Rimpasto, dimissioni o ricucitura: che fine ha fatto la maggioranza di Schifani? E De Luca parla già da candidato presidente

Cosa succede alla maggioranza? Si potrebbe dire che non è successo niente, che in fondo non è stata la prima e neanche l’ultima volta che il governo va sotto col voto segreto, ma non sarebbe corretto. Non lo sarebbe perché ci troviamo di fronte al punto più basso di una legislatura che pure non ha avuto grossi picchi. Due bocciature di seguito in Aula su due disegni di legge ritenuti importantissimi: per il salva ineleggibili si era scomodato Renato Schifani, presente all’Assemblea durante i lavori come neanche aveva fatto durante la Finanziaria e infine la riforma delle Province, la legge sbandierata da mesi e mesi, riproposta in fretta e furia nonostante il fortissimo rischio di incostituzionalità quando sarebbe bastato attendere l’abrogazione della riforma nazionale, la cosiddetta legge Delrio.

Abrogazione che sì, per Roma non è una priorità, ma hanno garantito che avverrà entro il 2025. E poi i numeri, quelli sono da Ko. 40 contro 25, troppi per potere pensare che si tratti del maldipancia di un partito o di un gruppo di deputati. I voti contrari alla riforma, protetti dal voto segreto, sono stati tanti e distribuiti un po’ tra tutti i partiti di maggioranza. Insomma, la situazione sembra essere grave, la notte fonda. Ancor più perché questa sconfitta, l’ultima, ha dato modo in Aula all’opposizione di togliersi molto più che qualche sassolino. Ha colto l’occasione Gianfranco Miccichè, che dal pulpito di sala d’Ercole ha potuto dare dello «scarso» a Schifani, spiegano che è uno che «come si muove fa una minchiata».

Ha colto l’occasione pure il Movimento 5 stelle, pubblicamente denigrato giorni scorsi da Ignazio Abate, presidente Dc della commissione Affari istituzionali, che aveva detto ai colleghi di stare tranquilli, che tanto non sarebbero mai entrati in un consiglio provinciale da eletti. Ecco, dopo che la riforma è stata rispedita in commissione, la settimana scorsa, per poi tornare in Aula senza nemmeno una modifica, per poi essere bocciata, i pentastellati non hanno certo dimenticato. Infine c’è Cateno De Luca, che da mesi ormai parla da leader dell’opposizione, autodefinendosi tanto implicitamente quanto esplicitamente il prossimo governatore. E l’opposizione, compattata dal nemico comune in tempo di Finanziaria, sembra riconoscerlo. Già si parla di accordo con i Cinquestelle, con De Luca, che da sempre lavora con largo anticipo alla sua giunta di governo, avrebbe già individuato tra gli alleati i profili migliori.

Certo, prima dovrebbe cadere il governo Schifani e la cosa è tutt’altro che scontata, visto che, come ha sottolineato in Aula anche Miccichè, il presidente della Regione non è uno che molla facilmente. Piuttosto fa mollare. Per questo non meraviglierebbe una decisione drastica come quella del rimpasto di giunta. Probabilmente neanche questa soluzione però avrà un seguito concreto: c’è voluto più di un mese per trovare i nomi giusti per creare la squadra di governo in una coalizione così litigiosa, ricominciare tutto da capo sarebbe estenuante. Soprattutto a qualche mese dalle elezioni Europee. E allora che si fa? La soluzione potrebbe essere la solita: dichiarazioni di facciata, sorrisi, strette di mano e tutti felici come prima. Fino al prossimo voto segreto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]