Da Comiso a Milano in bicicletta per dire «grazie»  In dono 30 soggiorni in Sicilia ai sanitari lombardi

Cosa c’è di più bello del dono di trenta buoni soggiorno a medici e infermieri lombardi impegnati in prima linea nella lotta al Coronavirus? La possibilità di portarli direttamente, dopo un viaggio in bicicletta di 1500 chilometri lungo la nostra penisola: una sfida che ha portato cinque innamorati dello sport del pedale a viaggiare dal ragusano alla Calabria, passando per Basilicata, Puglia, Abruzzo, Romagna e Lombardia. Il progetto Il Dono dell’Ospitalità ha come protagonisti Marco Di Stefano, titolare di un bed and breakfast a Comiso, il pediatra Salvatore Purromuto, il kinesiologo Vincenzo Virduzzoo, Nunzio e Vincenzo Schembari: questi ultimi, padre e figlio, si sono voluti regalare un’esperienza fuori dall’ordinario per festeggiare cinquantesimo e diciottesimo compleanno. 

«L’idea è nata durante la quarantena, un periodo particolare in cui noi tutti abbiamo cercato di comprendere ciò di cui avessimo più bisogno. La mia vita – afferma Marco Di Stefano – è segnata da due passioni: la gestione del mio B&B e la voglia di andare in bicicletta. Ho cercato così di coniugare entrambe le attività, creando un pacchetto viaggi da offrire al personale sanitario coinvolto nella battaglia contro il Covid-19 in Lombardia». Il progetto prende corpo grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale di Comiso e alle convenzioni stipulate con i soggetti privati: «Gli albergatori hanno messo a disposizione ulteriori camere, i ristoratori pranzi e cene: abbiamo coinvolto – aggiunge l’intervistato a MeridioNews –  anche tassisti e baristi. Tutti quelli che non potevano offrire servizi hanno comunque contribuito con una quota sponsor».

Il sostegno della comunità comisana, unito al supporto delle regioni Lombardia e Sicilia, ha tramutato il sogno in realtà: il gruppetto ha dato inizio all’impresa sportiva toccando nella prima tappa l’ospedale Covid di Modica e iniziando poi una risalita che dovrebbe concludersi con i passaggi a Bergamo e Milano, dove gli sportivi saranno accolti all’ospedale Niguarda dal sindaco Beppe Sala. Il condizionale è d’obbligo, dato che questo Giro d’Italia della solidarietà e del ringraziamento potrebbe allungarsi prima a Pistoia, poi addirittura a Roma. A sorpresa, la preparazione fisica all’evento non è stata curata in maniera particolare: «Tre di noi – ricorda Di Stefano – sono pedalatori assidui, anche se non su queste distanze. L’allenamento è stato soprattutto mentale: abbiamo cercato di allenare il disagio di stare in sella 10-12 ore al giorno, pensando anche alle terribili condizioni di lavoro vissute dai sanitari nei mesi passati».

Un percorso che, dunque, rappresenta anche un viaggio nell’anima dei cinque partecipanti, i quali si porteranno con sé ricordi che li accompagneranno per tutta la vita. «Abbiamo affrontato questa esperienza con lo sguardo di un’aquila che spiega le ali, cercando di vedere e percepire tutto il possibile. Le emozioni sono intense e la motivazione che ci ha spinto a metterci in sella è stata grande fin da subito. Poco prima di partire – conclude Di Stefano – ho messo sul manubrio le foto dei miei due figli: li ho voluti portare con me, sperando che anche loro da grandi possano capire il valore della riconoscenza e del ringraziamento verso chi ha fatto tanto per noi tutti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]