Centri per l’impiego, prorogati per due mesi i contratti degli ex navigator. «Continuità con lavoro svolto finora»

Arriva una proroga, in attesa della stabilizzazione. Il presidente della Regione Renato Schifani ha prorogato i contratti dei 280 ex navigator fino al 31 dicembre. Assunti come figure intermediarie tra i percettori del reddito di cittadinanza, che dovevano aiutare a trovare lavoro, e i Centri per l’impiego, quella del navigator è stata una figura che all’interno degli ex uffici di collocamento hanno svolto diverse attività. Adesso la Regione ha annunciato la proroga, un prolungamento di contratto in risposta alla nota con la quale il ministero del Lavoro, lo scorso 28 ottobre, ha chiesto alle Regioni di manifestare la volontà sull’effettiva attuale esigenza di continuare ad avvalersi, fino al 31 dicembre, di questo personale che presta assistenza tecnica per il funzionamento del reddito di cittadinanza e del programma Gol (Garanzia occupabilità lavoratori) nei Cpi. 


 «La Regione – spiega il presidente Schifani – continuerà ad avvalersi di questo personale qualificato, in attesa che si completino le procedure concorsuali per le assunzioni previste per il potenziamento dei Centri per l’impiego della Sicilia. In questo modo si dà continuità al lavoro svolto finora e si garantisce il corretto funzionamento degli uffici. Gli ex navigator, fra l’altro, saranno anche impegnati per l’attuazione del programma Gol». L’operazione è a costo zero per la Regione, in quanto i fondi provengono dalla legge sul reddito di cittadinanza e sul potenziamento dei Cpi e, in particolare, sui risparmi che derivano del mancato completamento delle procedure selettive del personale di pari categoria da destinare proprio ai Cpi. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento