Coppa Davis, Italia fuori

C’è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell’italtennis nel World Group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con Seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, Bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, Bracciali che invece ce l’ha e dovrebbe dedicargli più tempo e Starace che rinnova ogni volta l’antico detto che vuole l’orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi Fish e Isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di Berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all’usura del tempo. Persino Stepanek è sembrata la reincarnazione del grande Edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l’aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull’1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di Starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile – e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C’è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un Cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a Parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l’unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l’inavvicinabile Svizzera, anche il Canada, la Germania e il Kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la Svezia, confidando nei malanni del povero Soderling, o magari il Giappone o l’Austria. Così siamo ridotti, sara contento Binaghi, ma quando comincia Wimbledon?

 

Risultati: Repubblica Ceca – Italia 3-0 (Stepanek b. Seppi 4/6 6/4 6/3 3/6 6/3; Berdych b. Bolelli 6/3 4/6 7/5 6/2; Berdych/Stepanek b. Bolelli/Starace 6/3 6/4 6/2)

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

C'è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell'italtennis nel world group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, bracciali che invece ce l'ha e dovrebbe dedicargli più tempo e starace che rinnova ogni volta l'antico detto che vuole l'orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi fish e isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all'usura del tempo. Persino stepanek è sembrata la reincarnazione del grande edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l'aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull'1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile - e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C'è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l'unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l'inavvicinabile svizzera, anche il canada, la germania e il kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la svezia, confidando nei malanni del povero soderling, o magari il giappone o l'austria. Così siamo ridotti, sara contento binaghi, ma quando comincia wimbledon?

C'è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell'italtennis nel world group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, bracciali che invece ce l'ha e dovrebbe dedicargli più tempo e starace che rinnova ogni volta l'antico detto che vuole l'orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi fish e isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all'usura del tempo. Persino stepanek è sembrata la reincarnazione del grande edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l'aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull'1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile - e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C'è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l'unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l'inavvicinabile svizzera, anche il canada, la germania e il kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la svezia, confidando nei malanni del povero soderling, o magari il giappone o l'austria. Così siamo ridotti, sara contento binaghi, ma quando comincia wimbledon?

C'è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell'italtennis nel world group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, bracciali che invece ce l'ha e dovrebbe dedicargli più tempo e starace che rinnova ogni volta l'antico detto che vuole l'orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi fish e isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all'usura del tempo. Persino stepanek è sembrata la reincarnazione del grande edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l'aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull'1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile - e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C'è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l'unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l'inavvicinabile svizzera, anche il canada, la germania e il kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la svezia, confidando nei malanni del povero soderling, o magari il giappone o l'austria. Così siamo ridotti, sara contento binaghi, ma quando comincia wimbledon?

C'è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell'italtennis nel world group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, bracciali che invece ce l'ha e dovrebbe dedicargli più tempo e starace che rinnova ogni volta l'antico detto che vuole l'orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi fish e isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all'usura del tempo. Persino stepanek è sembrata la reincarnazione del grande edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l'aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull'1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile - e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C'è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l'unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l'inavvicinabile svizzera, anche il canada, la germania e il kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la svezia, confidando nei malanni del povero soderling, o magari il giappone o l'austria. Così siamo ridotti, sara contento binaghi, ma quando comincia wimbledon?

C'è da mettersi le mani nei capelli? 3-0, 9 set a 3, in vantaggio solo per la prima mezzora del primo incontro e poi buio assoluto. Il ritorno dell'italtennis nel world group non è stato certo indimenticabile. Troppo forte gli avversari certo, ma anche troppo scadenti noi, con seppi che sembra sempre più un personaggio da romanziere russo, bolelli che dovrebbe anche decidersi ad imparare un mestiere, bracciali che invece ce l'ha e dovrebbe dedicargli più tempo e starace che rinnova ogni volta l'antico detto che vuole l'orbo beato nella terra dei ciechi. Insomma, sarà la delusione, sarà che non è stato divertente vedere incontri così poco emozionanti, ma quello che rimane è una sensazione di grande desolazione. Se non si giudica un giocatore da come batte un rigore, forse non si dovrebbe neanche giudicare una federazione dalla capacità di tirar fuori non diciamo dei fuoriclasse ma almeno qualcuno a livello degli statunitensi fish e isner, due buoni giocatori capaci di rovinare la festa dei presuntuosi svizzeri. Tornando alle cose di casa nostra qualunque cenno di cronaca si scontrerebbe con dei numeri francamente impietosi. Ieri i nostri prodi sono riusciti a strappare solo due punti sul servizio di berdych, probabilmente un record mondiale che resisterà all'usura del tempo. Persino stepanek è sembrata la reincarnazione del grande edberg, riuscendo per una volta a far prevalere il buon tennista al misterioso play boy che ha fatto strage di cuori nel ciruito femminile. Tanto menar il can per l'aia dovrebbe indurre i nostri 5 lettori a cliccare su un altro articolo – per fortuna ne abbiamo di ottimi – ma, per una volta, la colpa non è tutta di chi scrive. La coppia italiana è andata immediatamente sotto di un break, si è procurata 3 palle break sull'1-3 e lì la partita è praticamente finita. Colpa di starace, sempre incollato a fondo campo sui propri turni di servizio – praticamente una primizia nel doppio maschile - e costretto a subire palle break ogni volta che serviva. Il secondo set è stato ancora peggio con gli italiani che non sono mai risuciti ad avvicinare i cechi. Sconfortati, gli azzurri hanno lasciato scappare via il terzo set e con quello la partita. C'è poco da aggiungere, il tennis italiano non è un tennis di vertice e non era certo la promozione guadagnata contro un cile messo peggio di noi che poteva cambiare le cose. Il nostro miglior giocatore non è tra i primi 40 del mondo, il secondo stava male e rischia di uscire persino dai cento se non trova un altro tabellone favorevole a parigi, il terzo è un ex, e via di questo passo. Negli ambienti si dice che starebbe arrivando un fenomeno, un quindicenne che si guarda bene dal giocare le qualificazioni ai tornei dello slam, nel frattempo, per i prossimi 4-5 anni l'unica speranza è di beccare col sorteggio qualcuno messo peggio di noi. La scelta non è che sia chissà cosa. A parte l'inavvicinabile svizzera, anche il canada, la germania e il kazakhistan sarebbero troppo ostici per noi. Forse la svezia, confidando nei malanni del povero soderling, o magari il giappone o l'austria. Così siamo ridotti, sara contento binaghi, ma quando comincia wimbledon?

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]