…Dopo il Rock

Come è consuetudine in questi casi, appare utile partire con un’analisi etimologica del termine: nel nostro caso POST ROCK.
Perché è stato utilizzato ‘Post’ e non ‘New’? Perché non infarcire ROCK con aggettivi diversi come già accaduto in altri casi? (vedi alternative rock, indie rock, punk rock).

Perchè POST suggerisce lo snaturamento, la violenza intellettuale, il superamento (senza accezioni positive o negative) di quella forma di musica che si fa ricondurre ai grandi classici ’60/’70 e dei figli che questi hanno lasciato con gli anni.

Il post rock ha difficili se non impossibili collocazioni spazio-temporali, certo è che la maggior parte dei gruppi che potrebbero rientrare nella categoria vengono dagli Stati Uniti e hanno iniziato le loro carriere orientativamente verso la fine della prima metà dei Novanta (’93-’94).
Ma ad esempio il musicista inglese Parish battezza gli Slint ed il loro album Tweez del lontano 1987, pionieri del genere.
Ma cos’è questo superamento del rock?

Tentiamo di dare una dimostrazione pratica accostando due lavori dello stesso gruppo: i Radiohead.
Si tratta di The Bends del 1994 e Amnesiac del 2001.
Dal primo al secondo assistiamo a: 1) disintegrazione dell’antica forma “strofa-ritornello-strofa” per una struttura libera ed incondizionata 2) perdita d’identità dei musicisti, nascosti sotto strati d’elettronica ed effetti sonori (la voce di Tom Yorke è resa irriconoscibile da storpiature e dilatazioni) 3) la vecchia strumentazione tipica del rock (chitarre, basso, batteria) viene totalmente strizzata in architetture ora scheletriche ora caratterizzate da campionature e musica digitale.
Si può quindi affermare che il binomio Kid A (2000) – Amnesiac (2001) trova spazio nel “nostro” Post Rock.

Ma non solo Radiohead, i 14 minuti di Mogwai fear Satana dei Mogwai, gruppo scozzese, sono un ulteriore modello di POST. Il pezzo è strumentale, vale a dire senza voce, e non rispetta mai un canovaccio “narrativo”. In poche parole il suo è uno sviluppo estemporaneo, come una storia raccontata di getto, una sorta d’improvvisazione controllata che rispetta la logica del causa-effetto senza rivolgersi mai indietro.

E’ evidente lo snaturamento anche negli islandesi Sigur Ròs, la cui capacità è quella di resuscitare il minimalismo con strutture sonore evanescenti ed anonime (l’ultimo album non porta titolo e le canzoni sono senza nome e solo numerate dalla 1 alla 8). Così, l’antico titanismo mediatico delle rockstar e delle proprie band (vedi Jagger, Axl Rose, Iggy Pop, Lou Reed ecc..) viene sfaldato completamente dall’anonimato, magari di tendenza, ma efficace.
Ad esempio, sempre i Sigur Ròs, propongono nei loro album, una lingua fittizia, l’Hopelandic (una mescola d’islandese e parole inventate), che rende ancor più inarrivabili le tracks ed il gruppo che le sforna.

Anche i Tortoise abbandonano la voce a favore dello strumentalismo ed in più propongono degli arrangiamenti “barocchi” arricchiti da strumenti alieni prima in terra-rock: xilofono, percussioni, tamburi, arpa, vibrafono, in un’evidente mescola col jazz.
Ed ulteriore pilastro-rock che precipita coi Tortoise è l’identificazione artista-strumento suonato. Nel gruppo di Chicago tutti suonano tutto, è l’alternanza dei ruoli forse la vera forza della band che nei concerti propone questo bizzarro valzer delle posizioni.
Alcuni gruppi Post-Rock più celebri (oltre quelli già citati): Mercuri Rev, Eels, Giant Sand, Sparklehorse, Golfrapp, Low, Giardini di Mirò, Massimo Volume, How Animals, Super Furry animals.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]