Comunali, la corsa solitaria del sindaco senza avversari «Punto al terzo mandato ma responsabilità sono maggiori»

Un gruppo di medici in sala operatoria impegnati in un’operazione chirurgica. Momenti delicati, interrotti da risate e un trenino improvvisato con tanto si musichetta di sottofondo. Il tutto mentre un infermiere porta via il gioco in scatola dell’Allegro chirurgo. Alla fine il motto diventato tormentone pubblicitario: «Ti piace vincere facile? Bonci bonci bon bon bon». Michelangelo Giansiracusa, sindaco di Ferla in provincia di Siracusa, risponde in maniera convinta di «no». Poco importa se alle prossime elezioni amministrative correrà da solo come unico candidato alla carica di primo cittadino. Una tornata che sarà dichiarata valida a condizione che vadano a votare il 50 per cento dei ferlesi più uno. Per Giansiracusa sarebbe il terzo mandato con la fascia tricolore, naturale prosecuzione di un percorso cominciato nel 2011. Dopo dieci anni, il piccolo Comune sui monti Iblei – 2400 abitanti – è diventato un modello con un sindaco che ha puntato in maniera convinta sull’ambiente. 

«Sono l’unico candidato ma è anche vero che sento una responsabilità ancora maggiore», racconta al telefono Giansiracusa, poco dopo essere atterrato a Firenze. Tappa intermedia prima di spostarsi a Campi Bisenzio per un convegno organizzato da Legambiente nell’ambito del festival dell’economia civile. «La prima responsabilità è quella di essere la guida politica e civile di Ferla da dieci anni – continua – ma c’è anche la responsabilità nei confronti di coloro che non si sono voluti o potuti candidare, quindi l’obiettivo è rappresentare le istanze di tutti». A sostegno del sindaco uscente ci sarà una lista unica composta da dieci candidati, cinque uomini e altrettante donne: assessori designati Maria Carmela Lanteri e Giuseppe Malignaggi.

«Vivo la campagna elettorale con un impegno differente che però non è inferiore alle altre volte – spiega Giansiracusa a MeridioNews – Questa competizione per me non è una pratica da evadere anzi, ho maggiore impegno e carica». Nel 2011, quando il sindaco aveva 33 anni, vinse con poco più del 36 per cento dei consensi, superando tre candidati. Cinque anni dopo, la conferma con un plebiscito di voti e l’unico sfidante che si fermò a un risicato 7 per cento che a Ferla significa poche decine di voti. «Quest’anno c’erano delle persone che volevano proporsi ma non sono riusciti a presentare la lista – spiega – Bisogna sottolineare come il Covid-19 abbia limitato i momenti di comunità e, per questo motivo, mi auguro che le elezioni di ottobre possano essere l’occasione per un ritorno all’impegno civico e politico. Io dovrò avere la responsabilità di guidare questo percorso». 

In questi anni Giansiracusa, ex Pd che appartiene all’area Calenda come il sindaco di Siracusa Francesco Italia di cui è capo di gabinetto, ha puntato forte sulle politiche energetiche, una sorta di rivoluzione verde cominciata con la Eco-stazione e proseguita con la casa del compost e quella dell’acqua. In cantiere adesso c’è l’allestimento di una parete verticale verde, che sarà istallata nel prospetto dell’istituto comprensivo di Ferla. «Così depureremo le acque grigie dei servizi igienici della scuola. Abbiamo promosso Ferla fuori dai confini del Comune, la cittadina è cambiata in termini di consapevolezza e notorietà e di percezione esterna di buona amministrazione», continua. Ma cosa c’è nel futuro del candidato senza sfidanti? In tanti lo vorrebbero tra l’Ars e Roma ma lui, per il momento, assicura di essere concentrato sulla sua comunità sui monti Iblei: «Mi piacerebbe vivere questo genere di sfide ma non significa che voglio candidarmi per altro».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]