L’infermiere e il poliziotto pony express di droga e cellulari in carcere: le consegne in ambulatorio

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto Majimbù – un soprannome preso in prestito probabilmente da Majin Bu, uno degli antagonisti principali del manga giapponese Dragon Ball – e l’infermiere Enrico Pagano, secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini, avrebbero reso meno invalicabili i confini del carcere.

«Dal momento dell’arresto di Maurizio Iannello (nel febbraio del 2020, ndr), si è subito sparsa la voce che in sezione era lui a comandare». Non solo sugli altri detenuti. Almeno stando alle dichiarazioni rese da due collaboratori di giustizia, fratelli tra loro, che si trovavano rinchiusi nello stesso carcere. A «rispondere alle direttive della famiglia Iannello», infatti, sarebbero stati anche i due professionisti. Così, anche con la collaborazione di alcuni compagni di cella, Maurizio Iannello (anche lui tra gli arrestati di ieri) avrebbe gestito una «fiorente attività di spaccio all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto». Un’attività in cui avrebbe coinvolto anche i familiari liberi, fino a ieri: il padre Filippo e i fratelli Giuseppe, detto Il pipistrello, e Salvatore, detto Il coccio. Ai parenti, dall’interno della sua cella avrebbe dato indicazioni utilizzando uno smartphone.

Stando a quanto raccontato da un collaboratore, sarebbe stato Iannello senior a consegnare la droga all’agente di polizia penitenziaria fuori dal carcere e a ricevere da parte dei parenti dei detenuti i pagamenti delle dosi delle sostanze stupefacenti. Prezzi, quelli dentro il carcere, che sarebbero stati fuori dal mercato: 30 euro al grammo per hashish e marijuana e 150 euro al grammo per la cocaina. In totale, ogni settimana, avrebbero varcato le mura della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto 300 grammi di marijuana e hashish e circa 30 grammi di cocaina. Che sarebbero entrati nascosti dentro pacchetti di sigaretti ben sigillati. Un metodo meno invasivo di quello a cui i detenuti avevano dovuto fare ricorso prima del coinvolgimento dei due professionisti.

«Te la metti in bocca un pezzo», avrebbe suggerito (per usare un eufemismo) un detenuto alla sorella nel corso di una conversazione telefonica per accordarsi su come ricevere la droga in carcere durante un incontro familiare. La donna non sembra convinta della missione da compiere e nemmeno delle modalità, ma il fratello prova a convincerla. «Altrimenti non ne faccio colloquio […] Vedi che botte vi do. Cinque (grammi, ndr) perché ti scanno al colloquio». Minacce, nemmeno troppo velate, che indirizza alla sorella mentre, dall’interno della sua cella, al telefono le fa da navigatore per raggiungere il posto (casa dei Iannello) dove andare a prendere la sostanza stupefacente. «Tu sei scaltra […] Devi stare attenta. Devi vedere se puoi parlare». E, per fare in modo che ci riesca, la dose di droga viene modellata e schiacciata. Stratagemmi ragionati anche perché la posta in gioco è alta: rivendere ad altri detenuti a 100 euro al grammo una sostanza che, fuori dal carcere, ne costa appena quattro. «Mi viene l’ansia – lamenta la donna – Questa è l’ultima volta». Ma, probabilmente, non era la prima. E non è nemmeno la modalità di consegna peggiore possibile. Visto che qualcuno avrebbe utilizzato anche altri parti del corpo, per esempio l’ano.

Tecniche superate da quando di introdurre droga e cellulari (non micro, ma di grosse dimensioni con tanto di auricolari wi-fi e custodie per ricaricarli) in carcere, si sarebbero occupati il poliziotto e l’infermiere. «Se lo porta addosso (ciò che deve consegnare, ndr), chiama l’interessato in ambulatorio per terapie o farmaci e glielo consegna». È ancora un collaboratore di giustizia a raccontare di questo semplice escamotage che sarebbe stato considerato efficiente e sicuro: in infermeria, infatti, non sempre i detenuti vengono accompagnati da agenti e non ci sono telecamere. Quelle che, invece, hanno ripreso un comportamento anomalo di Pagano: finito il turno notturno, l’infermiere sarebbe tornato indietro con una busta bianca. Dopo pochi minuti, sarebbe uscito dal carcere a mani vuote. Così come l’agente La Malfa che, in passato, era già stato coinvolto in due vicende giudiziarie: la prima, che risale al 1995, lo ha visto imputato insieme a esponenti di spicco della criminalità organizzata barcellonese per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Più di recente, nel 2010, il poliziotto penitenziario era stato denunciato per avere consegnato a un detenuto un attrezzo per segare le sbarre delle inferriate del carcere.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto […]

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto […]

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto […]

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto […]

Un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Asp di Messina sarebbero diventati i pony express di sostanze stupefacenti e cellulari all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Entrambi sono finiti ai domiciliari nell’ambito delle inchieste che hanno portato alla maxi-operazione antidroga di ieri con 112 arresti. Il poliziotto Francesco La Malfa, detto […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]