De Gregori: «i giovani hanno il dirittto di emozionarsi»

Francesco De Gregori non poteva che “vestirsi da amico” in occasione dell’incontro di giovedì 21 aprile all’Hotel Excelsior di Catania. Incontro al quale hanno partecipato giornalisti, fan del Rimmel Club, e alcuni studenti del corso di Storia e tecnica del giornalismo tenuto della professoressa Maria Lombardo, docente della Facoltà di Lingue.

 

Cappello, camicia lilla e scarpe da ginnastica. Così si presenta a sorpresa l’artista, mostrando disponibilità e sorrisi. Stringe a sé la chitarra quasi come fosse una strategia per vincere l’iniziale emozione, strimpellando qualche nota tra una domanda e l’altra.

 

Che effetto le fa sapere che un quindicenne conosca i suoi testi?

 

«Non ci trovo niente di male – spiega De Gregori – niente di strano, il mio primo maestro di musica, colui che mi ha fatto conoscere cantautori che non appartenevano alla mia generazione è stato mio fratello maggiore».

 

Qual è il veicolo attraverso il quale, lei preferisce che i giovani ascoltino la sua musica?

 

«Preferisco il concerto, momento di contatto vivo con il pubblico, ma è anche vero che non ci sarebbe concerto senza disco e non si venderebbe disco senza radio. Il mezzo radiofonico è meno invasivo della tv che tra uno spot pubblicitario e una canzone di Gigi D’Alessio potrebbe passare un mio nuovissimo brano. Vorrei essere una mosca sul muro per vedere l’espressione stupita di chi sta ascoltando».

 

Gino Paoli, ha scritto che, fino a qualche anno fa, per i giovani cantautori era più facile farsi conoscere. Crede che questo sia dovuto alle case discografiche o a mancanza di creatività?

«Oggi è  più facile, soprattutto per i giovani, incidere dischi, ma è anche vero che se il primo album non avrà successo  non ce ne sarà un secondo. In passato, invece il primo disco era la base per crescere».  

 

Nel suo ultimo album “Pezzi” c’è il riferimento a un mondo che, per certi versi, sta andando a rotoli. Pensa che tutto ciò possa influenzare il modo di emozionarsi dei giovani?

«Fortunatamente il mondo non è così male come lo descrivo io nelle mie canzoni, questo è solo il mio modo di vederlo. Penso che i giovani possano ancora trovare qualcosa di positivo e continuare ad emozionarsi. Ne hanno tutto il diritto».

 

Lei ha spesso definito la Costituzione Italiana come un testo poetico. Cosa possiamo fare noi giovani per difenderla?

«Per difenderla i giovani devono semplicemente conoscerla – continua scherzando – dovrebbero girare per un paio di mesi con il libretto della Costituzione in tasca. E’ poetica già dal primo articolo: L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, se ci fosse scritto fondata sul denaro non sarebbe più poesia».

 

Cosa prova nei confronti di noi giovani?

«Non vi invidio, provo amore e rispetto per voi giovani, non vi considero una categoria omologata». 

Pamela Belletti

Mirella Icaro

Oriana Mazzola

Mara Roccaforte

Tiziana Vaccaro


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]