Condividere la musica on-line a pagamento, può essere la soluzione?

Le grandi sorelle dell’industria musicale (Universal, Warner Music, Sony BMG e, recentemente anche, la Emi) si sono consorziate per cercare di arginare il problema della condivisione indiscriminata, on-line, di file musicali. La nuova strategia delle major è pertanto quella di dover necessariamente adeguarsi alle tendenze degli utenti di internet. 
Le “quattro sorelle” hanno concesso l’accesso e l’uso dei loro preziosi cataloghi musicali alla società newyorkese Wurld Media. Fondata nel settembre del 1999, Wurld Media Inc. è una azienda che circa tre anni fa, attraverso una tecnologia proprietaria, ha realizzato un prodotto che ha riscosso un notevole successo: BuyersPort, una sorta di mercato on-line dove oltre 500 società hanno venduto con successo i loro prodotti utilizzando, appunto, la piattaforma e-commerce.

L’incontro tra major discografiche e la Wurld Media ha dato origine ad un progetto chiamato Peer Impact. Il sistema è protetto a “tenuta stagna”, e ai singoli utenti non è concesso di immettere autonomamente nel circuito i file musicali che desiderano condividere con altri, così come avviene normalmente su altri servizi di file sharing; i file ammessi sono solo quelli provenienti dai server della società di Saratoga Springs (Wurld Media). Il sistema verrà utilizzato anche per la distribuzione di filmati e altri contenuti digitali autorizzati dai legittimi proprietari, destinatari di un compenso sotto forma di royalty per ogni transazione e condivisione avvenuta attraverso il network.

Su Peer Impact, per scaricare un file sul proprio computer, l’utente dovrà pagare 99 centesimi di dollaro, ma ogni volta che lo rivenderà ad un altro utente incasserà un credito spendibile per ulteriori acquisti: si dovrebbe creare in questo modo un circuito “virtuoso” (e protetto) che trasforma ogni utente registrato del servizio contemporaneamente in consumatore e venditore.

Ma questa soluzione riuscirà a debellare il fenomeno peer2peer gratuito e senza ristrezze? Molti sono critici nei confronti della scelta fatta dalle major. Infatti, è parere diffuso che gli utenti, dopo avere provato le immense opportunità di condivisione e di libero scambio, difficilmente potranno accontentarsi di uno strumento con potenzialità notevolmente limitate come Peer Impact. Gli utenti che scaricano abitualmente da internet ogni sorta di file, hanno la percezione di accedere e raggiungere risorse infinite, con contenuti introvabili nei normali canali di distribuzione, che sicuramente il nuovo sistema non potrà mai eguagliare.

Staremo a vedere se Peer Impact riuscirà ad “educare” gli utenti ad un “corretto” uso delle risorse presenti su internet, senza ledere alcun diritto altrui. Lo scopriremo solo vivendo…

www.peerimpact.com


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]