Basta coi casolari di campagna ristrutturati zaurdi dai francesi: fate il vino e salvateci dal Nero d’Avola

Ma quanti soddi hanu sti spacchifrancisi ca si stanu accattannu tutti i casali e li ristrutturano col complesso di Napoleone manco ca sunu a Versailles. Pigghiunu i casali di campagna e ci fanno la reggia. Per questo i francisi hanno inventato la perfetta parola per definire gli arripudduti: parvenu.
Certo, qui nel sudest la muratura è contenta. Pottano i soddi. Si fano le piscine stritte e longhe che a iddi ci parunu chic e invece parunu vasche da bagno. Praticamente a posto delle piscine si muntunu i bidet all’aria aperta. Fossi sono poco dotati e si possono sciacquariari, ma uno, tipo, come a mia, giusto un bideuzzo veloce mi pozzu fare e se la piscina è, come si dice e come si potta, a sfioro, uno comu a mmia ci abbudda i badduzza e ce la svuota.

Appoi trasi intra e tutti i soddi ca non ci jittaru nde piscine (a cchi su belle quelle olimpioniche!) i jettunu nde salotti. Ma siti pazzi o sulu francisi? Allampadari, tappita persiani, aggenteria, i sebbizzi da duminica, i ddivani jianchi (i divani jianchi in campagna!). Au, francisi, viriti ca i casali in campagna erunu i casali dde famigghi nobbili ca avevunu i palazzi nde paisi e nde città. E u casularo in campagna avia a gghiessiri casularu… cco furnu a petra, a seggia di vimini, i menzaranci ppi ccociri i crastuni, i stivali di gomma, cetto non dico ca c’iata stari cco lume a gas… ma u lampadario di Murano no! Bedda lampadina a nudo che fa attimospera. Ma vuautri sti cosi ne capiti.

U sapiti, francisi, di cchi ni capiti? Di vino. Chiddu sì u sapiti fari. Allora, cari francisi ca vi pigghiunu ppi francisi e vi pigghiunu ppi spagnoli, finiscitaccilla di ristrutturare zauddo e iniziate a fare il vino. Picchì ‘na cosa sula c’è cchiu zaudda di vuiautri: u spacchiniuru d’avola, ca na vota si chiamava vinu di Pachino.
Volete fare un favore alla Sicilia? Vinificate. Fate vignaiuoli. Dormite ndei pagghiari (matarazzi fatti ca pagghia), cucinatevi l’ova fritti cco fornelletto ppo camping, basta ccu sti minchie di casulari ca parunu casi i punta. U vino u sapiti fare e fati chiddu!

Ca di vinu siciliano non ne putemo cchiui, noi siciliani.
Cetto poi ci sono anche i arripudduti siciliani.
Non è che ne mancano arripuddutazzi alla fiera.
Fate vino e fromage, accussì appoi, quannu fati i festi m’arricampo macari iù. Ppi viriri i divani jianchi e i lampadari di Murano no. Ca chiddi non su ppa campagna e se li vedo inizio a sbrizziare vomito sulle tovaglie di lino.
E vi salutai.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]