrontare anche per un cocktail, se lo si beve in uno degli hotel più rinomati.

E il futuro potrebbe essere anche peggiore. Perché, se si considera la crescita economica di nazioni come Cina e India, non è così impensabile tra qualche anno una meta come Taormina si troverà a dover affrontare nuove ondate di turisti provenienti dall’Asia. «Perché non dovrebbe un miliardo di indiani arrivare a Taormina? D’altronde, hanno lavorato duramente per le loro vacanze», commenta il giornalista.

Ma quale può essere, allora, la soluzione a un problema che Thomas tiene a sottolineare riguarda larga parte dell’Europa? La risposta la suggerirebbe il Bhutan. Il paese incastonato nell’Himalaya per una precisa scelta di governo ha deciso di contrastare il turismo di massa. Come è facile spiegarlo: ha deciso di fissare una tassa di 200 sterline per ogni giorno di permanenza nel Paese. Una cifra che di fatto riduce l’interesse di tante persone. La rinuncia ad aprire l’economia al turismo estero viene ripagata – scrive il giornalista britannico – con la preservazione di ciò che ancor’oggi riesce a essere il Bhutan. Al punto che «probabilmente entrano più persone in un vostro supermercato un qualsiasi sabato rispetto a quante arrivano in Bhutan in una settimana».

A pensare a misure contro il turismo incontrollato, tuttavia, è stata già qualche località italiana. A ricordarlo è lo stesso Thomas. «Quest’anno una parte particolarmente bella d’Italia, le Cinque Terre, stanno progettando di fare esattamente questo», conclude il giornalista, facendo riferimento all’idea di fissare un tetto massimo di un milione e mezzo di turisti estivi. Superato il quale «le porte dei bar e le strade che portano al mare saranno chiuse» ai visitatori.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]