Donne e politica

“Il difficile rapporto tra donne e politica”. Questo il tema della tavola rotonda conclusiva del corso di formazione “Donne Politica e Istituzioni”. Patrocinato dal ministero per le Pari Opportunità, il convegno è stato ospitato dalla facoltà di Scienze Politiche con la collaborazione della coordinatrice del corso Rita Palidda e Maria Vittoria D’Amico, presidente del comitato Pari Opportunità.

 

Una sala quasi tutta al femminile ha ascoltato le esperienze raccontate da donne da anni inserite in politica ad ogni livello. Erano presenti infatti la deputata all’Assemblea Regionale Maria Grazia Brandara, il sindaco di Misterbianco Ninella Caruso, la deputata al Parlamento Anna Finocchiaro, la presidente di Investiacatania Stella Rao, Marilena Samperi della società di Sviluppo Integrato e Mariella Spoto Puleo dell’ Ande.

 

Dopo i saluti iniziali del preside e del Magnifico Rettore Latteri, il dirigente del dipartimento Pari Opportunità Flavio Corso ha sottolineato il grande successo ottenuto dal progetto nel centro-sud con circa 5300 iscritte.

 

I vari interventi si susseguono e mettono in risalto dati non proprio confortanti sulla presenza femminile in politica.

 

Le deputate al Parlamento italiano infatti sono appena 71 contro una presenza maschile di 545 membri.

Per quanto riguarda il Parlamento europeo si arriva a una percentuale del 32,4. Se si guardano i dati sulla presenza femminile nei parlamenti di tutto il mondo i numeri parlano da soli: secondo un’indagine dello scorso novembre le donne elette in entrambe le camere erano il 15,6 per cento.

A dispetto dei dati però le relatrici mostrano una grande fiducia nelle capacità delle donne.

Tutte testimoniano una difficoltà che sembra intrinseca al sistema politico italiano. Siano essi interventi legati a un discorso attuale ( fecondazione assistita, ritorno della legge per le quote riservate alle donne nelle liste, riformulazione dei budget amministrativi) , o centrati sul background personale di conoscenze e attitudini.

 

Ad ogni modo le ascoltatrici sembrano molto più pragmatiche delle relatrici e pronte ad entrare in quei campi che sembrano aver respinto la scorsa generazione.

Molti gli interventi,  tante le parole, ma sarebbe molto più proficuo attuare quelle idee che per lungo tempo sono rimaste astratte.  La maggioranza delle corsiste ha lamentato infatti un taglio troppo teorico del corso che però ha fornito loro alcuni strumenti da usare per le future e (speriamo) numerose esperienze.

Una parità in campo politico tra uomini e donne è certamente possibile. Basterebbe soltanto osare un po’ di più e non rimanere a discutere di una situazione con non può cambiare certamente da sola.

 

 

 

 

 

Link utili:

www.pariopportunita.gov.it

 

www.db-decision.de

 

www.formez.it/pariopportunita

 

www.ipu.org/wmn-e/world.htm

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]