Ciminiere, radio d’epoca in mostra con testimonial d’eccezione

Trovate nei mercati antiquari e dai rigattieri di mezzo mondo in oltre quarant’anni di appassionata ricerca, funzionanti per il 99% grazie a un’attenta opera di restauro, le 450 radio raccolte dal collezionista catanese Francesco Romeo hanno dato vita alla straordinaria mostra permanente della radio, inaugurata da Renzo Arbore, testimonial d’eccezione, al Centro fieristico le Ciminiere di Catania. L’intera mostra, di straordinario valore, non solo economico, ma anche e soprattutto culturale, rappresenta un percorso nell’evoluzione tecnologica e stilistica della radio, con modelli quali “Radio Rurale”, “Radio Balilla”, “Radio Roma” e tanti altri, che riportano i visitatori indietro nel tempo.

Ad accogliere Arbore, che alla radio lega la sua carriera artistica – come lui stesso ricorda – con la trasmissione “ Cari amici vicini e lontani”, ( dal titolo dello slogan di Nunzio Filogamo ) nel 1984, più di un centinaio di persone. “Maestro. Vittorio Gassman una volta mi ha detto: attenzione a quando ti chiamano così vuol dire che sei in discesa”. Con questa battuta ha esordito Arbore, prima di inaugurare la mostra, rispondendo con simpatia, a chi lo ha più volte chiamato così di utilizzare l’appellativo al momento della sua dipartita. “La qualifica di “maestro programmatore di musica leggera” è l’unica che mi è riconosciuta grazie a un concorso che ho vinto alla Rai nel 1964 – ha sottolineato Arbore. La musica deve moltissimo alla radio che ne è stata il primo veicolo di diffusione – ha proseguito Arbore – Inauguro per la prima volta un museo dedicato a un oggetto di evasione, che oltre a fare sbizzarrire la fantasia dei designer che hanno realizzato miriadi di fogge dalle più pregiate alle più economiche, è stata importante nel passato, ma sono certo che la radio è un mezzo di ascolto del futuro”.

Arbore ha ricordato il suo legame con la radio professionale e di collezionista, aggiungendo quasi a voler rimarcare la coincidenza che nel 1937 moriva Guglielmo Marconi e nasceva lui. “Come ho detto anche alla figlia di Marconi, Elettra, io vivo nel mito di Gugliemo Marconi”.

Prima dell’inaugurazione della mostra, il professore Carlo D’Arrigo, storico della radio all’Università di Messina, ha tracciato brillantemente un rapido excursus della storia della radio, dalle sue origini a oggi. “La radio non è semplicemente uno strumento che permette di ascoltare un suono a distanza. L’ evoluzione della radio, di pari passo con l’evoluzione dell’elettronica, ha portato a tanti cambiamenti. La radio non nasce come strumento che conosciamo oggi, ma nell’idea di Marconi nasce come sistema di comunicazione a distanza e come sostituzione del telegrafo senza fili, difatti all’inizio Marconi definisce il sistema di comunicazione a distanza “telegrafia senza fili”.

“Ho iniziato da ragazzino, ma negli ultimi 25 anni ho iniziato a selezionare i pezzi più significativi –racconta Francesco Romeo, il proprietario delle radio concesse in comodato alla Provincia – Non è sufficiente ‘tesaurizzare’ le radio, ma si devono capire e conoscere. Io stesso faccio la lucidatura del legno, le riparo dal punto di vista elettrico, con le valvole, i potenziometri, con pezzi originali che possiedo, comprati in tempi insospettabili e che ora non si troverebbero più”.

A realizzare la mostra, alla quale era presente anche l’inseparabile amico e compagno di lavoro di Arbore, Gegè Telesforo, la Divisione del dipartimento cultura della provincia Regionale di Catania, che ha raccolto l’ eccellente intuizione della precedente amministrazione provinciale. A portare i saluti del presidente della provincia, Giuseppe Castigliane, assente per motivi istituzionali, l’assessore alle Politiche culturali Nello Catalano, il segretario generale della Provincia, Luigi Albino Lucifora, il direttore generale dell’Ente, Carmen Madonia, la dirigente dell’Ufficio Cultura, Domenica Pagliaro, il dirigente delle Ciminiere, Attilio Bruno.

La mostra permanente della radio è una full immersion nella nostra storia, un mezzo che ha permesso agli italiani, ancora prima della televisione, di comprendersi, da Nord a Sud.

La Mostra di Radio d’Epoca (Collezione Romeo ), seconda nel suo genere da Roma in giù, è aperta dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 12,30 e dalle 15 alle 17 alle Ciminiere.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]