Concerto neomelodico organizzato da due estorsori Parroco: «Non chiedo precedenti a chi vuole ospitalità»

Nel campetto annesso alla parrocchia Bosco Minniti di Siracusa, sabato sera, si è tenuto un concerto di musica neomelodica. A organizzarlo sono stati Concetto Garofalo, condannato a otto anni e che stava scontando ai domiciliari, e il suo giovane figlio Sebastiano, anche lui già condannato a tre anni. Per entrambi il reato è quello di estorsione ai danni di alcuni commercianti locali, fra cui anche l’imprenditore b che, dopo aver denunciato, è entrato nel sistema di protezione per i testimoni di giustizia e, attualmente, si trova in una località segreta.

Il cantante che si è esibito è stato Daniele De Martino, rapper palermitano del Borgo Vecchio, noto per la sua canzone dedicata a un violento rapinatore detto O’ spara spara. «La notizia di quanto stava per accadere a Siracusa l’ho data io alla prefettura venerdì pomeriggio – spiega a Meridionews Davide Mattiello, deputato torinese del Pd  e membro della commissione parlamentare antimafia – subito dopo essere stato informato da persone con cui collaboro e con cui ho un rapporto fiduciario».

Il concerto si è comunque tenuto. Dal Comune fanno sapere di non essere in alcun modo coinvolti nella vicenda, perché non hanno rilasciato nessuna autorizzazione per l’evento. Diversa la posizione della questura. «Dopo una attenta valutazione, abbiamo scelto di non bloccare la manifestazione – dichiara Rosalba Stramandino, capo della Squadra mobile di Siracusa – ma di monitorarla per esigenze investigative concordate con l’autorità giudiziaria. Adesso le indagini sono in corso e verranno fatti tutti i necessari approfondimenti investigativi a partire dal fatto – aggiunge – che non è stata richiesta nessuna autorizzazione né è stata data alcuna comunicazione di preavviso dello svolgimento di questa serata ». Intanto, ieri sera, Concetto Garofalo è stato trasferito in carcere per aver violato in più occasioni la misura restrittiva degli arresti domiciliari.

Una di queste volte è stata proprio sabato sera, in occasione del concerto organizzato nel campetto sportivo della parrocchia di Bosco Minniti. «Sono tante le persone che richiedono i locali parrocchiali per fare manifestazioni di vario tipo e io li do sempre con la massima disponibilità e gratuitamente – si difende padre Carlo D’Antoni, parroco di Bosco Minniti che nella sua chiesa da tempo accoglie i migranti – perché credo che la parrocchia debba promuovere e incoraggiare tutto ciò che porta allegria nel nostro quartiere periferico. Quando sono venuti gli organizzatori di questa serata, che io conoscevo solo di vista – precisa padre Carlo – non ho avuto nessun tipo di sospetto sul senso dell’iniziativa e mi sono comportato come ho sempre fatto. Del resto – ironizza – sarebbe ridicolo chiedere la fedina penale a chiunque mi domanda ospitalità in parrocchia per eventi di qualsiasi tipo. Chiaramente – conclude il parroco che non era presente la sera della manifestazione – se avessi saputo chi erano le persone che organizzavano questo evento e chi era il cantante, sicuramente avrei rifiutato di dare la disponibilità dei locali parrocchiali».

E così, mentre in molti altre parti d’Italia, sabato 3 settembre è stata una occasione per ricordare l’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, a Siracusa «come è stato possibile – si chiede ancora il deputato Pd – che soggetti conosciuti per la loro storia criminale siano riusciti a organizzare un evento dall’alto valore simbolico, fondamentale per mantenere il consenso sociale sul territorio?».

Nessuna comunicazione, nessuna autorizzazione, eppure la serata è stata organizzata con tanto di locandine, sbigliettamento e gente che ha pagato per entrare. «Io – continua Mattiello – temo che sia successo qualcosa perché, come si può vedere dalla prima locandina, all’inizio il concerto era previsto al campo sportivo, ma poi è stato dirottato nel campetto di questa parrocchia. Fra l’altro la rettifica è comparsa anche su un post di Facebook in cui una signora scrive: “Grazie ai soliti rompicoglioni non possiamo più fare il concerto al campo sportivo, ma lo facciamo a Bosco Minniti”. E allora – conclude – qualcuno lo sapeva che si stava organizzando questo evento e se poi verrà fuori che questo concerto invece era stato autorizzato ed era tutto in regola, allora questo sarebbe un aggravante».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]