Catania SSD, la sfida contro il San Luca sarà in notturna. Assegnato l’appalto per il restyling dello stadio Massimino

A una settimana dall’esordio casalingo nel campionato di Serie D, il Catania SSD ha ripreso gli allenamenti a Ragalna con la vittoria sul campo del Ragusa ancora in testa, sperando di far tesoro delle sensazioni positive vissute durante il match e che hanno accompagnato anche le ore successive.

La sfida si giocherà alle 20:30 di mercoledì 28 settembre, poiché il San Luca ha accolto la richiesta della società rossazzurra di disputare l’incontro in serata, slittandolo di qualche ora rispetto a quanto previsto dal calendario.

Sarà quindi l’orario perfetto anche per assistere al pubblico delle grandi occasioni, tra i quasi diecimila abbonati che certamente si raggiungeranno per quella data e chi vorrà acquistare il biglietto per la singola partita.

Allo stadio ci sarà anche Ross Pelligra, che farà in tempo a tornare dall’Australia per partecipare da presidente alla prima sfida interna della sua squadra, dopo averla seguita in tv dall’altra parte del mondo in occasione del successo in terra iblea.

Intanto, come comunicato dall’Amministrazione comunale, lo stadio Angelo Massimino si appresta a cambiare volto, 25 anni dopo l’ultima ristrutturazione realizzata per ospitare le Universiadi del 1997.

Come si legge in una nota: “Si è infatti conclusa positivamente la gara a evidenza pubblica sul mercato elettronico, con l’assegnazione dell’appalto, ultimo passaggio di una complessa procedura di aggiudicazione. A eseguire i lavori per realizzare il progetto di riqualificazione, sarà l’impresa S.C.S Costruzioni Edili della provincia di Catania, che ha offerto un ribasso del 30,69 %, sulla base d’asta. L’apertura del cantiere, completati gli ultimi adempimenti di legge, è prevista per la fine del mese di Ottobre o al massimo nella prima decade di Novembre. La somma stanziata complessivamente ammonta a circa 6,5 milioni di euro, attinta dai fondi comunitari, frutto della rimodulazione della programmazione del Patto per  Catania, ora denominato Piano per lo sviluppo e la coesione, avvenuta un anno addietro. La direzione Politiche Comunitarie e Sport, diretta da Fabio Finocchiaro, concorderà con l’impresa appaltatrice che gli interventi di adeguamento dell’impianto, che dureranno circa un anno, non comportino intralcio alle partite interne del Catania, che si svolgeranno tutte nello stadio di Cibali. In tutti settori dello stadio Massimino verranno installati moderni seggiolini colorati, complessivamente 20806 e un tabellone luminoso largo ben 16 metri e alto 4 metri, che sostituirà quello esistente ormai inutilizzabile. Verrà rigenerata anche la pista d’atletica tra le poche del sud Italia a otto corsie, da parecchi anni in stato di abbandono; nuovi spogliatoi sono previsti per gli atleti e gli arbitri, con il rifacimento del sottopasso per l’accesso al campo; verranno riqualificati, inoltre, i servizi igienici di tutte le tribune dello stadio e rifatti gli impianti energetici; saranno rifatti la sala stampa, i corridoi della mix zone, la hall d’ingresso e altri interventi sulle recinzioni a vetri del parterre e quelle tra le tribune, tra cui un nuovo ampio spazio per cronisti e operatori radio tv. Il restyling interesserà anche il Cibalino, con la posa in opera del nuovo manto erboso sintetico e la manutenzione straordinaria dell’impianto”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento