È ancora bufera sui ficus abbattuti Tra richieste di accesso agli atti e ricorsi ad Ue

Legambiente annuncia un «formale ricorso» al diritto europeo, il Movimento Cinque Stelle ha già inoltrato una richiesta formale di accesso agli atti alla sovrintendente di Palermo, Maria Elena Volpes. Nadia Spallitta, vice presidente vicario del Consiglio comunale, chiede di accertare «le responsabilità e l’eventuale danno provocato al decoro e all’ambiente e adottare tutti gli opportuni provvedimenti impedendo ogni ulteriore atto che deturpi il nostro territorio». La “strage” dei ficus di Piazza Castelnuovo o il nuovo “sacco di Palermo”, come è stato ribattezzato da alcune associazioni ambientaliste, continua a tenere banco.

Giovedì in commissione Ambiente all’Ars il presidente pentastellato, Giampiero Trizzino, ha già convocato in audizione il sindaco Leoluca Orlando (che, come ha annunciato ieri il suo vice Emilio Arcuri, con ogni probabilità non ci sarà), gli assessori comunali alla Mobilità, Giusto Catania, e al Verde, Francesco Raimondo, il presidente della commissione Ambiente comunale Mangano e la soprintendente di Palermo Volpes. L’intenzione è quella di vederci chiaro: chiedere all’Amministrazione targata Orlando «la massima chiarezza e trasparenza» sull’avanzamento dei lavori per evitare «colpi di scena» come quello dei giorni scorsi, che ha visto procedere al taglio di ficus centenari, mentre «l’attenzione di tutti, probabilmente in maniera scientifica, era stata spostata sulle palme».

«Il Comune non tocchi più una foglia finché non avrà chiarito nei minimi dettagli il piano dei lavori dell’anello ferroviario e del tram e il piano dei tagli che stanno facendo di Palermo un arido deserto» hanno avvertito nei giorni scorsi i deputati regionali e nazionali del Movimento 5 Stelle. «Nessuno è contro l’anello ferroviario e le infrastrutture necessarie a migliorare la viabilità a Palermo, ma non si può assolutamente tollerare la barbarie» avverte Trizzino.

Intanto, venerdì scorso la parlamentare regionale grillina Claudia La Rocca ha presentato una richiesta di accesso agli atti alla sovrintendenza. «C’è da capire se nel progetto iniziale era previsto il taglio degli alberi – spiega a MeridioNews – e se quello attuale è il progetto originario. Abbiamo chiesto di poter visionare pareri e autorizzazioni, perché tutte le rassicurazioni che arrivano dal Comune e dagli assessori restano parole senza un documento, in cui nero su bianco sia illustrato, ad esempio, il piano di compensazione del verde». Perché a rischio non ci sono solo i ficus, ma anche le palme della storica piazza. Al Comune i pentastellati hanno chiesto notizie sul piano che riguarda l’espianto di queste ultime e nelle prossime ore una nota analoga sarà inoltrata per avere informazioni anche sugli alberi. «Vogliamo conoscere i modi e i tempi delle operazioni, indispensabili per assicurare la salvezza delle piante. Ma è importante anche conoscere le carte, perché a rischio potrebbe esserci la staticità stessa degli immobili» dice ancora La Rocca.

A fare infuriare pentastellati e associazioni è soprattutto la mancanza di comunicazione. La stessa che denuncia Legambiente, secondo la quale «la questione emersa dal taglio degli alberi di piazza Castelnuovo è l’ennesima dimostrazione della violazione sostanziale della convenzione di “Aarhus” sull’effettiva partecipazione dei cittadini alla formazione della decisione». Per l’associazione ambientalista è stato «palesemente violato l’obbligo di fornire una tempestiva e reale opportunità di partecipazione alla decisione in materia ambientale». Così Legambiente, pur «non essendo contraria» alla realizzazione del passante ferroviario e del tram, «necessaria per garantire una mobilità urbana sostenibile» ne contesta «il metodo procedurale». Per questo motivo, annuncia Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente Sicilia «ci riserviamo di presentare formale ricorso al diritto europeo e forniremo sostegno ai comitati cittadini».

Nadia Spallitta, invece, punta il dito sul regolamento del verde disatteso. «L’abbattimento di un albero deve essere comunicato almeno 20 giorni prima dell’inizio dei lavori – spiega -. Tutto ciò senza considerare che esistono tecniche diffuse il cui scopo è quello di evitare l’abbattimento di alberi che possono essere semplicemente espiantati e ripiantati in altro luogo. Ritengo che sia necessario agire tempestivamente per accertare le responsabilità e l’eventuale danno provocato al decoro e all’ambiente e adottare tutti gli opportuni provvedimenti impedendo ogni ulteriore atto che deturpi il nostro territorio».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il Movimento Cinque stelle ha già chiesto alla sovrintendente di Palermo e al Comune pareri e autorizzazioni. La Rocca: «Vogliamo analizzare i documenti, le parole non bastano». Legambiente invece si dice pronta a ricorrere all'Europa, mentre Nadia Spallitta (Mov 139) denuncia: «Disatteso il Regolamento del verde». Giovedì audizione in commissione Ars con Trizzino

Il Movimento Cinque stelle ha già chiesto alla sovrintendente di Palermo e al Comune pareri e autorizzazioni. La Rocca: «Vogliamo analizzare i documenti, le parole non bastano». Legambiente invece si dice pronta a ricorrere all'Europa, mentre Nadia Spallitta (Mov 139) denuncia: «Disatteso il Regolamento del verde». Giovedì audizione in commissione Ars con Trizzino

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]