Il flash mob degli uomini della Cgil Catania contro la violenza sulle donne. Segretaria Ghiglione: «Serve investire nel lavoro femminile»

«No alla violenza sulle donne». «No al linguaggio sessista». «Abbasso il Patriarcato». Sono tra i messaggi scritti nei cartelli tenuti in alto e agitati dagli uomini della Cgil Catania: una ventina di segretari del sindacato etneo che ha dato vita al flash mob durante l’iniziativa di preparazione della manifestazione nazionale del 7 ottobre a Roma. Presente a Catania anche la segretaria nazionale Lara Ghiglione. Un modo per legare gli insegnamenti della Costituzione ai diritti delle donne: tema caldo in Sicilia dopo lo stupro di Palermo e il femminicidio del Trapanese, il quinto sull’Isola, tra i 77 casi in Italia.

Ad aprire i lavori è stata Elvira Morana, responsabile per le Politiche di genere della Cgil Sicilia, che ha sottolineato come in Sicilia lavori appena il 30 per cento delle donne, spesso precarie, e con una differenza di 24,4 punti percentuali rispetto all’occupazione maschile. «Ci vuole un’azione sistemica di genere che intersechi tutti i settori – spiega Morana – Formazione, sanità, sociale, transizione ecologica, welfare. Se si vuole assicurare il futuro della regione, bisogna assicurare alle donne un ruolo centrale nei processo di sviluppo. Le donne possono fare la differenza».

«La lotta alla violenza sulle donne parte prima di tutto da una nuova consapevolezza maschile che deve attraversare le nostre famiglie, le nostre scuole, i nostri pensieri», dice Carmelo De Caudo, segretario generale della Cgil di Catania. Un tema che interseca naturalmente quello del lavoro, la cui mancanza è spesso tra i motivi principali di mancati allontanamenti da uomini violenti e denunce. «Da oltre 20 anni, si è avviato un processo di regressione in termini di perdita delle conquiste normative e legislative nel mondo del lavoro e in termini di uguaglianza e parità di diritti», spiega nella sua relazione Rosaria Leonardi, segretaria confederale etnea. Che ha esposto i dati sulla situazione occupazionale femminile a Catania, più grave della già non rosea media regionale con solo il 27,3 per cento delle donne tra 20 e 64 anni occupate. A preoccupare però è il 67 per cento delle inattive, cioè di quante catanesi non cercano ufficialmente lavoro.

Unica nota a prima vista positiva è il tasso di disoccupazione al 16,3 per cento, più basso rispetto al 2022: parziale ottimismo subito frenato dal dato sulle tipologie del lavoro femminile esistente. Per lo più part time involontario (26,3 per cento), contratti precari (21 per cento), una differenza di stipendio nel settore privato pari al 33 per cento, una percentuale di giovani donne tra i 15 e i 34 anni che non studiano né lavoro pari al 53,3 per cento, di cui il 16 per cento laureate. Dati che non tengono conto, ricorda Leonardi, «delle tantissime donne che lavorano in nero, nel sommerso e nell’irregolarità, nonché del tanto lavoro di cura in famiglia non riconosciuto socialmente». Problemi che avrebbero anche delle soluzioni: migliori servizi pubblici, più asili nido con rette di compartecipazione minime, consultori potenziati, medicina del territorio.

I lavori sono stati chiusi dalla segretaria nazionale Cgil Lara Ghiglione, che detta la linea: «C’è una cultura del possesso radicata. Bisogna investire sul lavoro, sulla partecipazione delle donne alla vita sociale, politica, ed economica del paese – spiega – L’emarginazione e la discriminazione delle donne sono la base che determina l’escalation, anche di violenza. La Cgil è in campo proprio per determinare un cambiamento culturale e sostanziale nella vita delle donne». «»


Dalla stessa categoria

I più letti

«No alla violenza sulle donne». «No al linguaggio sessista». «Abbasso il Patriarcato». Sono tra i messaggi scritti nei cartelli tenuti in alto e agitati dagli uomini della Cgil Catania: una ventina di segretari del sindacato etneo che ha dato vita al flash mob durante l’iniziativa di preparazione della manifestazione nazionale del 7 ottobre a Roma. […]

«No alla violenza sulle donne». «No al linguaggio sessista». «Abbasso il Patriarcato». Sono tra i messaggi scritti nei cartelli tenuti in alto e agitati dagli uomini della Cgil Catania: una ventina di segretari del sindacato etneo che ha dato vita al flash mob durante l’iniziativa di preparazione della manifestazione nazionale del 7 ottobre a Roma. […]

«No alla violenza sulle donne». «No al linguaggio sessista». «Abbasso il Patriarcato». Sono tra i messaggi scritti nei cartelli tenuti in alto e agitati dagli uomini della Cgil Catania: una ventina di segretari del sindacato etneo che ha dato vita al flash mob durante l’iniziativa di preparazione della manifestazione nazionale del 7 ottobre a Roma. […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]