Operazione antidroga nel Messinese, arrestati anche un infermiere del carcere e un agente di polizia penitenziaria

Ottantacinque persone in carcere e 27 ai domiciliari, tra i quali un infermiere del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto e un agente di polizia penitenziaria. L’operazione antidroga dei carabinieri di Messina – che ha portato all’arresto di 112 persone (16 erano già detenute) – viene da tre distinte indagini, partite a gennaio 2021 e coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda). L’inchiesta avrebbe fatto emergere l’esistenza di diverse organizzazioni criminali di Messina e dell’area di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, attive nel narcotraffico e con collegamenti con strutture calabresi e con gruppi attivi anche in Campania, in Lombardia e all’estero. Secondo le indagini, i canali di approvvigionamento erano questi: la Calabria per la cocaina; la provincia di Napoli, quella di Milano e la Spagna per l’hashish; i Paesi Bassi per lo spice, un cannabinoide sintetico con effetti psicotropi – cioè che agiscono sulla psiche e sulle emozioni – ed estremamente dannoso per la salute.

Le indagini sono state condotte anche tramite intercettazioni, pedinamenti e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Nel corso delle indagini e dell’operazione che ha portato agli arresti, i carabinieri hanno sequestrato 120 chili di droga – tra cocaina, hashish e marijuana – 226mila euro in contanti, ritenuti guadagno illecito dello spaccio, due fucili e tre pistole con numero di matricola cancellato. Inoltre 23 persone sono state arrestate in flagranza di reato e 150 segnalate come assuntrici di droga. Nel quartiere messinese Giostra sarebbero esistiti dei fortini realizzati in abitazioni di fiancheggiatori per stoccare e per custodire la droga. Dalle indagini è emerso che i guadagni mensili del gruppo sarebbero arrivati a circa 500mila euro, che sarebbero confluiti in una cassa comune.

Tra le persone arrestate anche un agente di polizia penitenziaria e un infermiere dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Messina. Nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto l’infermiere avrebbe fatto entrare la droga, l’agente l’avrebbe consegnata a uno dei capi del gruppo criminale; le sostanze stupefacenti sarebbero poi state distribuite ad altre persone nel carcere. Nello stesso carcere – oltre all’hashish arrivato dalla Spagna – un detenuto avrebbe anche distribuito dei cellulari, entrati illegalmente. I telefoni cellulari si sarebbero diffusi nel carcere anche per l’azione di un altro gruppo, costituito da detenuti e da una donna che avrebbe agito dall’esterno. I carabinieri hanno eseguito anche il sequestro preventivo del capitale sociale e del compendio aziendale di cinque società – compresa una concessionaria di automobili – che si trovano a Barcellona Pozzo di Gotto, a Milazzo – in provincia di Messina – e in Spagna. Per ‘compendio aziendale’ si intende l’insieme dei beni mobili, beni immobili, macchinari, impianti, fabbricati e altri elementi che possono appartenere a un’azienda.

Sequestrati anche sette beni immobili (fabbricati e terreni), autovetture, polizze assicurative e conti correnti – tra cui uno relativo a un istituto di credito spagnolo – intestati o nella disponibilità delle persone indagate. Il valore complessivo dei beni sequestrati ammonta a circa 4 milioni di euro. Secondo chi indaga, queste attività sarebbero state il reimpiego dei profitti acquisiti in modo illecito. Dalle indagini sarebbe emersa anche la presenza di un’organizzazione criminale – con basi operative a Barcellona Pozzo di Gotto e a Milazzo – dedita al traffico di spice, di cocaina e di marijuana. Nello specifico il gruppo criminale avrebbe importato la droga sintetica dai Paesi Bassi – tramite siti web che apparentemente trattavano prodotti leciti – e avrebbero generato un volume d’affari di circa 50mila euro al mese.

Inoltre sarebbero emerse anche le forti pressioni degli affiliati al gruppo criminale nei confronti di alcuni spacciatori – loro acquirenti – per costringerli a onorare i debiti di droga che avevano nei loro confronti. Dalle indagini sarebbe emerso che anche questa organizzazione avrebbe avuto la disponibilità di armi e che la sua forza criminale sarebbe stata quelle di riuscire a operare nel narcotraffico senza subire interferenze da parte di concorrenti del territorio di Barcellona Pozzo di Gotto.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ottantacinque persone in carcere e 27 ai domiciliari, tra i quali un infermiere del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto e un agente di polizia penitenziaria. L’operazione antidroga dei carabinieri di Messina – che ha portato all’arresto di 112 persone (16 erano già detenute) – viene da tre distinte indagini, partite a gennaio 2021 e […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]