Covid, boss La Rocca ai domiciliari senza braccialetto Legale: «Sta male, l’istanza è stata fatta a dicembre»

«Si ritiene che l’infermità fisica di un soggetto di 82 anni, con pluripatologie, possa considerarsi grave. Con il correlato rischio di contagio attualmente in corso per il Covid-19». Motivo per cui si «provvede con urgenza al differimento dell’esecuzione della pena». Sono queste le motivazioni con cui il tribunale di sorveglianza di Milano ha concesso gli arresti domiciliari a Francesco La Rocca, storico boss di Cosa nostra e inventore della famiglia mafiosa di Caltagirone. Il padrino – come già raccontato da MeridioNews – si trovava dietro le sbarre, nel penitenziario di Milano-Opera, in regime di alta sicurezza. Cioè quello normalmente destinato ai condannati in via definitiva per mafia. Ormai da circa 20 giorni ha fatto rientro a casa, nella sua abitazione di piazza Monte Carmelo, nella parte alta di San Michele di Ganzaria.

Qui La Rocca si curerà, al riparo dal contagio del nuovo coronavirus, dopo avere attraversato l’Italia in macchina. A prenderlo in consegna, come concordato con il tribunale, è stato il figlio Gioacchino Francesco. Quello del viaggio in auto è stata l’unica soluzione possibile «considerate le attuali difficoltà di traduzione – si legge nel provvedimento – con un mezzo della polizia penitenziaria presso il suo domicilio». Il boss termina così la sua esperienza in carcere. Dove si trovava dal 2005 con condanne a fine pena mai per associazione mafiosa, omicidi, porto d’armi ed estorsione.  

Nel documento il magistrato passa in rassegna le otto patologie che affliggono La Rocca. Compreso un diabete che si porta dietro da molti anni. Per il padrino la situazione si sarebbe iniziata ad aggravare dallo scorso anno quando è stato ricoverato tre volte, l’ultima delle quali a settembre. «La relazione sanitaria – sottolinea l’Ufficio di sorveglianza di Milano nel documento in cui vengono indicate le motivazioni del differimento pena – conclude nel senso che le attuali situazioni cliniche risultano essere peggiorate […] egli necessita di continui contatti con le strutture sanitarie del territorio dell’urgenza-emergenza».

«Non è stato rimesso in libertà un uomo che torna a casa per fare il capomafia – dichiara a MeridioNews il legale del boss, l’avvocato Angelino Alessandro – La Rocca ormai da tempo non sta bene e i referti sanitari lo testimoniano». Tra gli aspetti che sarebbero stati valutati sulla salute del killer ci sarebbe stata anche la costante necessità di assistenza. «La mancata applicazione del braccialetto elettronico? Credo che sia stato deciso di risparmiarne uno per utilizzarlo su altri detenuti. Il mio assistito non sarebbe in condizione di lasciare l’abitazione». Sul motivo per cui il boss, che avrebbe segni di cedimento anche a livello neurologico, abbia viaggiato in auto da Milano fino alla Sicilia, il legale specifica che «è dipeso dalle contingenze; avevamo chiesto che fosse messa a disposizione un’ambulanza, ma l’emergenza sanitaria in Lombardia non l’ha reso possibile». L’avvocato, infine, esclude che la richiesta di differimento della pena sia partita in concomitanza con l’epidemia di Covid-19. «Gli atti parlano chiaro, ho fatto istanza a inizio dicembre, quando del virus non si parlava», conclude Alessandro.

Ciccio La Rocca al momento è il nome di maggiore spessore tra i mafiosi siciliani che hanno lasciato i penitenziari italiani. Da giovane allevatore in pochi decenni ha scalato le gerarchie mafiose dell’entroterra. Prima come affiliato della famiglia di Caltanissetta – combinato all’età di 18 anni con padrino Calogero Liddu Conti, boss di Ramacca oggi 90enne – e poi, nel 1981, fondando una famiglia autonoma all’interno della Cosa nostra vecchia maniera. Quella della cupola e di Totò Riina e Bernardo Provenzano, personaggi a cui La Rocca era particolarmente legato. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]