E come Emolumento… di Natale

Nel bel mezzo del montaggio di eco-abeti da salotto, il cui assemblaggio è in grado di far girare
per bene le palle (di Natale) dei più sfavillanti colori di quest’inverno che oscilla tra una bufera
tropicale e una gelata altoatesina, è opportuno soffermarsi su una riflessione cinico-giuridica che
non vuole farsi attendere in questo appuntamento dicembrino. A tal scopo, la parola che si intende evidenziare, approfondire e opportunamente propinare è: emolumento. 

Vengo e mi spiego.
A chi non piace riempire la shopping bag dopo tre ore di fila dal neofita Primark?
Chi non ama ordinare ceste ricolme di luculliani salami, spumanti e cotechini per far felice il
proprio datore di lavoro o impressionare il futuro suocero?
Chi non subisce il fascino dei maglioncini con le renne e i festoni rosso fluo che profumano
violentemente di Colin Firth nel Diario di Bridget Jones

Se ciascun lettore riscontra positivamente i quesiti di cui sopra, rivendicando con orgoglio la
propria appartenenza a una o tutte le categorie dell’elenco, per questi e molti altri momenti di
magico Natale all’insegna del consumo sfrenato e innamorato, non v’è chi non veda come ad ogni
azione di tal guisa corrisponda un bacio sotto il vischio e un portafogli dilapidato.
Infatti, se non vantiamo una carriera da cantautori come Mariah Carey o non abbiamo la fortuna
stagionale di Michael Bublè –
 fratelli e sorelle – per scongiurare il tracollo economico-finanziario che
neanche il ’29 a Wall Street, dobbiamo riscuotere qualunque emolumento ci sia spettato, ci spetti e
ci spetterà, probabilmente da qui al prossimo abbonamento al lido della Playa.

Emolumento – /emolu’mento/ – sostantivo maschile che deriva dal latino emolumentum, rappresentava per gli
antichi il compenso per la macinatura del grano
. Adesso, possiamo semplicemente identificarlo
come la somma corrisposta a fronte di una prestazione di lavoro, il corrispettivo, il provento, la
remunerazione, insomma: i soddi

Lasciamo cinicamente in soffitta i pensieri rigidamente buonisti che inneggiano al dimesso decoro e
identificano la gioia delle feste nella stalla con il bue e l’asinello. Senza emolumento non si canta
messa e qualunque cassiere vi troverete davanti, quando non sarete in grado di corrispondere il
totale per i vostri potenziali
regalini non potrà che intonarvi «tu scendi dalle stelle» prima, e «mi
dispiace devi andare, il tuo posto è là (fuori dalla porta e lontano dai Pooh)» poi.
Il suggerimento, pertanto, è quello di cogliere due piccioni con una fava e sfruttare al meglio le
potenzialità
di questo magico periodo dell’anno per sovvertire gli ordinari meccanismi di
funzionamento distorto della società in favore della sacrosanta, lavorata e meritata riscossione degli
emolumenti spettanti
, che farà felici tutti i componenti della piramide alimentare del mercato,
dall’Agenzia delle entrate al nonno in fila alla posta per prelevare dal libretto. 

E quindi tu, avvocato che attendi la liquidazione del gratuito patrocinio di una causa vinta tre anni
fa, incalza frattanto il cliente a cui hai preparato quaranta diffide e stampa fattura. E tu dipendente
amministrativo dell’azienda vattelappesca, conteggia al centesimo i minuti di straordinario lavorati
dal primo giorno di assunzione e fai saltare il banco dei vertici. E infine tu, proprio tu nonno, che
per anni sei stato aggirato dai nipoti e convinto che per un pacco di patatine servisse sganciare 10
euro, e che hai ben cinque nipoti, manda a quel paese la discendenza e conserva quel gruzzoletto
per una bella acqua di colonia che ammalierà interi corridoi della Rdi turno.

No money, no party guys!
Cheers and Merry Christmas.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento